vertigini-e-vomito:-cause,-sintomi-e-trattamento.

Vertigini e vomito: cause, sintomi e trattamento.

Spread the love

Vertigini e vomito. Come gestire questi due problemi di salute? Da cosa sono provocati e come si risolvono?

Le vertigini sono una condizione che si verifica quando ti senti stordito, debole o fisicamente instabile. Alcune persone potrebbero sentirsi come se la stanza stesse girando intorno a loro.

Il vomito (o emesi) si verifica quando il contenuto dello stomaco viaggia verso l’alto dallo stomaco all’esofago e fuori dalla bocca. Il vomito può essere forte e doloroso. Il vomito cronico può danneggiare i denti e il delicato rivestimento dell’esofago e della bocca, poiché il vomito è altamente acido.

Cause.

Diverse cause possono farti vomitare o avere vertigini. Le cause di vertigini e vomito possono includere:

  • Gittata cardiaca interessata: quando il tuo cuore non pompa correttamente, la pressione sanguigna può scendere. Ciò può provocare vertigini e vomito.
  • Ansia: intense sensazioni di ansia possono portare a sintomi fisici, come vertigini e vomito.
  • Infiammazione dell’orecchio interno: l’orecchio interno è responsabile per aiutare a mantenere l’equilibrio nel corpo. L’infiammazione dell’orecchio interno può causare vertigini che portano a nausea e vomito.
  • Farmaci: farmaci inclusi sedativi, chemioterapia, tranquillanti e farmaci antiepilettici possono tutti causare vertigini e vomito.
  • Emicrania vestibolare: le emicranie sono mal di testa che possono causare sintomi intensi, tra cui vertigini, nausea e sensibilità alla luce e al rumore.

Altre cause comuni includono:

  • disidratazione;
  • chinetosi;
  • Malattia di Ménière;
  • ulcere gastriche e duodenali;
  • basso livello di zucchero nel sangue;
  • ingerire veleno o respirare sostanze chimiche nocive;
  • SARS (sindrome respiratoria acuta grave);
  • aneurisma dell’aorta addominale;
  • beriberi;
  • ematoma epidurale;
  • avvelenamento da dopobarba;
  • avvelenamento da monossido di carbonio;
  • morsi o punture di animali marini;
  • neuroma acustico;
  • crisi addisoniana (crisi surrenalica acuta);
  • avvelenamento da alcol isopropilico;
  • crisi parziali;
  • mal di montagna acuto;
  • chetoacidosi alcolica;
  • vertigine posizionale benigna;
  • labirintite;
  • sindrome da shock tossico;
  • neuropatia autonomica;
  • emicrania;
  • endometriosi;
  • iperemesi gravidica;
  • agorafobia;
  • attacco di panico;
  • influenza;
  • overdose di caffeina;
  • gastroenterite virale.

Vertigini e vomito nei bambini.

Nei bambini, vertigini e vomito possono essere segni di:

  • pressione sanguigna bassa: particolarmente evidente quando ci si alza troppo velocemente dopo essersi seduti;
  • basso livello di zucchero nel sangue: può verificarsi se un bambino è diabetico, ha fatto molto esercizio fisico o non ha mangiato per diverse ore;
  • intossicazione alimentare: può causare vomito e diarrea e portare a disidratazione se il bambino non beve abbastanza liquidi;
  • disidratazione: può derivare da un consumo insufficiente di liquidi durante il giorno.

Nei casi più gravi, questi sintomi possono essere causati da:

  • problemi al sistema nervoso centrale, dovuti a processi intracranici o alla presenza di troppi liquidi nel cervello;
  • problemi all’orecchio interno, che possono causare una perdita di equilibrio, con conseguenti vertigini e vomito;
  • condizioni cardiache, come un infarto o un ictus;
  • sanguinamento interno, che può derivare da un trauma al corpo e portare a vertigini e vomito a causa della perdita di sangue;
  • ingerire veleno o respirare sostanze chimiche nocive;
  • disturbi neurologici, articolari, muscolari o sensoriali, che possono provocare una perdita di equilibrio e orientamento, causando vertigini e vomito;
  • alcuni farmaci, come quelli usati per trattare i disturbi psichiatrici.

Vertigini e vomito nelle donne in gravidanza.

Nausea mattutina.

Vertigini e vomito possono colpire alcune donne in gravidanza. In molti casi, questi sintomi sono il risultato della nausea mattutina e non sono motivo di preoccupazione. La nausea mattutina può verificarsi già tre settimane dopo il concepimento. È il risultato dell’aumento dei livelli degli ormoni estrogeni e progesterone nel corpo. Questi ormoni fanno svuotare lo stomaco più lentamente.

Odori.

Le donne incinte hanno anche un senso dell’olfatto acuto. Alcuni odori, inclusi cibi come pesce o carne, profumo e fumo di sigaretta, possono causare vertigini e vomito. Le donne che soffrono di sensibilità agli odori dovrebbero provare a fare pasti piccoli e frequenti durante il giorno ed evitare cibi che hanno odori sgradevoli o forti.

Vasi sanguigni dilatati.

Anche i vasi sanguigni del corpo si dilatano e la pressione sanguigna scende durante la gravidanza, provocando vertigini. Le donne incinte dovrebbero evitare di stare in piedi per lunghi periodi e alzarsi lentamente dopo essersi sdraiate o sedute per evitare vertigini. Se ti senti stordito mentre sei in piedi, sdraiati sul lato sinistro.

Gravidanza extrauterina.

In alcuni casi, vertigini e vomito durante la gravidanza possono essere segni di un problema. Se manifesti forti capogiri insieme a dolore addominale o sanguinamento vaginale, potresti avere una condizione grave chiamata gravidanza ectopica.

In una gravidanza extrauterina, un ovulo fecondato si impianta all’esterno dell’utero. Se non trattata, questa condizione può essere pericolosa per la vita.

Quando è opportuno chiede aiuto al Medico o al 118.

Chiama il 118 o chiedi a qualcuno di accompagnarti in ospedale se pensi di avere un infarto o un ictus.

Rivolgiti al medico se sei incinta e questi sintomi influenzano la tua capacità di mangiare, bere o dormire.

Le vertigini e il vomito spesso scompaiono senza trattamento, ma dovresti consultare un medico se vomiti sangue, senti le feci sanguinolente o perdi conoscenza.

Rivolgiti al medico se i tuoi sintomi non scompaiono entro due o tre giorni.

Rivolgiti al medico se i tuoi sintomi sono accompagnati da febbre, alterazioni della vista o dell’udito o debolezza / intorpidimento / formicolio alle braccia e alle gambe.

Diagnosi delle cause di vertigini e vomito.

Il medico proverà a determinare la causa delle vertigini e del vomito. A tal fine, potrebbe porre diverse domande, tra cui:

  1. Stai assumendo nuovi farmaci?
  2. Hai mai avuto questi sintomi prima?
  3. Quando sono iniziati i tuoi sintomi?
  4. Cosa peggiora o migliora i tuoi sintomi?

Dopo aver raccolto la tua storia medica, il medico eseguirà un esame fisico. Se sei incinta, lui o lei probabilmente eseguirà un esame pelvico per controllare il tuo sistema riproduttivo per problemi.

Il medico può anche eseguire:

  • esami del sangue, per controllare la conta delle cellule del sangue e i livelli di elettroliti nel sangue;
  • test di funzionalità epatica, per escludere disidratazione e infezione;
  • analisi delle urine, per testare i livelli di diverse sostanze chimiche nelle urine per verificare la disidratazione;
  • imaging, per ottenere un’immagine più accurata di alcune parti del corpo per indagare sulle cause organiche

Come vengono trattati vertigini e vomito?

Il tipo di trattamento suggerito dal medico per le vertigini e il vomito dipenderà dalla condizione sottostante da cui è causato. Per alcune delle cause meno gravi di questi sintomi, può prescrivere antiemetici o farmaci usati per trattare il vomito. Alcuni esempi sono ondansetron (Zofran) e prometazina (Phenergan).

Meclizine (Antivert) è disponibile al banco e in prescrizione per le vertigini. Questo tipo di farmaco viene utilizzato per trattare la cinetosi, la nausea e le vertigini. Se sei incline alla cinetosi e hai intenzione di viaggiare, il tuo medico potrebbe prescriverti un cerotto alla scopolamina (Transderm Scop). Questa opzione è adatta solo per gli adulti.

Se stai assumendo un nuovo farmaco, non interromperne l’uso a meno che il tuo medico non ti dica di farlo, anche se sospetti che possa essere correlato alle tue vertigini e nausea.

Se sei disidratato, il tuo medico prescriverà dei liquidi. Se la disidratazione è grave, lui o lei potrebbe collegarti a una flebo endovenosa (IV).

Rimedi della nonna.

Le vertigini e la nausea spesso migliorano con il riposo. Rimanere idratati e mangiare cibi insipidi che non stimolano o turbano lo stomaco può aiutare.

Ad esempio:

  • brodo;
  • cracker;
  • pane tostato secco;
  • fiocchi d’avena;
  • budino;
  • grani raffinati.

Altri utili trattamenti domiciliari includono evitare questi comuni fattori scatenanti di vertigini e nausea:

  • odori di cibo e cucina;
  • profumo;
  • fumo di sigaretta o di altra provenienza;
  • stanze con aria viziata;
  • calore;
  • umidità;
  • luci tremolanti;
  • guida.

Sdraiati quando inizi ad avere le vertigini o la nausea. Non alzarti finché i sintomi non si risolvono e, quando ti alzi, alzati lentamente per evitare di peggiorare i sintomi.

Come posso prevenire vertigini e vomito?

Puoi prevenire vertigini e vomito dovuti a un basso livello di zucchero nel sangue consumando pasti a intervalli regolari e, se sei diabetico, evitando di assumere troppa insulina.

Se soffri di cinetosi, evita le gite in barca e siediti sempre sul sedile anteriore di un veicolo. Potresti anche voler usare un braccialetto contro la cinetosi o assumere farmaci contro la cinetosi se sai che farai un viaggio.

È un’idea intelligente evitare cibi che disturbano lo stomaco o cibi a cui sei allergico. Quando mangi, mangia lentamente e riposa dopo aver mangiato. Fai diversi piccoli pasti al giorno invece di tre pasti abbondanti per ridurre la pressione sul tuo sistema digestivo. Assicurati di rimanere idratato; bere almeno sei-otto bicchieri d’acqua da 8 once al giorno.

Quando ti senti nauseato, consuma piccole quantità di liquidi chiari e zuccherati come bevande reidratanti o a base di ginger. I ghiaccioli sono un’altra buona scelta. Evita di mangiare cibi solidi quando hai la nausea. Sdraiati e riposa finché non ti senti meglio.

Leggi anche:

Vertigini: cause, cosa sono e come farle passare.

Emesi: cause e tipi di vomito.

L’articolo Vertigini e vomito: cause, sintomi e trattamento. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts