Forte dei Marmi: alle fiamme lo storico ristorante Gilda

Spread the love

Sono le 5 del mattino quando il lungomare di Forte dei Marmi è squarciato dalle sirene dei Vigili del Fuoco. Le prime luci dell’alba lampeggiano di fiamme, si oscurano di fumo. Lo storico ristorante Gilda è in fiamme.

Ormai bagno e ristorante sono completamente distrutti: un cumulo di macerie e di cenere. E non pensiamo alla sfortuna. Credo proprio che non c’entri niente. Qui c’è molto probabilmente la mano dell’uomo. Meschino e invidioso.

Già, perché dopo un anno terrificante come quello appena trascorso, un ristorante come Gilda non prende fuoco per mera sfortuna. Ha tutti i connotati di un atto deliberato e ben mirato.

Riccardo e Ilda, i due proprietari, hanno preso il ristorante di mamma Gilda e lo hanno trasformato in una macchina da guerra. Addirittura due anni fa avevano comprato il bagno accanto e raddoppiato i coperti e gli ombrelloni. Senza mai avere un calo di qualità e di servizio.

Riccardo e Ilda li trovi al Gilda a qualsiasi ora del giorno e della notte. Sempre a lavorare. Sempre col sorriso. È questo il loro segreto: stare sul pezzo. Con risultati visibili a tutti: sempre e costantemente pieni.

E questo evidentemente ha causato molte gelosie. Alcune anche criminali evidentemente. Infatti a 5 ore dall’inizio dell’incendio, del Gilda di Forte dei Marmi è rimasto solo un bel ricordo. Molto triste.

Stagione compromessa

Puoi essere bravo quanto vuoi. Avere le spalle larghissime. Ma la stagione è compromessa. Sicuramente interverrà la magistratura e prima di due mesi i lavori non inizieranno di certo. Fatto sta che l’unica fonte di guadagno per i due ristoratori di Forte dei Marmi, è andata letteralmente in fumo.

Cui prodest? Dicevano i latini. Follow the money, dicono gli americani. Le indagini si dovranno concentrare su chi si arricchirà a scapito del Gilda.

Una cosa è abbastanza risaputa da chi, come me, conosce Forte dei Marmi da decenni. Ogni tanto un ristorante, un locale che comincia ad essere importante, prende misteriosamente fuoco. E qualche altro ristorante aumenta la propria clientela.

La storia si ripete, sempre. Un grosso in bocca al lupo non solo a Ilda e Riccardo, ma a tutto il personale del Gilda. Troverete di sicuro la forza di ripartire!

Leggi anche: “Una carriera da capitano per finire camerata. Totti servo dei sionisti”

www.facebook.com/adhocnewsitalia

www.youtube.com/adhoc

Tweet di ‎@adhoc_news

SEGUICI SU GOOGLE NEWS: NEWS.GOOGLE.IT

Related Posts