usa,-berlusconi:-“presidenza-trump-conclusa-nel-modo-peggiore”
Spread the love

AGI

Che cosa WhatsApp sta chiedendo ai suoi utenti

WhatsApp sta chiedendo ai propri utenti di accettare i nuovi termini di servizio e le norme della privacy. Gli utenti che rifiuteranno di condividere questi dati non potranno più usare l’app di messaggistica dal’8 febbraio prossimo. Si legge nella notifica: “Toccando ‘accetto’, accetti i nuovi termini e l’informativa sulla privacy, che entreranno in vigore l’8 febbraio 2021. Dopo questa data, dovrai accettare questi aggiornamenti per continuare a utilizzare WhatsApp. Puoi anche visitare il centro assistenza se preferisci eliminare il tuo account e desideri ulteriori informazioni”. (
L’azienda, contattata da AGI, fa sapere che i cambiamenti in realtà riguarderanno solo gli account ‘business’ iscritti al servizio: “Non ci saranno cambiamenti nella condivisione dei dati con Facebook in merito alle chat non business e alle informazioni sull’account e, per quanto riguarda la messaggistica aziendale, non stiamo imponendo agli utenti di condividere i dati”.
WhatsApp, che nel 2014 è stata comprata da Facebook per circa 20 miliardi di dollari, ha confermato che a partire da questa settimana ha cominciato a inviare ai suoi circa due miliardi di utenti una notifica sull’informativa sulla privacy e i termini di servizio, ma al solo scopo di fornire “informazioni più chiare e dettagliate ai nostri utenti su come e perché utilizziamo i dati”.
Da Facebook quindi viene smentito quanto circolato in queste ore, ovvero che il cambio delle norme sia finalizzato a far aumentare il numero di dati personali che dall’app di messaggistica finiscono al social network al fine di monetizzare maggiormente il servizio e aprirlo alle pubblicità dirette delle aziende. Perlomeno questo non succederà in Europa: “Non ci sono modifiche alle modalità di condivisione dei dati di WhatsApp nella Regione europea (incluso il Regno Unito) derivanti dall’aggiornamento dei termini di servizio e dall’Informativa sulla privacy”, continua WhatsApp in una nota ufficiale, che conferma di non condividere “i dati degli utenti WhatsApp dell’area europea con Facebook allo scopo di consentire a Facebook di utilizzare tali dati per migliorare i propri prodotti o le proprie pubblicità”.

AGI

“Un momento di grande disonore e vergogna”, dice Obama

AGI – “La storia ricorderà a ragione la violenza di oggi al Campidoglio, incitata da un presidente in carica che ha continuato a mentire senza fondamento sul risultato di un’elezione legittima, come un momento di grande disonore e vergogna per la nostra nazione. Ma ci staremmo prendendo in giro se la considerassimo una totale sorpresa”. Lo scrive in una nota l’ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama.
“Per due mesi un partito politico e il sistema mediatico che lo accompagnava non ha spesso voluto dire ai suoi seguaci la verità – che questa non era un’elezione particolarmente sul filo di lana e che ci sarà l’inaugurazione di Joe Biden il 20 gennaio”, prosegue Obama. 
“Questa narrazione di fantasia si è allontanata sempre più dalla realtà ed è costruita sulla semina di anni di risentimento. Ora ne stiamo vedendo le conseguenze, avvolte in un violento crescendo”, conclude.
Anche l’ex segretario di Stato, Hillary Clinton ha commentato su Twitter: “Terroristi interni hanno attaccato un fondamento della nostra democrazia: il pacifico trasferimento di potere in seguito a elezioni libere. Dobbiamo ristabilire il dominio della legge e ritenerli responsabili”, aggiunge “la democrazia è fragile. I nostri leader devono rispettare la loro responsabilità di proteggerla”.

Adnkronos

Ashli Babbitt, chi è la sostenitrice di Trump morta nell’assalto al Congresso

Si chiama Ashli Babbitt la sostenitrice di Trump uccisa da un colpo d’arma da fuoco durante l’assalto a Capitol Hill. La donna, veterana dell’aeronautica militare, il giorno prima aveva annunciato su Twitter la sua partecipazione alla manifestazione, spiegando che “niente ci fermerà”. “Possono provarci quanto vogliono, ma la tempesta è qua e si abbatterà su Washington in meno di 24 ore. Dal bui alla luce”, si legge nel post. Ashli ​​Babbitt, che aveva prestato servizio per 14 anni presso la US Airforce, era sposata e viveva vicino a San Diego. Suo marito Aaron ha spiegato a KUSI-TV che la donna era una grande sostenitrice di Trump, come mostrano anche i suoi profili social, dove ci sono molti commenti a sostegno del tycoon. Dalle immagini che circolano sul web, Babbitt è stata colpita da un proiettile al petto mentre tentava di entrare in un corridoio di Capitoll Hill da una porta finestra. Il capo della polizia Robert Contee ha spiegato che è stato un agente di polizia a sparare e uccidere la donna. E’ stata colpita all’interno della sede del Congresso, dove era entrata per protestare in sostegno del presidente uscente Donald Trump, mentre si arrampicava su una finestra ed è deceduta in ospedale per le ferite riportate. Sulla sua morte è stata aperta un’inchiesta, ha spiegato Contee.

Adnkronos

“Simpson hanno predetto tutto”, ironia Twitter su assalto al Congresso

Assalto al Congresso e caos negli Usa, ancora una ‘profezia’ dei Simpson che si avvera? Tra ironia e battute, su Twitter ci si interroga ancora una volta sulle “doti divinatorie” del cartoon creato da Matt Groening. Al centro delle discussioni degli utenti, infatti, la rappresentazione dello scoppio di una guerra civile negli Stati Uniti andato in onda nello speciale di Halloween ‘Treehouse of Horror XXXI’, con disordini nel Paese e le conseguenze della rivolta in un cupo ’20 gennaio 2021′. “I Simpson l’hanno fatto di nuovo”, “sapevano anche questo”, “Simpson unici profeti”, “i Simpson danno migliori predizioni di Paolo Fox”, “Groening come Nostradamus” scrivono sul social, affermando di iniziare “ad avere paura” e, in qualche caso, bollando lo storico programma tv come “inquietante”. “Siamo noi che imitiamo i Simpson, non c’è altra spiegazione”, ribattono altri, per i quali “in America guardano i Simpsons e poi si comportano di conseguenza”. Ma la verità, per altri, è molto più terrena: “I Simpson – spiegano – non prevedono il futuro, ma sono solo acuti osservatori del presente. Ecco perché hanno sempre ragione”. E a frenare gli entusiasmi, ecco che arriva anche una citazione da una ‘fonte’ più che autorevole: “Abbiamo la risposta di Yardley Smith, che nella serie dà la voce a Lisa – sottolinea un utente – : ‘Se vai in onda per tre decenni probabilmente qualcosa la indovini nel corso del tempo'”.

AGI

Metà dei medici non vuole più lavorare in ospedale

AGI – Quasi metà dei medici ospedalieri si vede fuori dall’ospedale pubblico entro due anni. È quanto emerge da a un questionario promosso nel mese di ottobre dall’Anaao Assomed tra i suoi iscritti, che fotografa un “quadro di gravissima sofferenza, non solo dei professionisti, ma anche del sistema sanitario nel suo complesso”. Una sofferenza che viene da lontano, “amplificata dalla pandemia che ha reso insostenibili intensità assistenziale e carichi di lavoro, tanto che solo il 54.3% dei medici ospedalieri di oggi pensa di lavorare ancora in un ospedale pubblico nei prossimi 2 anni. E oltre il 75% – spiega l’Anaao – ritiene che il proprio lavoro non sia stato valorizzato a dovere durante la pandemia, mentre i dirigenti sanitari danno, in media, un giudizio più positivo”. Le ragioni che spingono ad abbandonare gli ospedali, fenomeno già registrato in Inghilterra e in Svezia ed ora anche in Germania, “sono riassumibili in un comprensibile spirito di sopravvivenza. L’eccesso dei carichi di lavoro, legato a una carenza numerica persistente al di la della giostra dei numeri sulle assunzioni, la rischiosità del lavoro, la sua cattiva organizzazione e lo scarso coinvolgimento nelle decisioni che lo riguardano, un problema per il 60.3% dei medici, insieme con una retribuzione non adeguata all’impegno richiesto, rappresentano i fattori determinanti. I medici ospedalieri, come anche i dirigenti sanitari, si sentono schiacciati da una macchina che esige troppo e che nemmeno ascolta la loro voce, svalutati e frustrati da un’organizzazione del lavoro che non sembra avere tra le priorità i loro bisogni e le loro necessità, sia come lavoratori che come persone. È ormai chiaro che il perseguimento della sola efficienza, misurata guardando ai bilanci e agli indicatori numerici e perseguita attraverso progressive riduzioni delle risorse disponibili, è un nemico della resilienza del sistema nel suo insieme”. L’emergenza da Covid-19, sottolinea l’Anaao, “ha messo dolorosamente a nudo questa fragilità e il quadro che emerge lascia presagire un avvenire difficile per la sanità pubblica italiana, il cui declino potrebbe arrivare entro pochi anni se le scenario prospettato dagli stessi medici ospedalieri dovesse realizzarsi. Per evitare il disastro serve un cambiamento radicale rispetto alle politiche del passato, cominciando a rinunciare all’illusione di potere governare un sistema complesso esclusivamente attraverso un illusorio controllo dei conti. Occorre certamente aumentare le risorse e le retribuzioni ma, fattore altrettanto importante, secondo il nostro campione, anche coinvolgere i professionisti nei processi decisionali che governano la macchina ospedaliera”. In particolare le donne si sentono, e sono, la parte della categoria piu’ in difficolta’: “Quasi il 75% delle donne si dichiara insoddisfatto, in qualche misura, della conciliazione tra vita privata e lavoro, con il 20% molto insoddisfatto”. A questo punto, conclude il sindacato, “il compito dei decisori politici di oggi e dei prossimi anni dovrebbe, dunque, essere quello di valorizzare queste spinte positive e questo grande capitale di qualità umane e professionali. La risposta alle sfide sanitarie di oggi e di domani, che non possiamo prevedere nei tempi e nei modi piu’ di quanto abbiamo potuto prevedere la pandemia del 2020, dipende in larga parte da come sceglieranno di trattare i medici ospedalieri e i dirigenti sanitari durante e al termine dell’emergenza che stiamo vivendo”.

Adnkronos

Vaccino Covid, a Modena avanzano le dosi: operatori chiamano i parenti

I vaccini anti Covid sarebbero stati gettati a fine giornata. Dunque, alcuni operatori sanitari del centro unico di Baggiovara, a Modena, hanno chiamato i propri familiari così da non sprecare le dosi in eccesso, pur non appartenendo, questi, alle fasce aventi diritto previste nella prima fase. L’episodio sarebbe accaduto martedì scorso. Una ferma condanna è arrivata dall’Ausl di Modena che sottolinea come “quanto avvenuto non risponde ad alcuna direttiva o indicazione fornita dall’Azienda” e ha annunciato un’istruttoria sulla vicenda. “Appena venuta a conoscenza del fatto – spiega l’azienda sanitaria -, l’Azienda Usl ha avviato un’istruttoria urgente al fine di individuare tutte le persone responsabili di tale condotta, operatori sanitari o altre figure impegnate nel coadiuvare i team vaccinali in qualità di volontari. Questo per giungere a una verifica completa dei fatti e poter procedere alle necessarie azioni, a tutela propria e di tutti coloro che ogni giorno, in questa campagna vaccinale, sono impegnate a garantire la vaccinazione nel massimo rispetto di tutte le procedure”. Al fine di avere “assoluta certezza del rispetto di tutte le procedure previste”, inoltre, l’Azienda Usl ha ulteriormente ribadito, “e ripeterà domani stesso a tutti i professionisti impegnati nell’attività vaccinale, l’assoluto divieto di iniziative autonome che escano da quelle previste per l’erogazione dei vaccini”. “Consapevole della gravità dell’errore commesso, e dell’impatto che ciò può generare sulla popolazione che attende il vaccino – aggiunge l’azienda sanitaria -, l’Ausl si scusa con tutti i cittadini e si impegna a garantire la massima trasparenza, così come è stato fatto fin dall’inizio, nelle procedure di somministrazione e utilizzo del vaccino”. INDAGANO I NAS – I carabinieri del Nas di Parma stanno indagando sul caso. Secondo quanto apprende l’AdnKronos, si tratta di accertamenti preliminari per verificare l’accaduto e solo successivamente si valuterà un eventuale rilievo penale.

Adnkronos

Elezioni Usa, Trump: “Nessuna resa, vinco io se Pence fa cosa giusta”

“Se Mike Pence fa la cosa giusta, noi vinciamo le elezioni. Il nostro paese ne ha avuto abbastanza. Fermeremo il furto. Mike Pence deve farsi avanti, se non lo fa sarà un giorno triste per il nostro paese. Ha giurato di sostenere la nostra Costituzione”. Donald Trump infiamma la folla di Washington. Migliaia di persone hanno aderito alla manifestazione ‘Save America’ nella giornata in cui il Congresso è chiamato a certificare la vittoria di Joe Biden nelle elezioni Usa 2020, Trump, su un palco protetto da un vetro, arringa i suoi sostenitori e esorta il vicepresidente Mike Pence ad agire. “Tutto quello che il vice presidente deve fare è rimandare indietro agli stati” i voti “per una nuova certificazione”. “Oggi mostrerò alcune delle prove in base a cui abbiamo vinto queste elezioni a valanga. In ogni stato chiave, funzionare locali hanno apportato modifiche illegali e incostituzionali alle procedure elettorali senza il mandato dei legislatori statali. Questi cambiamenti hanno aperto la strada a frodi mai viste mai prima: non si possono apportare modifiche al processo elettorale in un voto federale senza il mandato dei legislatori. Ho vinto due elezioni, la seconda volta ho vinto con un margine nettamente superiore rispetto alla prima. Quasi 75 milioni di persone hanno votato per me, cifra nettamente superiore rispetto a qualsiasi presidente in carica, 4 milioni in più rispetto a 4 anni fa”, afferma Trump.  “I veri sondaggisti dicevano che se fossi salito a 66 milioni di voti avrei vinto: sono arrivato a 75 milioni e dicono che ho perso. C’è qualcuno che crede che Joe abbia avuto 80 milioni di voti? Ha avuto 80 milioni di voti dei computer… E’ una vergogna, non è mai successo niente del genere: nei paesi del terzo mondo le elezioni sono più oneste. Non lasceremo che mettano a tacere le vostre voci. Hanno usato la pandemia per ingannare la gente -dice Trump-. E’ un furto vero, le elezioni erano finite alle 10 di sera: eravamo in testa di centinaia di migliaia di voti in Pennsylvania, Georgia… Poi, di mattina presto, quest’esplosione di stronzate…”. “Marceremo fino al Campidoglio per incoraggiare i nostri senatori e deputati. Non festeggeremo alcuni di loro… Non ci riprenderemo il nostro paese con la debolezza, bisogna essere forti. Siamo venuti per chiedere al Congresso di fare la cosa giusta e contare solo voti legali”, dice rivolgendosi alla folla. “Ognuno qui marcerà pacificamente verso il Congresso per far sentire la propria voce affinché ogni repubblicano si batta per l’integrità delle elezioni e per il paese. Se dovessero fare la cosa sbagliata, non lo dimenticheremo mai”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *