yves-saint-laurent-dice-addio-alle-pellicce-animali
Spread the love

Svolta green per uno dei brand del lusso più amati di sempre.

Yves Saint-Laurent dirà per sempre addio all’utilizzo di pellicce animali per le proprie collezioni d’alta moda.

Il marchio di lusso del gruppo Kering va così ad allinearsi alla tendenza di altri grandi case di moda: da Stella McCartney a Gucci, che hanno deciso di optare per un fashion rispettoso del pianeta.

Stop alle pellicce per Yves Saint-Laurent dal prossimo autunno:

La maison francese, da sempre amatissima dalle più accanite fashion victims e da sempre pionera rispetto alle nuove tendenze del mercato, ha deciso di rinunciale alle pellicce animali.

Le creazioni di lusso di Yves Saint Lauren, esattamente come quelle di Brioni, faranno a meno delle pellicce animali a partire dalle collezioni destinate all’autunno-inverno 2022.

Questa scelta è dettata da Kering, gruppo di cui fanno parte entrambe le maison e che ha dettato questo tipo di linee guida, a cui si sono adeguati tutti i marchi del gruppo.

Non solo Yves Saint Laurent

La decisione di fare a meno delle pellicce di origine animale per le creazioni d’alta moda del fashion luxury è stata adottata da molteplici marchi nel corso degli ultimi anni.

Da Gucci a Balenciaga, da Aleksander McQueen a Bottega Veneta, ormai da diverse stagioni vediamo sfilare sulle passerelle più prestigiose del mondo soltanto creazioni in eco-pelle o realizzate con pellicce sintetiche di ogni genere.

Proprio la maison di lusso Gucci è stata la prima, all’interno del gruppo Kering, a dare il via a questa nuova tendenza luxury green.

L’orgoglio dell’alta moda italiano, Gucci, infatti ha detto stop alla crudeltà sugli animali per creare abiti ed accessori a partire dall’ottobre 2017, dando il via a questa “catena virtuosa” che ha visto tutti i più importanti marchi fashion luxury abbracciare questa filosofia di produzione.

 

The post Yves Saint-Laurent dice addio alle pellicce animali appeared first on Excellence Magazine.