sono-i-giardini-piu-belli-dove-andare-in-autunno
Spread the love

Sono i giardini più belli d’Italia dove ammirare il foliage autunnale. Nei Giardini di Castel Trauttmansdorff, alle porte di Merano, in Alto Adige, i colori caldi avvolgono ogni spazio. Dopo aver vinto il primo premio come giardino più green di tutta Europa, ora è giunto il tempo delle mille sfumature d’autunno.

Per visitarli – entro il 15 novembre, giorno della chiusura stagionale – bisogna mettere in conto qualche ora (le visite guidate durano 90 minuti). Occupano, infatti, una superficie di 12 ettari e sono divisi in quattro aree tematiche, con più di 80 paesaggi botanici e piante da tutto il mondo.

All’interno dell’area “I boschi del mondo”, le foreste americane e orientali in miniatura risplendono sotto i raggi del Sole che fa ancora capolino con i loro colori autunnali. Spettacolare è l’acero palmato nel giardino giapponese che spicca per il suo rosso intenso e vibrante.

giardini-Castel-Trauttmansdorff

Foliage nei Giardini di Castel Trauttmansdorff

Imperdibile è anche il padiglione “Piante d’Autunno”, con una cupola di ferro arrugginita, all’interno della quale sono conservati i frutti mediterranei che maturano proprio in questa stagione.

A forma di anfiteatro naturale, questi giardini sono in una posizione panoramica unica. Si estendono su un dislivello di oltre cento metri, aprendo a ogni passo affascinanti prospettive panoramiche sulle montagne e sulla città di Merano.

giardini-sissi-belvedere

Il Binocolo di Matteo Thun

Grazie al clima mite del territorio, quello dei Giardini di Castel Trauttmansdorff è il luogo ideale per un giardino botanico, offrendo la possibilità di ospitare piante provenienti da tutto il mondo, alcune delle quali sono esemplari rari. Meravigliosi tripudi di fioritura cambiano l’aspetto dei giardini settimana dopo settimana, rendendo le visite affascinanti in ogni stagione. E l’autunno non è da meno.

All’interno sono tanti i luoghi dove soffermarsi ad ammirare le piante, il paesaggio, come ”Il Binocolo di Matteo Thun“, la spettacolare piattaforma panoramica trasparente al 95%, gli scorci, come il “Giardino degli Innamorati”, e i padiglioni artistici, dove artisti e architetti locali e internazionali hanno reinterpretato a Trauttmansdorff il classico concetto di padiglione da giardino inteso come luogo di sosta e di riparo dalla pioggia e dal Sole.

giardini-sissi

Arte e sostenibilità nei Giardini Trauttmansdorff

I giardini – anche detti Giardini di Sissi – sono dominati da Castel Trauttmansdorff dove, un tempo, l’Imperatrice Elisabetta d’Austria (Sissi, appunto), era solita trascorrere la stagione invernale. Oggi il castello dove soggiornava è sede del Touriseum, il Museo provinciale altoatesino del Turismo che racconta 200 anni di storia del turismo alpino.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *