zorzi-e-platinette:-la-resa-dei-conti-al-maurizio-costanzo-show

Zorzi e Platinette: la resa dei conti al Maurizio Costanzo Show

Spread the love

Televisione

L’atteso faccia a faccia tra i due dopo le frecciatine e stoccate degli ultimi mesi

Pubblicato su

Tommaso Zorzi e Platinette, vero nome Mauro Coruzzi, hanno finalmente avuto un confronto diretto. Da mesi i due si punzecchiano tra tv, giornali e social. Una guerra a distanza che ha poi trovato il suo epilogo al Maurizio Costanzo Show, dove entrambi sono stati ospiti della puntata in onda su Canale 5 mercoledì 31 marzo 2021.

Ad aprire il discorso è stato Platinette, che ha subito voluto mettere le cose in chiaro con il vincitore del Grande Fratello Vip 5. Ricordando quella volta in cui a Buona Domenica si è tolto per la prima volta la parrucca, Platinette ne ha approfittato per punzecchiare l’opinionista dell’Isola dei Famosi:

“Al contrario di quello che può pensare Tommaso, se io non rappresento gli omosessuali italiani è perché non voglio rappresentare nessuno. Ciascuno di noi è fatto in maniera differente. Dato che mi hai promesso due sberle dalla Casa del Grande Fratello vorrei sapere se hai ancora voglia di darmele”

Non si è fatta attendere la replica di Tommaso Zorzi:

“Il discorso è molto semplice: se tu mi esci con delle interviste sulla legge Zan, la legge per i diritti…”

“Non era la legge Zan”, ha controbattuto Platinette. “Se si cita, si cita bene, se posso insegnarti qualcosa”, ha aggiunto piuttosto agguerrito come potete vedere nel video più in basso.

Tommaso Zorzi ha così fatto sapere:

“Tu parlavi degli omosessuali che si lamentano delle aggressioni omofobe e lo hai chiamato un vittimismo LGBT”

Dichiarazioni che non sono piaciute a Platinette:

“Non è vero, vai a rileggere l’intervista. La mia lamentela era data dal fatto che detesto che le coppie gay di uomini affittino gli utero perché non è un forno per fare i figli a loro immagine e somiglianza”

“Questo è un tuo pensiero”, ha rimarcato Tommaso Zorzi. Platinette ha poi continuato così: “Gli omosessuali hanno un senso del vittimismo esagerato. Io non voglio rappresentare nessuno”. “Perdonami, ma nella posizione privilegiata in cui sei potevi esprimerti in maniera diversa, più clemente per la comunità LGBT”, ha osservato Zorzi.

Il confronto è stato poi bruscamente interrotto dal padrone di casa Maurizio Costanzo che ha preferito andare avanti con la sua trasmissione.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *