“vladimir-l’avvelenatore”:-la-sentenza-di-alexei-navalny

“Vladimir l’avvelenatore”: la sentenza di Alexei Navalny

Spread the love

Durante l’attesa dell’udienza, il leader dell’opposizione sorride e disegna con le mani un cuore a sua moglie.

Yulia Navalnaya
Yulia Navalnaya (Getty Images)

Nonostante l’emergenza coronavirus, a udire l’udienza di Alexei Navalny vi erano anche sua moglie e la stampa. In attesa della sentenza definitiva, il dissidente politico ha sorriso fino all’ultimo dalla gabbia di vetro, disegnando a sua moglie Yulia un cuore con le mani. “Sei una ragazzaccia” – le ha riferito – “ho sentito che continui a violare l’ordine pubblico: sono fiero di te.” Durante l’annuncio della Corte sulle due ore di stop al processo, “Ordiniamo McDonald’s?” – ha domandato il dissidente, suscitando l’ilarità generale:

“Secondo quanto riferisce l’РБК (rbc), il leader dell’opposizione dovrà restare dietro le sbarre per 2 anni e 8 mesi di carcere. La decisione è stata presa da Natalya Repnikova, giudice del Tribunale distrettuale Simonovsky di Mosca. Fuori dall’ufficio le forze dell’ordine seguitavano ad arrestare i suoi sostenitori in fervente protesta. Negli ultimi due weekend, decine di migliaia di persone hanno manifestato in diverse città della Russia per il rilascio di Navalny. Le insurrezioni sono state soffocate tra colpi di manganello e ondate di arresti: domenica scorsa questi ultimi sono stati oltre 5.600.

LEGGI ANCHE >>> Omicidio su commissione, morte due donne: l’intricato svolgimento dei fatti

Navalny: “Vladimir Putin l’avvelenatore”

#Russia, l’oppositore russo #Navalny condannato a 3 anni e mezzo di carcere #lapresse https://t.co/hIbzXYNcj9

— LaPresse (@LaPresse_news) February 2, 2021

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Atroce morte di una giovane insegnante: da soli tre giorni aveva ricevuto un nuovo incarico

Oltre e Yulia Navalnaya e i giornalisti, in aula vi erano anche numerosi diplomatici provenienti da una ventina di Stati europei. Sia il Cremlino sia il Ministero degli Esteri hanno definito la loro presenza come “interferenza negli affari interni della Russia.” Al termine della giornata, il giudice ha letto la sentenza: confermato l’arresto di Navalny per alla violazione dei termini di una condanna ricevuta alcuni anni fa. Tuttavia, la detenzione per l’oppositore del Cremlino si riduce da 3 anni e mezzo a 2 anni e 8 mesi: il giudice ha deciso di prendere in considerazione l’anno di detenzione domiciliare già scontato per il caso Yves Rocher.

“Imprigionarmi non è difficile.” – ha esordito Navalny – “Non è importante quello che sta accadendo a me, ma il motivo per cui tutto questo sta accadendo.” Il dissidente si rivolge ai suoi sostenitori, invitandoli a non desistere, a non lasciarsi intimorire: è necessario continuare a lottare. “Il teatrino illegale arresta una persona con lo scopo di spaventarne milioni”, ha continuato il crociato anti-corruzione. “Abbiamo dimostrato che a commettere l’attentato contro di me è stato il presidente stesso e questo lo fa impazzire. Tempo fa c’era Alessandro il Liberatore o Yaroslav il Saggio. Noi abbiamo oggi Vladimir l’Avvelenatore.”

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Secondo quanto ha riferito il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, Vladimir Putin non sta seguendo gli aggiornamenti relativi al caso Navalny e al suo processo giudiziario.

Fonte РБК (RBC)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *