Spread the love

Michela Murgia magari si sentirà intimidita dalla sua uniforme, ma oggi bisogna riconoscere che se il paese sta ormai uscendo dalla pandemia è grazie ad una campagna di vaccinazione efficace e ben organizzata. Per la quale non si può che ringraziare il Generale Figliuolo.

Mentre per mesi l’Italia è stata il fanalino di coda d’Europa ed uno dei paesi più imbarazzanti nella gestione dell’emergenza in tutto il mondo, oggi il paese ha riscattato la propria dignità.

Al caos, all’indecisionismo della politica, alle scelte discutibili e precarie della precedente gestione, Francesco Figliuolo ha risposto con poche chiacchiere. Scelte chiare ed una velocità di esecuzione da manuale. Oltre l’80% degli italiani sarà vaccinato entro l’autunno.

Questo servitore dello Stato ha dimostrato pubblicamente anche l’etica che anima ed ispira le scelte di chi ha deciso di servire il paese ogni giorno.

È paradossale che gli anziani e le categorie a rischio abbiamo dovuto attendere l’arrivo di in generale per ottenere un equo criterio di precedenza che gli sarebbe spettato di diritto. E che invece spesso era stato spesso riservato ad altre categorie più per ragioni politiche che di buon senso.

Un uomo che ha saputo ridare un barlume di dignità ad un paese che la stava perdendo.

Più che avere paura dell’uniforme, probabilmente la politica dovrebbe ispirarsi ai valori che hanno reso possibile una campagna vaccinale di massa gestita in maniera esemplare.

Bisogna che i rappresentanti delle istituzioni emulino, nel servire il paese, un uomo che ha fatto il suo dovere per l’Italia. Non perché doveva risponderne a qualcuno o perché doveva consolidare una posizione di potere. Ma per la sola ragione che dovrebbe essere alla base dell’operato di ogni eletto e di ogni rappresentante della collettività: il bene comune.

Leggi anche: Educazione pakistana, Saman strangolata per il no al matrimonio

www.facebook.com/adhocnewsitalia

www.youtube.com/adhoc

Tweet di ‎@adhoc_news

SEGUICI SU GOOGLE NEWS: NEWS.GOOGLE.IT