tik-tok,-stretta-del-garante-della-privacy-dopo-il-dramma-della-bimba-di-palermo

Tik Tok, stretta del Garante della privacy dopo il dramma della bimba di Palermo

Spread the love

Il Garante della privacy ha imposto regole molto più ferree nei riguardi di Tik Tok dopo la morte della bimba di Palermo a seguito probabilmente di una challenge

Tik Tok stretta garante privacy dramma bimba Palermo
Tik Tok (Foto di Travel Sourced da Pixabay)

Il Garante della privacy ha deciso di bloccare i profili su Tik Tok, il famoso social network cinese, dei quali non è possibile accertare l’identità. Una stretta arrivata d’urgenza a seguito della tragedia in cui è stata coinvolta una famiglia di Palermo. Nel capoluogo siciliano infatti una bimba di appena 10 anni ha perso la vita forse a causa di una challenge in voga su Tik Tok. Sul social infatti impazza una macabra sfida che invita gli utenti a legarsi una cintura intorno al collo. La vittoria viene assegnata a chi è in grado di resistere più a lungo all’assurdo gioco. Una sfida che, com’è facile immaginare, oltre ad essere pericolosa potrebbe avere fra le sue prede preferite proprio i più piccoli. A questo proposito quindi il Garante ha imposto a Tik Tok di verificare l’età dei propri iscritti.

LEGGI ANCHE -> L’appello di Maria Grazia Cucinotta: “Salviamo i bambini con la Sma”

Il dramma di Palermo alla base della scelta del Garante verso Tik Tok

storie italiane appello ai social
(Getty Images)

LEGGI ANCHE -> Arrestato per un omicidio: l’agghiacciante scoperta della Polizia durante le indagini

L’assurda morte della bambina di Palermo, a seguito dell’assurda challenge su Tik Tok, è stata certamente la molla che ha spinto il Garante della privacy ad intervenire tempestivamente. La piccola di appena 10 anni è stata ritrovata dal padre in bagno con al collo la cintura di un accappatoio. Inutile l’immediata corsa in ospedale dov’è deceduta poco dopo. I genitori hanno acconsentito all’espianto degli organi e il nobile gesto ha fatto slittare seppur di poco la data dell’autopsia. Al momento gli inquirenti hanno acquisito il cellulare della piccola per verificare l’esistenza di un video legato appunto alla sfida.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

appello ai social
(Getty Images)

La bambina avrebbe avuto diversi profili sui vari social network e gli agenti stanno cercando di capire se qualcuno l’ha indotta a partecipare alla sfida. Per ora l’indagine è rivolta verso ignoti con l’accusa di istigazione al suicidio.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *