le-collaborazioni-di-apple-con-i-regimi-totalitari-[the-ad-placement-id="posizione-manuale"]

Le collaborazioni di Apple con i regimi totalitari

Spread the love

Negli ultimi anni Apple sembra sempre più disposta a collaborare con governi autoritari, disinteressata a proteggere i propri utenti e riluttante a difendere i diritti umani in termini generali, come spesso descritto dal suo dipartimento marketing o dalle dichiarazioni dirette del CEO Tim Cook.

L’azienda è pronta a posizionarsi come un importante difensore dei diritti umani nel mondo aziendale, in particolare per quanto riguarda questioni come la privacy e la sicurezza degli utenti. Questo tuttavia sembra sempre più falso al punto da ingannare deliberatamente i suoi clienti ed il pubblico in generale. E come la maggior parte delle aziende del settore, Apple impiega una catena di approvvigionamento altamente problematica, il che fa sembrare la sua crociata sui diritti umani ancora meno autentica.

Più di recente c’è stata una disputa con ProtonVPN (la società che produce anche ProtonMail) su un aggiornamento per la sua app nell’App Store. Proton Technologies ha affermato che Apple stava intenzionalmente bloccando l’aggiornamento durante la repressione in corso in Myanmar. Ci sono poche prove dirette a sostegno di questa esatta affermazione. Sebbene dobbiamo concedere ad Apple il beneficio del dubbio in questa scomoda coincidenza, non sarei sorpreso se si trattasse di una mossa deliberata. Dopotutto, Apple ha già ritirato le app VPN dall’App Store in Cina. Per ora, possiamo presumere che questo sia un altro problema con il processo di revisione delle app eseguito male da Apple in cui le sue cosiddette regole vengono applicate arbitrariamente.

Ecco le azioni di censura adoperate da Apple

C’è ancora motivo di essere preoccupati, perché Apple non ha un record lodevole quando si tratta di cooperare con governi autoritari. Di seguito è riportata una breve cronologia degli eventi. Vediamoli.

Gennaio 2017, Apple rimuove NYT dall’App Store cinese

Apple, aderendo a quella che si dice fosse una richiesta delle autorità cinesi, ha rimosso le app di notizie create dal New York Times dal suo app store in Cina alla fine del mese scorso.

Fonte: New York Times

Luglio 2017, Apple rimuove le app VPN dall’App Store cinese

La Cina sembra aver ricevuto aiuto sabato da una fonte improbabile nella sua lotta contro gli strumenti che aiutano gli utenti a eludere il suo Firewall della censura di Internet: Apple.

Il software realizzato da società straniere per aiutare gli utenti a evitare il sistema di filtri Internet del paese è scomparso dall’app store.

Fonte: New York Times

Abbiamo ricevuto una notifica da Apple oggi, 29 luglio 2017, alle 04:00 GMT circa, che l’app iOS di ExpressVPN è stata rimossa dall’App Store cinese. La nostra ricerca preliminare indica che tutte le principali app VPN per iOS sono state rimosse.

Fonte: ExpressVPN

Settembre 2019, Apple adotta una “SIM canary”

Se inserisci una SIM di un operatore cinese, app come TikTok e Apple News non funzionano più.
Ricordati che in Cina TikTok è un’altra app chiamata Douyin

Non avevo idea che gli iPhone diretti in Cina venissero spediti con supporto fisico dual SIM. Tattica intelligente per gli utenti della regione.

Il Firewall si sta muovendo verso il metallo; le VPN non funzioneranno in quel futuro.

Fonte: Daniel Sinclair su Twitter

Ottobre 2019, Apple rimuove le emoji della bandiera di Taiwan in iOS 13

L’emoji della bandiera della Repubblica di Cina è scomparsa dalla tastiera di Apple iPhone per gli utenti di Hong Kong e Macao.

Fonte: The Verge

Ottobre 2019, Apple rimuove HKmap.live dall’App Store

Mercoledì scorso Apple ha rimosso un’app che consentiva ai manifestanti di Hong Kong di rintracciare la polizia

Fonte: MacRumors

Novembre 2019, Apple cambia la mappa della Crimea per soddisfare le richieste russe

Apple ha rispettato le richieste russe di mostrare l’annessa penisola di Crimea come parte del territorio russo sulle sue app.

Le forze russe hanno annesso la Crimea dall’Ucraina nel marzo 2014, suscitando la condanna internazionale.

La regione, che ha una maggioranza di lingua russa, viene ora visualizzata come territorio russo su Apple Maps e sulla sua app Meteo, se visualizzata dalla Russia.

Fonte: BBC

Febbraio 2020, Apple ha rimosso Plague Inc. dall’App Store cinese

Il popolare gioco di simulazione di infezioni Plague Inc. è stato rimosso dagli app store cinesi, come hanno notato gli utenti Apple e Xiaomi oggi, dopo aver goduto di una rinnovata popolarità durante l’epidemia di Covid-19.

Fonte: Techboom

Perché è importante: la rimozione mostra quanto siano serie le autorità del paese nel gestire la percezione pubblica del virus.

Le autorità cinesi sono note per vietare contenuti per adulti e giochi con messaggi nascosti politicamente sensibili. Plague Inc. è stata elogiata per il suo valore educativo e l’approccio scientifico.

Ottobre 2020, Apple ha costretto Telegram a chiudere i canali gestiti dai manifestanti bielorussi

Scott Chipolina, scrivendo per Decrypt:

Apple chiede che Telegram chiuda tre canali utilizzati in Bielorussia per smascherare le identità di individui appartenenti al regime autoritario bielorusso che potrebbero opprimere i civili.

Fonte: Decrypt

Settembre 2020, Apple aiuta a rintracciare il manifestante BLM

Chiunque creda che Apple e l’FBI siano in un vicolo cieco sulle indagini sui clienti criminali del produttore di iPhone dovrebbe ricredersi. A Seattle, Apple ha fornito ai federali prove vitali da uno dei suoi utenti iCloud che è stato arrestato per aver bombardato le auto della polizia durante le proteste di George Floyd a fine maggio.

Fonte: Forbes

Il caso mostra come Apple sia disposta ad aiutare anche laddove il contesto del crimine è controverso, ovvero le proteste di Black Lives Matter.

(Nota: forse ti starai chiedendo perché ho incluso gli Stati Uniti in un elenco di governi autoritari. Permettimi di ricordarti la scandalosa brutalità della polizia che abbiamo visto la scorsa estate)

Secondo quanto riferito, Apple ha abbandonato i piani per implementare la crittografia end-to-end completa per tutto iCloud.

Sebbene questo rapporto non sia confermato, sembra plausibile. Dopo anni di miglioramento progressivo della sicurezza di iOS e di promozione della sua ferma posizione sulla privacy, perché Apple non ha fornito la crittografia end-to-end per iCloud? Capisco che ci siano molte sfide tecniche, ma sicuramente dovrebbe essere una priorità assoluta.

Dicembre 2020, Pham v. Apple

In questo incontro, i supervisori Apple imputati hanno dichiarato che l’app Guo Media è critica nei confronti del governo cinese e, pertanto, dovrebbe essere rimossa dall’App Store.

Fonte: Michael Tsai

Il querelante Pham ha risposto affermando che l’app Guo Media pubblica valide denunce di corruzione contro il governo cinese e il Partito comunista cinese e, pertanto, non dovrebbe essere rimossa. Il querelante Pham ha inoltre detto ai suoi supervisori che l’app Guo Media non contiene contenuti violenti né incita alla violenza; non viola nessuna delle politiche e procedure di Apple convenute relative alle App; e, quindi, dovrebbe rimanere sull’App Store per una questione di libertà di parola.

Febbraio 2021, Apple rimuove le app sotto richiesta del governo pakistano

Negli ultimi due anni, il governo del Pakistan ha costretto Google e Apple a rimuovere le app nel paese create da sviluppatori con sede in altre nazioni che fanno parte di una minoranza religiosa repressa

[…]

In questione sono sette app religiose create dalla comunità Ahmadi negli Stati Uniti, pubblicate con il nome di “Comunità musulmana Ahmadiyya”.

Fonte: BuzzFeed

Marzo 2021, Apple avrebbe accettato di preinstallare software russo

I media russi riferiscono che Apple ha accettato di vendere i suoi dispositivi in Russia con software preinstallato di fabbricazione russa per conformarsi a una legge che entrerà in vigore il 1 ° aprile.

[…]

L’elenco dei programmi approvati dal governo russo per la preinstallazione obbligatoria su smartphone e tablet include il motore di ricerca Yandex, Mail.ru mail and news, ICQ messenger, social network VKontakte, sistema di pagamento MirPay e antivirus Kaspersky Lab, tra gli altri.

Fonte: RadioFreeEurope

Conclusione

Quindi cosa ha a che fare tutto questo con gli sviluppatori di app? Perché dovremmo preoccuparci? Quando si tratta di iOS App Store, Apple controlla dove siamo autorizzati a distribuire le nostre app. Ancora più importante, Apple ha il potere unilaterale di rimuovere le nostre app da qualsiasi regione dell’App Store in qualsiasi momento per coltivare il suo rapporto con qualsiasi governo sgradevole a cui è interessata al fine di perseguire i suoi motivi politici o obiettivi finanziari.

L’articolo Le collaborazioni di Apple con i regimi totalitari proviene da TechBoom.

Related Posts