superfood,-dall’alimentazione-alla-bellezza
Spread the love

I superfood hanno una marcia in più non solo se assunti come alimenti, ma anche se applicati al mondo della bellezza. Pelle e capelli ringraziano le loro straordinarie virtù. E se durante la quarantena ci siamo tutte specializzate nella creazione di elisir beauy home made utilizzando proprio alcuni superfood come miele e avocado per maschere e scrub, ci sono brand che li hanno inseriti direttamente nelle loro formulazioni grazie a procedimenti di estrazione che ne conservano tutte le proprietà.

I più desiderati sono i superfood antiossidanti, che contrastano l’ossidazione cellulare causata dai radicali liberi, antinfiammatori e detossinanti come la curcuma utilizzata da Miranda Kerr, proprietaria del brand Kora Organics.

L’ultima star a credere nel potere dei superfood è Jennifer Lopez che a fine dicembre 2020 ha lanciato la sua prima linea beauty dedicata alla skincare. I prodotti sono a base di un superfood: l’olio di oliva idratante ed emolliente, un ingrediente caro a JLo perché tramandato dalla mamma e indispensabile per il suo iconico e senza età JLo Glow. Il JLo Beauty™ Olive Complex è composto da squalene derivato da olive raccolte in Andalusia, Spagna, olio fermentato, estratto di foglie di olivo e olio extravergine per idratare e dare una luminosità istantanea alla pelle.

Chrissy Teigen ha, invece, fatto scoprire i benefici di un superfood meno main stream: la prugna. Ingrediente star dell’olio per il viso Le Pruner. Gli studi dimostrano che l’olio di prugna è 8 volte più potente dell’olio per organi e 6 volte più potente dell’olio di marula nel proteggere dai danni dei radicali liberi. Inoltre, potenzia la protezione dai raggi Uv.

L’estratto dei semi della canapa (in Europa, per la cosmetica non è ammesso il cbd ottenuto dalle inflorescenze) dall’azione calmante, è sempre più usato in bellezza proprio per le sue proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti. L’estratto dei semi di canapa, benché i livelli di cbd siano molto più bassi rispetto a quello ottenuto dalle inflorescenze e non ci siano quindi i cannabinoidi, è ricco di fitonutrienti e può essere associato ad altri superfood. Per esempio, l’estratto di cherimola, derivato da un superfrutto sudamericano e presente nella crema CBD 300 Face and Body Cream di Chantecaille dona alla pelle un’azione calmante e una sensazione di comfort ritrovato.

Tralasciando i classici avocado, curcuma, bacche di goji melagrana, anche i funghi hanno assunto il ruolo di superfood nella cosmetica. Ne aveva già parlato il magazine The Cut nel 2018, mettendone in luce le proprietà idratanti e antiossidanti. Il fungo Chaga, contenuto nella crema viso Kiehl’s Super Multi-Corrective Cream, e detto il Diamante della Foresta, è usato da secoli nella medicina tradizionale in Russia, Europa Orientale, Corea e Cina. Grazie alla sua concentrazione ottimale di polifenoli, aiuta ad aumentare visibilmente la luminosità della pelle e a controllare discromie, rossore e opacità.

Asciari, marchio che omaggia la Sicilia con frutti ed essenze dalle spiccate qualità nutritive e biologiche oltre che espressione delle biodiversità del territorio ha messo a punto oli e saponi con un esclusivo supercibo: il cappero. Contiene una classe unica di antiossidanti con proprietà antietà, comprese le vitamine A, C, K e flavonoidi ad alta concentrazione come la quercetina con proprietà protettive e antibatteriche.

Anche Irene Forte Skincare nasce in Sicilia, grazie alle materie prime coltivate nella fattoria organica del Verdura Resort-Rocco Forte Hotels. Irene Forte, Wellness Director di Rocco Forte Hotels, ha concentrato in creme e sieri tutti i superfood della Dieta Mediterranea per fornire alla pelle un potente mix di vitamine, acidi grassi e antiossidanti che ne preserva la naturale giovinezza. Tra gli ingredienti star ci sono la melagrana, il pistacchio, la mandorla e l’arancia, tutti a km0. Natura e scienza si fondono con formulazioni e pack ecosostenibili.

Un trend quello dei supercibi che va pari passo con le etichette clean, pulite con formulazioni biologiche, vegane ed ecosostenibili per raggiungere l’obiettivo zero waste. Una promessa su cui marchi come Lush hanno basato la loro mission di bellezza e messa in pratica a partire proprio dal 2021 anche da Aveda che è diventato 100% vegan con l’impegno di escludere dalle formulazioni anche miele, cera d’api e ingredienti derivati dalla cera d’api. Sephora, con la selezione Good For... You, for a Better Planet e for Vegan si impegna a garantire formule con un minimo di 90% d’ingredienti d’origine naturale, packaging ecologici e/o ingredienti di derivazione sostenibile, e prodotti vegani, senza ingredienti d’origine animale. Ed è solo l’inizio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *