infibulazione:-chiusura-chirurgica-delle-grandi-labbra-nella-donna-e-pratica-simile-nell’uomo.
Spread the love

Cos’è l’infibulazione e perché questa pratica chirurgica viene applicato. Vengono cucite assieme le grandi labbra dopo aver eliminato la clitoride. Viene eseguita anche sugli uomini.

L’infibulazione è la pratica della chiusura chirurgica delle grandi labbra (labbra esterne della vulva) cucendole insieme per sigillare parzialmente la vagina, lasciando solo un piccolo foro per il passaggio dell’urina e del sangue mestruale.

Le gambe sono legate insieme per circa due settimane per consentire alle labbra di guarire in una barriera. La procedura viene solitamente eseguita su ragazze giovani prima dell’inizio della pubertà, per garantire la castità.

Di solito viene eseguita contemporaneamente al taglio genitale femminile (rimozione della clitoride). Spesso vengono rimosse anche le piccole labbra (labbra interne della vulva). Il taglio genitale femminile viene spesso confuso con l’infibulazione, ma sono procedure distinte.

Ragioni per l’infibulazione.

I professionisti credono che l’infibulazione renda le donne sessualmente inattive, improbabile che intraprendano rapporti sessuali, e la barriera visibilmente intatta dell’infibulazione assicura al marito che ha sposato una vergine.

La barriera prodotta dall’infibulazione viene solitamente attraversata al momento del matrimonio di una ragazza dall’azione forzata del pene del suo nuovo marito, o, se non riesce, tagliando chirurgicamente il tessuto connesso.

Entrambe le procedure vengono tipicamente eseguite senza anestesia, in condizioni antigeniche, su bambini ben al di sotto dell’età in grado di dare il consenso informato. Alcuni soggetti di infibulazione hanno avuto infezioni, gravi disturbi riproduttivi e / o morte.

Queste pratiche sono state ampiamente condannate da altre culture come barbare e crudeli. Secondo la campagna End Fistula delle Nazioni Unite, questa particolare forma di mutilazione genitale femminile provoca spesso danni agli organi, incontinenza urinaria e fistole ostetriche.

Infibulazione maschile.

Storicamente l’infibulazione si riferiva anche alla sutura del prepuzio dell’organo maschile. Questo è stato eseguito sugli schiavi nell’antica Roma per garantire la castità, così come volontariamente in alcune culture. Senza rimuovere il tessuto, aveva lo scopo di prevenire i rapporti sessuali, ma non la masturbazione.

L’uso della parola “infibulazione” è stato applicato solo di recente alla pratica africana più severa. Tradizionalmente, la pratica africana era chiamata “circoncisione faraonica” e non è tecnicamente infibulazione.

Nell’antica Grecia, atleti, cantanti e altri artisti pubblici si infibivano usando un fermaglio o una corda per chiudere il prepuzio e tirare il pene da un lato, in una pratica nota come kynodesmē (letteralmente “controllo del cane”). Questo era visto come un segno di moderazione e astinenza, ma era anche collegato a preoccupazioni di modestia; nelle rappresentazioni artistiche, era visto come osceno e offensivo mostrare un pene lungo e in particolare la testa del pene. Molti esempi di kynodesmē sono raffigurati su vasi, quasi esclusivamente confinati a simposias e komast, che sono come regola generale uomini più anziani (o almeno maturi).

Legare il pene con una corda era un modo per evitare quello che era visto come lo spettacolo vergognoso e disonorevole di un pene esposto, qualcosa che veniva ritratto solo nelle raffigurazioni di coloro senza reputazione, come schiavi e barbari. Ha quindi trasmesso il valore morale e la modestia del soggetto.

L’articolo Infibulazione: chiusura chirurgica delle grandi labbra nella donna e pratica simile nell’uomo. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.