siria-10-anni-dopo.-cia-top-secret-file:-guerra-usa-pianificata-dal-1983

Siria 10 anni dopo. CIA TOP SECRET FILE: guerra USA pianificata dal 1983

Spread the love

26.262 Views

Un documento desecretato dell’intelligence americana

firmato dall’ex alto funzionario 007 Graham Fuller

conferma il sanguinario progetto con Israele e Turchia

per l’opposizione di Assad al gasdotto dei Fratelli Musulmani

Dieci anni dopo: in memoria di tutte le persone morte o ferite nella Guerra in-Civile in Siria

Almeno 600mila morti tra cui 55mila bambini. Più di 5mila di loro, alcuni di soli 7 anni, recrutati per combattere. Circa 12milioni di persone costrette ad abbandonare le loro case per trovare rifugio nei luoghi degli sfollati come Camp Al Rukban, più volte segnalato dall’ONU per la moria di fanciulli senza cure mediche e cibo. Sono questi i numeri più agghiaccianti della Guerra in-Civile scoppiata in Siria solo per l’obiettivo di regime-change voluto dagli Usa. Se ciò non è riuscito grazie all’intervento determinante della Russia che ha evitato una strage ancora peggiore per il popolo e l’Esercito Arabo Siriano che sostengono il presidente legittimamente eletto Bashar Al Assad.

AFRIN, L’INFERNO SIRIANO DI ERDOGAN. 188 Torturati a Morte, 127 Stupri, anche su Fanciulle Disabili, dei Jihadisti armati dalla Turchia sotto lo scudo NATO

La principale colpa di Assad è quella di essere un musulmano di confessione Alawita-Sciita e perciò considerato nemico dai Sunniti che controllano i paesi arabi del Golfo Persico (ad eccezione dell’Iran) e altre nazioni del Medioriente alleate dei Fratelli Musulmani di Turchia e Qatar che stanno portando avanti il massacro di militari e civili dopo l‘invasione del Rojava (il Nord Est siriano) decisa dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell’ottobre 2019, quando ormai il conflitto sembrava destinato ad esaurirsi.


di Fabio Giuseppe Carlo Carisio

articolo pubblicato da Gospa News il 17 settembre 2019

ENGLISH VERSION HERE

VERSION FRANCAISE ICI

«Attualmente la Siria ha un colpo micidiale sugli interessi degli Stati Uniti sia in Libano che nel Golfo, attraverso la chiusura del gasdotto iracheno, minacciando così l’internazionalizzazione della guerra in Iraq. Gli Stati Uniti dovrebbero prendere in considerazione l’intensificarsi della pressione nei confronti di Assad, orchestrando segretamente minacce simultanee contro la Siria da tre stati di confine ostili alla Siria: Iraq, Israele e Turchia».

In un documento degli 007 americani della CIA (Central Inteligence Agency), declassificato il 27 maggio 2008 e quindi disponibile come Open Source Intellgence (Osint), viene descritto il progetto occulto di aggressione militare contro la Siria da parte degli Stati Uniti e anche le ragioni per farlo. La firma del documento non è solo un agente segreto, ma Graham E. Fuller, che opera in Medio Oriente durante l’amministrazione del presidente Ronald Reagan (198-1989), che in seguito divenne vice presidente del National Intelligence Council.

BIDEN RIPRENDE LA GUERRA IN SIRIA. Bombardate le postazioni delle milizie iraniane: 22 morti

Tre sono le certezze che emergono dal documento: la necessità di minacciare il presidente siriano di allora Hafiz Al Assad, padre di Bashar, per la sua ostilità nei confronti del gasdotto iracheno Qatar-Turchia fortemente sostenuto dalla confessione musulmana dei Sunniti della Fratellanza Islamica, e quindi nemici degli Alawiti Sciiti che sostenevano e sostengono il capo del governo siriano, il radicamento di terroristi americani come forza di provocazione e la spinta all’azione militare nei confronti di Iraq, Israele e Turchia.

La prima pagina del documento desecretato della CIA

È sconcertante che il documento della CIA (link PDF sotto l’articolo) risalga al 14 settembre 1983, 23 anni prima dell’inizio ufficiale del finanziamento del Dipartimento di Stato USA per i ribelli anti-Assad, come rivelato in un precedente rapporto basato su un’indagine approfondita da parte del quotidiano britannico The Guardian.

I COSPIRATORI CONTRO ASSAD

Nel 2019, dopo circa mezzo milione di morti nella guerra civile siriana ancora in atto nei governatorati di Idlib e Deir Ezzor, a causa della presenza di jihadisti armati Hayat Tahrir al-Sham HTS armati dalla Turchia nel nord e altri terroristi alleati dei curdi SDF appaggiati dagli Stati Uniti nella valle dell’Eufrate, un’area molto ricca di petrolio che ora l’esercito Usa contrabbanda con l’aiuto dei terroristi.

SIRIA: TERRORISTI RECLUTATI DAGLI USA PER CONTRABBANDO DI PETROLIO

Il piano della CIA può essere considerato riuscito per quanto riguarda il ruolo di Israele, che da anni bombarda la Siria con la scusa speciosa di colpire le posizioni libanesi di Hezbollah e Pasdaran intervenute per aiutare Bashar Assad contro lo Stato islamico, e per quello della Turchia che ha conquistato Afrin lasciandola nelle mani di feroci jihadisti che commettono ogni tipo di abuso contro i Curdi.

SIRIA: BAMBINO DOWN RAPITO E UCCISO DAI JIHADISTI AIUTATI DAI TURCHI

IL PIANO DELLA CIA CONTRO ASSAD E SIRIA

Il documento dell’agente segreto Fuller, tuttavia, rivela uno scenario eccessivamente ottimista sul ruolo dell’Iraq che a quel tempo era ancora governato dal dittatore Saddam Hussein, ucciso solo nel 2006 dopo la seconda guerra del Golfo che distrusse il paese rendendolo incapace di un atto contro la Siria. Per questo, a Mosul, Al Baghdadi, il presunto agente della CIA ma anche uomo del Mossad secondo altre fonti, nel 2011 fondò, con l’aiuto degli Stati Uniti, l’ISIS (Daesh in arabo) che ha conquistato gran parte della Siria prima di essere sconfitto dall’esercito siriano SAA con l’aiuto di quello della Russia e delle milizie sciite della Guardia Reoubblicana libanese e iraniana.

AL BAGHDADI, IL CALIFFO ISIS E AGENTE MOSSAD-CIA NASCOSTO DAGLI USA

Per combattere i jihadisti sunniti dello Stato islamico in Iraq, durante la guerra civile in seguito alla caduta del despota, nel 2014 sono nate le Forze di Mobilitazione Popolare dell’Hashd al-Sha’abi, a maggioranza sciita, che hanno assunto sempre più potere, favorendo l’egemonia degli Sciiti a Baghdad e portando ad una nuova alleanza tra Iracheni e Iraniani.

GOLFO PERSICO: LANCIAMISSILI USA PER BLOCCARE L’ACCORDO IRAN-IRAK

Una collaborazione simile è nata tra la Siria e il Libano dal 2008 quando il presidente libanese ad interim Michel Aoun, un cristiano maronita, ha incontrato Bashar Assad, estremamente tollerante nei confronti di tutte le confessioni religiose, per consolidare la pace tra i due stati precedentemente impegnati in un grave ed aspro conflitto.

Detto questo, vediamo ora cosa scrisse la CIA nel 1983 da Graham Fuller. «L’Iraq, ritenuto sempre più disperato nella Guerra del Golfo, avrebbe intrapreso limitate operazioni militari (aeree) contro la Siria con l’unico obiettivo dell’ apertura del gasdotto. Sebbene l’avvio della guerra su un secondo fronte contro la Siria rappresenti un rischio considerevole per l’Iraq, la Siria dovrebbe anche affrontare una guerra su due fronti poiché è già fortemente impegnata nella Bekaa, nel Golan e nel mantenere il controllo sulla popolazione ostile e irrequieta all’interno della Siria» scrisse Graham Fuller nel 1983, nell’atto segreto della Cia ora di pubblica consultazione.

Il documento della CIA con il piano contro la Siria firmato da Graham Fuller

«Israele aumenterebbe simultaneamente le tensioni lungo il fronte libanese della Siria senza realmente andare in guerra. La Turchia, irritata dal sostegno siriano ai terroristi americani operanti nella Siria settentrionale, ha spesso preso in considerazione l’avvio di operazioni unilaterali contro i campi terroristici nella Siria settentrionale. Praticamente tutti gli stati arabi avrebbero simpatia per l’Iraq» possiamo leggere nel documento desecretato che è molto importante per l’alto profilo dell’autore.

IL GANGSTER SIONISTA NETANYAHU ATTACCA LA SIRIA PER SCATENARE L’INFERNO

Graham E. Fuller (nato il 28 novembre 1937) è un autore e analista politico americano, specializzato in estremismo islamico. Già vicepresidente del National Intelligence Council, ha anche ricoperto il ruolo di Capo Stazione a Kabul per la CIA. Un “pezzo di pensiero” che Fuller ha scritto per la CIA è stato identificato come determinante nel condurre l’affare Iran-Contra.

L’ex agente della CIA Graham Fuller

Ha servito 20 anni come funzionario delle operazioni nella CIA. Le assegnazioni includono pubblicazioni in: Germania, Turchia, Libano, Arabia Saudita, Yemen del Nord, Afghanistan e Hong Kong. Fuller è stato Kabul CIA Station Chief fino al 1978, quando è stato portato alla sede centrale della CIA a Washington, dove nel 1982 è stato nominato funzionario dell’intelligence nazionale per il Vicino Oriente e l’Asia meridionale. Nel 1986, la CIA lo ha nominato vicepresidente del National Intelligence Council .

Dopo una carriera nel Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e nella CIA della durata di 27 anni, è entrato a far parte del think tank della Rand Corporation come scienziato politico specializzato in Medio Oriente. A partire dal 2006, è stato affiliato alla Simon Fraser University di Vancouver, British Columbia, come professore aggiunto di storia. È autore di numerosi libri, tra cui The Future of Political Islam.

JIHAD SAUDITA, TOP SECRET FILES: DAI DETENUTI INVIATI IN SIRIA ALLE BOMBE IN SRI LANKA

IL GASDOTTO DELLA FRATELLANZA MUSULMA IN SIRIA

«Di fronte a tre fronti belligeranti, Assad (Hafiz – ndr) avrebbe probabilmente costretto ad abbandonare la sua politica di chiusura del gasdotto. Una simile concessione porrebbe fine alla guerra. Sarebbe un duro colpo per il prestigio della Siria e potrebbe influenzare l’equazione delle forze in Libano». Scriveva l’agente segreto della CIA in riferimento al gasdotto Qatar-Turchia.

Quella era una proposta per costruire un gasdotto dal giacimento Iran-Qatarari Pars Sud / North Dome Gas-Condensate verso la Turchia, dove poteva collegarsi con il gasdotto Nabucco per rifornire i clienti europei e la Turchia. Una rotta per la Turchia era attraverso l’Arabia Saudita, la Giordania e la Siria, e un’altra era attraverso l’Arabia Saudita, il Kuwait e l’Iraq. La logica della Siria per aver respinto la proposta del Qatar era detta “proteggere gli interessi del suo alleato russo, che è il principale fornitore europeo di gas naturale”.

Il progetto del gasdotto Qatar-Turchia

Nel 2012 un analista citato da Ansa Mediterranean ha suggerito che il coinvolgimento del Qatar nella guerra civile siriana si basava in parte sul suo desiderio di costruire un gasdotto in Turchia attraverso la Siria: “La scoperta nel 2009 di un nuovo giacimento di gas vicino a Israele, Libano, Cipro, e la Siria ha aperto nuove possibilità per aggirare la barriera saudita e garantire una nuova fonte di reddito.

DOSSIER TURCO: I 21 GRUPPI JIHADISTI FINANZIATI DA USA E CIA: armati coi micidiali missili TOW

I gasdotti sono già in atto per ricevere il gas in Turchia. Solo Al-Assad è in mezzo. Il Qatar insieme ai turchi vorrebbe rimuovere Al-Assad e installare il capitolo siriano dei Fratelli musulmani. È il miglior movimento politico organizzato nella società caotica e può bloccare gli sforzi dell’Arabia Saudita per installare un regime più fanatico basato sui Wahhabiti (Sunniti – ndr). Una volta che la Fratellanza è al potere, le ampie connessioni dell’Emiro con i gruppi della Fratellanza in tutta la regione dovrebbero rendergli facile trovare un orecchio amico e una mano aperta a Damasco”.

L’”ESERCIZIO REALE DEI MUSCOLI” CONTRO LA SIRIA

Ora il documento desecretato della CIA conferma questa teoria. «La Siria continua a mantenere un punto fermo su due interessi chiave degli Stati Uniti in Medio Oriente: il rifiuto siriano di ritirare le sue truppe dal Libano garantisce l’occupazione israeliana nel sud; la chiusura siriana del gasdotto iracheno è stata un fattore chiave nel mettere in ginocchio l’Iraq, spingendolo verso una pericolosa internazionalizzazione della guerra nel Golfo» ha scritto Fuller.

«Finora le iniziative diplomatiche hanno avuto scarso effetto su Assad (Hafiz – ndr), che finora ha correttamente calcolato le forze di gioco nell’area e ha concluso che sono solo debolmente schierate contro di lui. Se gli Stati Uniti vogliono frenare il ruolo rovinoso della Siria, posso solo farlo esercitando il reale tono muscolare che costituirà una minaccia vitale per la posizione e il potere di Assad» aggiunge il rapporto della CIA.

SPORCO DOPPIO GIOCO USA: ISIS LIBERO IN CAMBIO DI ORO

«Tale minaccia deve essere di natura primariamente militare. Al momento ci sono tre elementi relativamente ostili attorno ai confini della Siria: Israele, Iraq e Turchia. Bisogna prendere in considerazione l’orchestrazione di una credibile minaccia militare contro la Siria al fine di indurre almeno un moderato cambiamento nelle sue politiche – sottolinea l’agente segreto americano – Questo documento propone una seria esagerazione dell’uso di tutti e tre gli stati – agire in modo indipendente – per esercitare il minaccia necessaria. L’uso di uno qualsiasi degli stati in isolamento non può creare una minaccia credibile».

WUHAN-GATES 33 – SARS-2 DA LABORATORIO OCCULTATO DA 007 NWO. Come gli intrighi tra ISIS, Turchia, NATO e CIA

Alcuni anni dopo in Siria, durante la presidenza di Bashar Al Assad, è scoppiata una sanguinosa guerra con oltre mezzo milione di morti. Ora possiamo ringraziare la CIA e le politiche della Casa Bianca: «Portare muscoli veri e propri contro la Siria». Per rubare petrolio ed incrementare la lobby delle armi sionista-massonica.

Fabio Giuseppe Carlo Carisio


© COPYRIGHT GOSPA NEWS

divieto di riproduzione senza autorizzazione

SOURCES

CIA 1983 FULL DOCUMENT

NETANYAHU EMULA HITLER NELLA GUERRA RELIGIOSA ALLA SIRIA

LOBBY ARMI – 1: BLACKROCK E GLI ALTRI AFFARISTI DELLE GUERRE USA

MEDIORIENTE E TERRE DI GUERRE

JIHADISTI ISLAMICI – TERRORISTI – STRAGI

(Visited 2.322 times, 133 visits today)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *