siti-covid-oscurati,-facebook-ha-chiesto-scusa
Spread the love

CANBERRA – Il premier australiano, Scott Morrison, ha dichiarato di aver ricevuto le «scuse» da Facebook e di essere pronto a tornare al tavolo dei negoziati. Lo riporta il Guardian.

Tra il social media creato da Mark Zuckerberg e l’Australia è in atto un braccio di ferro da quando il governo australiano ha presentato un disegno di legge per imporre a Facebook e altri giganti del Web il pagamento delle notizie che pubblicano.

In risposta il social ha bloccato la condivisione di link e notizie degli utenti in Australia, oscurando di fatto il continente. Ieri sera il direttore esecutivo dell’area Asia-Pacifico, Simon Milner, è stato però costretto a scusarsi perché tra i siti bloccati sono finiti per errore anche quelli del ministero della Salute e altri account del governo legati all’emergenza coronavirus.

«Sono felice di sapere che Facebook stia chiedendo di nuovo la nostra amicizia e di riprendere le discussioni», ha detto Morrison parlando con i giornalisti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *