sonnambulismo:-cause,-sintomi-e-rimedi.

Sonnambulismo: cause, sintomi e rimedi.

Spread the love

Cos’è il sonnambulismo, quali sono le cause che lo scatenano e soprattutto come si gestisce un paziente affetto da questo problema di salute?

Nella conversazione normale, il termine sonnambulismo può essere usato in modo casuale e figurato come un modo per descrivere una mancanza di energia o concentrazione. Ma per molti bambini e adulti, il sonnambulismo è una condizione reale che può avere conseguenze considerevoli.

Il sonnambulismo, formalmente noto come sonnambulismo, è un disturbo del comportamento che ha origine durante il sonno profondo e si traduce nel camminare o eseguire altri comportamenti complessi mentre si è ancora per lo più addormentati. È più comune nei bambini rispetto agli adulti ed è più probabile che si verifichi se una persona ha una storia familiare della condizione, è privata del sonno o è incline a ripetuti risvegli notturni.

Gli incidenti durante questi episodi possono causare lesioni e il sonnambulismo è associato a un peggioramento del sonno e alla sonnolenza diurna. Il trattamento attivo potrebbe non essere necessario per molte persone, ma quando gli episodi sono più frequenti o intensi, diverse opzioni di trattamento possono essere utili.

Il sonnambulismo è un disturbo del sonno?

Il sonnambulismo è un tipo di disturbo del sonno noto come parasonnia. Le parasonnie sono un comportamento anormale durante il sonno. In effetti, le parasonnie si trovano a cavallo del confine tra sonno e veglia1, motivo per cui le azioni che si verificano durante gli episodi di parasonnia sono anormali.

Le parasonnie possono essere classificate in base alla parte del ciclo del sonno durante la quale si verificano. Il sonnambulismo si verifica durante il sonno non REM (NREM), di solito nella fase III del ciclo del sonno, noto anche come sonno profondo. Insieme ad altre parasonnie come parlare nel sonno, eccitazioni confusionali e terrori del sonno, il sonnambulismo è classificato come un disturbo dell’eccitazione NREM.

Sintomi.

I sintomi del sonnambulismo possono coinvolgere vari tipi di azioni semplici o complesse che una persona compie mentre è ancora per lo più addormentata. Durante un episodio, una persona può avere occhi aperti e vitrei con uno sguardo vuoto sul viso. Di solito sono minimamente reattivi o incoerenti nel loro discorso.

È importante riconoscere che, nonostante il nome, il sonnambulismo non si limita al camminare. Altri tipi di azioni2 possono verificarsi e sono ancora sotto l’ombrello del sonnambulismo. Gli esempi includono la corsa, azioni di routine come vestirsi, spostare mobili, assumere comportamenti sessuali (sexsomnia) o urinare in luoghi inappropriati. Meno spesso, i comportamenti possono essere violenti o più complessi, incluso il tentativo di guidare un’auto.

Gli episodi di sonnambulismo possono durare da pochi secondi a mezz’ora e la maggior parte finisce in meno di 10 minuti. La persona può tornare a letto e tornare a dormire da sola, oppure può svegliarsi confusa mentre è ancora fuori dal letto.

Un sintomo chiave del sonnambulismo e di altre parasonnie NREM è che la persona non ha praticamente mai un ricordo dell’episodio quando si sveglia. Per questo motivo, il più delle volte vengono a conoscenza del loro sonnambulismo da un membro della famiglia o da un coinquilino.

Un altro elemento comune delle parasonnie NREM è che si verificano in genere durante il primo terzo o metà della notte, quando una persona tende a trascorrere una percentuale maggiore di tempo nelle fasi del sonno NREM profondo.

Quanto è comune il sonnambulismo?

Il sonnambulismo si verifica più spesso tra i bambini rispetto agli adulti. Uno studio a lungo termine ha rilevato che il 29% dei bambini3 dai 2 ai 13 anni circa ha sperimentato sonnambulismo con un picco di incidenza tra i 10 ei 13 anni. Negli adulti, la prevalenza è stimata fino al 4% 4.

Il fatto che le persone che sonnambulano non ricordino gli episodi rende difficile determinare con precisione la frequenza con cui si verificano. Inoltre, gli studi a volte definiscono il sonnambulismo in modi diversi.

Tentando di spiegare queste difficoltà metodologiche, una meta-analisi ha considerato 51 studi separati sul sonnambulismo e ha concluso che il 5% dei bambini e l’1,5% degli adulti5 hanno sperimentato un episodio negli ultimi 12 mesi.

Quali sono i pericoli del sonnambulismo?

Ci possono essere gravi conseguenze per la salute dal sonnambulismo. Le lesioni possono verificarsi se una persona inciampa e cade o si scontra con qualcosa mentre cammina o corre. Il trattamento improprio di oggetti appuntiti o il tentativo di guidare un’auto durante un episodio può essere pericoloso per la vita. Il comportamento violento può causare danni al sonnambulo o ad altri.

Le azioni durante gli episodi di sonnambulismo possono creare imbarazzo. Ad esempio, una persona può vergognarsi di un comportamento sessualmente esplicito, di esplosioni aggressive o di urinare nel posto sbagliato.

Gli studi hanno scoperto che le persone che sonnambulano hanno livelli più elevati di eccessiva sonnolenza diurna e sintomi di insonnia. Non è noto se questi problemi sorgano a causa di disturbi reali dovuti al sonnambulismo o se c’è un fattore sottostante che influenza il loro sonno che li rende a rischio sia di sonnambulismo che di sonnolenza diurna.

Inoltre, il sonnambulismo può avere conseguenze per un compagno di letto, compagni di stanza e / o coinquilini. Gli episodi possono causare disturbi al sonno e possono essere influenzati negativamente dal comportamento di una persona durante gli episodi.

Quali sono le cause del sonnambulismo?

Gli esperti del sonno ritengono che il sonnambulismo si verifichi normalmente quando una persona è in una fase di sonno profondo e si sveglia parzialmente in un modo che innesca l’attività fisica rimanendo per lo più addormentata.

Vari fattori influenzano la probabilità che si verifichi questo tipo di risveglio parziale:

  • Genetica e storia familiare: gli studi mostrano un modello chiaro in cui alcune persone sono geneticamente predisposte al sonnambulismo e ad altre parasonnie NREM. Circa il 22% dei bambini i cui genitori non hanno precedenti di sonnambulismo sperimenteranno questa condizione. Al contrario, il 47% dei bambini sonnambula se un genitore ne ha una storia e il 61% dei bambini sonnambula se entrambi i genitori lo fanno.
  • Privazione del sonno: la mancanza di sonno è stata correlata a un rischio elevato di sonnambulismo, che può essere dovuto a più tempo trascorso nel sonno profondo dopo un periodo di privazione del sonno.
  • Alcuni farmaci: i farmaci con effetto sedativo possono spingere le persone in un tipo di sonno che aumenta le loro possibilità di avere un episodio di sonnambulismo.
  • Alcol: bere alcolici la sera può creare instabilità nelle fasi del sonno di una persona e può aumentare il rischio di sonnambulismo.
  • Lesione cerebrale: le condizioni che colpiscono il cervello, incluso il gonfiore del cervello (encefalite6), possono essere un fattore scatenante per il sonnambulismo.
  • Febbre: nei bambini è stato riscontrato che la febbre rende più probabile il sonnambulismo e può essere correlata a un aumento del numero di eccitazioni causate dalla malattia durante la notte.
  • Apnea ostruttiva del sonno (OSA): l’OSA è un disturbo del sonno in cui le vie aeree vengono bloccate, causando brevi interruzioni del respiro durante il sonno. Queste pause, che possono verificarsi decine di volte per notte, creano interruzioni del sonno che possono dare origine a sonnambulismo.
  • Restless Leg Syndrome (RLS): RLS è un tipo di disturbo del sonno che provoca un forte impulso a muovere gli arti, in particolare le gambe, quando si è sdraiati. Provoca eccitazioni notturne da cui una persona può entrare in un episodio di sonnambulismo.
  • Stress: vari tipi di stress possono influenzare il sonno, incluso il causare un sonno più frammentato o interrotto che può aumentare la propensione al sonnambulismo7. Lo stress può essere fisico, come il dolore, o emotivo. Alcuni tipi di stress possono essere correlati a disagio o cambiamenti come quando si viaggia e si dorme in un luogo sconosciuto.

I bambini che sonnambulano possono scoprire che gli episodi smettono di verificarsi con l’avanzare dell’età, oppure possono continuare a sonnambulire da adulti.

Anche se la maggior parte del sonnambulismo inizia durante l’infanzia, la condizione può iniziare anche nell’età adulta.

Come viene trattato il sonnambulismo?

Il trattamento per il sonnambulismo8 dipende dall’età del paziente, dalla frequenza con cui si manifesta e da quanto siano pericolosi o dirompenti gli episodi. Per bambini e adulti, è meglio sollevare dubbi sul sonnambulismo con un medico che può lavorare per trovare la causa più probabile e creare un piano di trattamento su misura.

In molti casi, il sonnambulismo non richiede un trattamento attivo perché gli episodi sono rari e comportano pochi rischi per chi dorme o per chi li circonda. Gli episodi spesso diventano meno frequenti con l’età, quindi per alcune persone il sonnambulismo si risolve da solo con una terapia specifica.

Quando è necessario adottare misure per affrontare il sonnambulismo, ci sono una serie di approcci che possono essere incorporati in un piano di trattamento.

Eliminare i rischi per la sicurezza.

La riduzione del danno è una considerazione importante per le persone che dormono. Alcuni modi in cui è possibile ridurre i rischi per la sicurezza includono:

Tenere oggetti appuntiti o armi bloccati e fuori portata
Chiusura e bloccaggio di porte e finestre
Rimozione dei pericoli di inciampo dal pavimento
Installazione di luci con sensori di movimento

Se necessario, utilizzare allarmi porta o un allarme letto che si attiva se una persona si alza dal letto.

Trattare le cause sottostanti.

Se il sonnambulismo di una persona è legato a un disturbo sottostante come OSA o RLS, il trattamento di tale condizione può risolvere il sonnambulismo. Allo stesso modo, se l’uso di sedativi o altri farmaci contribuisce al sonnambulismo, il medico può raccomandare di modificare il dosaggio o di passare a un farmaco diverso.

Risveglio anticipato.

Il risveglio anticipato è svegliare qualcuno poco prima che si verifichi un potenziale episodio di sonnambulismo.

Poiché il sonnambulismo è collegato a una fase del sonno specifica, spesso si verifica ogni notte alla stessa ora. Svegliare qualcuno poco prima di quell’ora può impedire loro di avere il risveglio parziale che può provocare sonnambulismo.

Il risveglio anticipato è stato efficace nell’aiutare molti bambini a smettere di sonnambulismo. Può essere utile per altri ma non è stato studiato attentamente nei pazienti adulti.

Migliorare l’igiene del sonno.

L’igiene del sonno si riferisce all’ambiente e alle abitudini legate al sonno di una persona. Una cattiva igiene del sonno, come avere un programma di sonno incoerente o bere caffeina o alcol prima di coricarsi o avere un materasso scomodo, può contribuire a problemi di sonno e privazione del sonno.

Migliorare l’igiene del sonno incoraggia un sonno più stabile e affidabile riducendo il rischio di privazione del sonno che può innescare il sonnambulismo.

Terapia comportamentale cognitiva.

La terapia cognitivo comportamentale (CBT) è una forma di terapia del linguaggio che contrasta i pensieri e le azioni negative. La CBT per l’insonnia (CBT-I) ha dimostrato l’efficacia nel migliorare il sonno, spesso riformulando il modo in cui una persona pensa al sonno. Esistono adattamenti della CBT per lo stress e l’ansia e un’attenta applicazione della CBT, comprese le tecniche di rilassamento, può aiutare a prevenire episodi legati allo stress di sonnambulismo.

Farmaci.

Quando altri trattamenti non sono efficaci, si può prendere in considerazione l’assunzione di farmaci per cercare di fermare il sonnambulismo. Gli esempi includono benzodiazepine e antidepressivi. Le prime ricerche hanno indicato che la melatonina può essere utile anche per affrontare il sonnambulismo.

Qualsiasi farmaco, sia su prescrizione che da banco, ha potenziali benefici e rischi e un medico è nella posizione migliore per determinare se è appropriato nella situazione specifica di qualsiasi persona.

È sicuro svegliare una persona sonnambula?

La maggior parte degli esperti sconsiglia i risvegli stridenti per le persone che si trovano nel mezzo di un episodio di sonnambulismo. Poiché non sono consapevoli della loro situazione, un brusco risveglio può provocare paura, confusione o rabbia.

Se possibile, puoi provare a guidare leggermente una persona sonnambula lontano da potenziali pericoli e tornare a letto. Una voce calma e rasserenante e al massimo un tocco leggero può essere utile per dirigerli.

Se hai bisogno di svegliare una persona che sta sonnambulando, cerca di farlo nel modo più gentile possibile e sii consapevole che molto probabilmente sarà disorientata al risveglio.

Bibliografia e sitografia.

1. Singh, S., Kaur, H., Singh, S., & Khawaja, I. (2018). Parasomnias: A Comprehensive Review. Cureus, 10(12), e3807.https://doi.org/10.7759/cureus.3807

2. A.D.A.M. Medical Encyclopedia [Internet]. Atlanta (GA): A.D.A.M., Inc.; c1997-2019. Sleepwalking. Updated July 2, 2020. Retrieved July 17, 2020. Available from:https://medlineplus.gov/ency/article/000808.htm

3. Petit, D., Pennestri, M. H., Paquet, J., Desautels, A., Zadra, A., Vitaro, F., Tremblay, R. E., Boivin, M., & Montplaisir, J. (2015). Childhood Sleepwalking and Sleep Terrors: A Longitudinal Study of Prevalence and Familial Aggregation. JAMA pediatrics, 169(7), 653–658.https://doi.org/10.1001/jamapediatrics.2015.127

4. Lopez, R., Jaussent, I., Scholz, S., Bayard, S., Montplaisir, J., & Dauvilliers, Y. (2013). Functional impairment in adult sleepwalkers: a case-control study. Sleep, 36(3), 345–351.https://doi.org/10.5665/sleep.2446

5. Stallman, H. M., & Kohler, M. (2016). Prevalence of Sleepwalking: A Systematic Review and Meta-Analysis. PloS one, 11(11), e0164769.https://doi.org/10.1371/journal.pone.0164769

6. A.D.A.M. Medical Encyclopedia [Internet]. Atlanta (GA): A.D.A.M., Inc.; c1997-2019. Encephalitis. Updated July 2, 2020. Retrieved July 17, 2020. Available from:https://medlineplus.gov/ency/article/001415.htm

7. Bušková, J., Piško, J., Pastorek, L., & Šonka, K. (2015). The course and character of sleepwalking in adulthood: a clinical and polysomnographic study. Behavioral sleep medicine, 13(2), 169–177.https://doi.org/10.1080/15402002.2013.845783

8. Drakatos, P., Marples, L., Muza, R., Higgins, S., Gildeh, N., Macavei, R., Dongol, E. M., Nesbitt, A., Rosenzweig, I., Lyons, E., d’Ancona, G., Steier, J., Williams, A. J., Kent, B. D., & Leschziner, G. (2019). NREM parasomnias: a treatment approach based upon a retrospective case series of 512 patients. Sleep medicine, 53, 181–188.https://doi.org/10.1016/j.sleep.2018.03.021

9. Schwab, R. J. (2020b, June). MSD Manual Consumer Version: Parasomnias. Retrieved July 17, 2020, fromhttps://www.merckmanuals.com/home/brain,-spinal-cord,-and-nerve-disorders/sleep-disorders/parasomnias

L’articolo Sonnambulismo: cause, sintomi e rimedi. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts