super-oss:-ora-anche-il-vice-ministro-della-salute-pierpaolo-sileri-dice-no-alla-delibera-della-regione-veneto.

Super-OSS: ora anche il vice-ministro della salute Pierpaolo Sileri dice no alla Delibera della Regione Veneto.

Spread the love
Anziani e giornata aderenza terapeutica: iniziativa del Movimento 5 Stelle.
Anziani e giornata aderenza terapeutica: iniziativa del Movimento 5 Stelle.

Pierpaolo Sileri, vice-ministro della salute, dice no alla delibera n. 305/2001 che istituisce coattivamente il Super-OSS in Veneto con funzioni da Infermiere.

La delibera 305/2021 del Veneto va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003, al quale è necessario uniformarsi, anche volendo metter in campo una sua revisione.

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha risposto all’interpellanza urgente dell’on. Boschi in merito alla delibera della Regione Veneto sugli OSS.

Nella risposta, il Sottosegretario ha citato la FNOPI e ha riconosciuto come la delibera della Regione Veneto abbia esteso i limiti della figura professionale dell’OSS oltre quelli previsti. Ha inoltre segnalato come il Ministero della Salute intenda verificare l’accordo sulle competenze dell’OSS.

Sileri  ha ricordato come il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, abbia precisato che con la delibera n. 305 sulla formazione in assistenza sanitaria dell’OSS si sia perseguito l’interesse collettivo, mantenendo l’infermiere al centro del percorso di cura.

Il Sottosegretario Sileri ha poi ripercorso il quadro normativo dell’OSS, specificandone le caratteristiche socio-sanitarie e la formazione non universitaria delegata alla Regioni e alle Province autonome.

Ha dunque ricordato i compiti dell’OSS, da svolgersi sotto la supervisione della professione infermieristica, in quanto sprovvisto delle caratteristiche proprie delle professioni sanitarie, ovvero la laurea e l’iscrizione ad un albo di professione.

Notando come la FNOPI e gli OPI veneti e lombardi abbiano notato la sovrapposizione delle figure professionali a seguito della delibera, il sottosegretario ha condiviso questa interpretazione sottolineando come essa ampliato le possibilità di azione dell’OSS oltre i limiti previsti dall’accordo 16 gennaio 2003 raggiunto in Conferenza Stato-Regioni sulla formazione complementare della figura in esame.

Ha dunque espresso la necessità di verificare tale accordo per dare uniformità, creare dei registri regionali – che vengano riuniti in uno nazionale – e per garantire una formazione omogenea per ore e contenuti, in modo da conferire maggiore sicurezza a pazienti ed OSS e per evitare la sovrapposizione di competenze.

Notando infine di avere ricevuto la delega per le professioni sanitarie, ha fatto presente come tale processo di verifica sia una priorità per il ministero della Salute.

Nei prossimi mesi verrà dunque sviluppata una road-map per rinnovare l’accordo del 2003.

Nelle repliche alla risposta, Sara Moretto (IV), co-firmataria dell’interpellanza ricordando come l’obiettivo dell’interpellanza fosse quello di fare chiarezza e non mettere in contrapposizione le due figure professionali, ha sottolineato come un breve corso regionale non possa sostituire il percorso universitario dei professionisti sanitari.

Ha chiesto inoltre al Governo di adottare iniziative per rallentare l’applicazione della delibera del Veneto in virtù della risposta di Sileri e delle perplessità espresse dalla FNOPI negli scorsi giorni.

A QUESTO LINK L’INTERVENTO DEL SOTTOSEGRETARIO PIERPAOLO SILERI

A QUESTO LINK IL VIDEO DELL’INTERVENTO ALLA CAMERA 

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *