sesso-orale-non-protetto:-rischio-hiv-e-altre-patologie-veneree.

Sesso orale non protetto: rischio HIV e altre patologie veneree.

Spread the love

Il Sesso orale non protetto può portare a gravi malattie veneree. Non è esclusa una infezione da HIV. Ecco a cosa fare attenzione.

È ben noto che il sesso orale può portare alla trasmissione di un’ampia varietà di malattie sessualmente trasmissibili, compreso l’HIV (1–4). Come discusso altrove in questo numero il sesso orale sembra essere importante nella recrudescenza della sifilide infettiva precoce nel Regno Unito.

Sesso orale non protetto e rischio infezioni: gravi pericoli per la salute dell’uomo e della donna.

Molti di questi ultimi casi si sono verificati in individui sieropositivi ed è probabile che la coinfezione con la sifilide aumenti il ​​rischio di trasmissione (orale) dell’HIV, come è stato dimostrato in modo simile in numerosi studi sulla coinfezione genitale da HIV / IST.

Nonostante riconoscano che la trasmissione si verifica, alcuni ritengono che il rischio sottostante di trasmissione dell’HIV attraverso il sesso orale sia così basso da essere trascurabile. Tuttavia, due studi recenti (non ancora pubblicati su riviste di revisione tra pari) suggeriscono che il sesso orale potrebbe contribuire a una percentuale più elevata di nuove infezioni da HIV di quanto si pensasse in precedenza. Nel primo studio, su 102 uomini che si erano recentemente sieroconvertiti, otto (7,8%) sono stati attribuiti al sesso orale. Di questi otto, il sesso orale non protetto era l’unico fattore di rischio in quattro, ma quattro avevano anche sesso anale protetto. (5)

Un secondo studio della mia unità riguardava 494 pazienti sieropositivi (per lo più omosessuali) che hanno completato un questionario sul comportamento sessuale. Il 6% credeva di essere stato infettato solo a causa del sesso orale. È in corso un ulteriore follow-up di questi e altri pazienti nella nostra unità, che credono di essere stati infettati da sesso orale non protetto e circa la metà, dove i dati sono disponibili, ha avuto infezioni ricorrenti della bocca, che avrebbero potuto aumentare il rischio. (6)

Un terzo rapporto di due studi dall’Australia ha fornito risultati contraddittori. Uno studio intervistato ha rilevato che una proporzione simile, sette uomini omosessuali su 75 (9,3%) hanno dato rapporti orali ricettivi come probabile fonte della loro infezione. Tuttavia, gli investigatori hanno ritenuto che dovevano aver avuto altri fattori di rischio poiché hanno negato l’eiaculazione come parte del loro sesso orale. Inoltre, in uno studio di coorte su oltre 700 uomini, il 26% ha riportato rapporti orali ricettivi non protetti con eiaculazione ma non hanno avuto un aumentato rischio di sieroconversione (7).

Infine, il comunicato stampa di un rapporto molto recente di uno studio in corso su uomini omosessuali di San Francisco afferma che il rapporto orale ricettivo con l’eiaculazione era un rischio molto basso. È stata trovata una sieroconversione, ma si ritiene che si sia verificata al di fuori del periodo di studio. Tuttavia, la popolazione dello studio era piccola (198), solo il 20% di questi ha affermato di aver avuto rapporti orali ricettivi con un partner sieropositivo, solo il 40% all’eiaculazione e il follow-up è stato di soli 6 mesi. È quindi improbabile che uno studio del genere abbia avuto un potere sufficiente per rilevare la trasmissione, o per rifiutare l’ipotesi che la trasmissione si verifichi (presentato dal Dr Kimberly Page-Shafer et al, National HIV Prevention Conference, Atlanta, August 2001).

Nel giugno 2000, il Dipartimento della Salute, a seguito delle deliberazioni di un gruppo di lavoro del gruppo consultivo di esperti sull’AIDS (EAGA) dei direttori medici, ha pubblicato un documento intitolato “Revisione delle prove sul rischio di trasmissione dell’HIV associato al sesso orale”. (9)

Gli autori hanno concluso, come con altre revisioni approfondite, che si verifica la trasmissione orale dell’HIV e che alcuni fattori potrebbero aumentare il rischio. Questi includono rapporti orali ricettivi (ROI) con eiaculazione, alta carica virale e vari fattori che potrebbero violare i meccanismi di difesa orale. La saliva è protettiva e ha una serie di componenti antivirali, come la trombospondina e l’inibitore secretorio della proteasi leucocitaria (SLPI), ma è probabile che questi siano superati dagli effetti sul volume del liquido seminale. (10)

Sebbene la maggior parte delle diverse dozzine di casi clinici fino ad oggi siano state di rapporti orali ricettivi, va notato che ci sono state segnalazioni di trasmissione dell’HIV associate a fellatio insertiva così come due segnalazioni di trasmissione associata a cunnilingus e una di anilingus insertive. (9)

La presenza di infiammazione nella bocca, causata da piaghe, traumi o infezioni è descritta in alcuni di questi rapporti. È probabile che la relativa rarità dei casi di infezione da HIV attribuiti alla trasmissione orale sia influenzata dalla rarità con cui si è verificata l’esposizione orale senza altre forme di contatto sessuale penetrativo e dalla tendenza ad attribuire la trasmissione dell’HIV a qualsiasi esposizione a rischio più elevato identificabile.

Negli ultimi anni, molti partecipanti a studi si sono dedicati al sesso anale e vaginale protettivo, ma il sesso orale normalmente non è stato protetto. Questo potrebbe spiegare perché un rischio reale (ma basso) di sesso orale non protetto sta diventando più evidente. Un’altra difficoltà è la capacità degli studi di identificare un così piccolo aumento del rischio. Ad esempio, in un importante studio di coorte su quattro siti, l’analisi multivariata ha mostrato che per i dati aggregati, l’odds ratio per i rapporti orali ricettivi e l’aumento del rischio di trasmissione dell’HIV era solo di 1,01 (IC 95% 1,00-1,02). (11)

Il dilemma è come presentare questo piccolo ma reale rischio come messaggi di salute pubblica appropriati. È stata inoltre sollevata la preoccupazione che l’evidenziazione del rischio di sesso orale non protetto possa incitare a pratiche sessuali ad alto rischio come alternative. Al contrario, è importante che gli individui e il pubblico comprendano che il sesso orale non è privo di rischi e può portare alla trasmissione dell’HIV e di altre malattie sessualmente trasmissibili.

L’UNAIDS e i Centers for Disease Control (CDC) affermano, sui loro siti web, che un preservativo o una diga dentale è consigliato per ridurre il rischio di trasmissione dell’HIV quando si pratica il sesso orale. Il gruppo consultivo di esperti sull’AIDS, in seguito alla pubblicazione dello scorso anno della rassegna del gruppo di lavoro sulle prove sul rischio di trasmissione dell’HIV e sul sesso orale, ha recentemente rilasciato una dichiarazione sul rischio. Questo si legge come segue:

“C’è il rischio di trasmissione dell’HIV durante il sesso orale non protetto. Questo rischio è inferiore rispetto al sesso anale o vaginale penetrativo non protetto. Il rischio di HIV e altre infezioni a trasmissione sessuale può essere ridotto utilizzando un preservativo per tutte le forme di sesso penetrativo, compreso il sesso orale. Se non viene utilizzato un preservativo, evitare l’eiaculazione in bocca probabilmente riduce (ma non elimina) il rischio di trasmissione dell’HIV “.

Questa dichiarazione di rischio riconosce che il sesso orale è spesso non protetto, nonostante le raccomandazioni ufficiali, ed entra nella discussione di quali altri fattori potrebbero ridurre il rischio. Una discussione più completa, sotto forma di domande e risposte, è disponibile sul sito web del Dipartimento della Salute: http://www.doh.gov.uk/eaga. Un recente numero del Communicable Disease Review (CDR) ha anche discusso il sesso orale, così come il National AIDS Manual (NAM), che ha fornito un’utile scheda informativa. (8), (12)

Anche il Terence Higgins Trust ha rilanciato il suo “Use your head” campagna, evitando l’uso della parola “raro” nel descrivere il rischio del sesso orale in quanto questo può essere interpretato male e equiparato a rischio trascurabile.

Esistono figure per assistere la consulenza sul rischio del sesso orale a livello individuale? Samuel et al, utilizzando diversi modelli matematici diversi, hanno stimato un rischio per partner di rapporti orali ricettivi a circa l’1% (range 0,85-2,3%) dove per partner si riferisce al rischio con quel partner, non controllato per l’attività sessuale. (13)

È di Ovviamente il rischio per contatto che dobbiamo considerare quando ci avviciniamo alla questione controversa della profilassi post-esposizione (PEP) a seguito di esposizione sessuale. C’è mai una giustificazione per usare la PEP dopo il sesso orale? Non sono stati previsti rischi per contatto per fellatio ricettiva non protetta con un soggetto sieropositivo noto. Tuttavia, Vittinghoff et al. Hanno elaborato una stima dello 0,04% in seguito a un rapporto orale ricettivo con un partner noto o potenzialmente infetto da HIV. (14)

Chiaramente, potrebbero esserci fattori che potrebbero aumentare questo rischio complessivo e, come sempre con PEP, a seguito di esposizione professionale o sessuale, deve essere eseguita una valutazione individuale del rischio. (15)

La fellatio ricettiva con eiaculazione con un individuo HIV noto è probabilmente l’unica attività sessuale orale di rischio sufficiente per giustificare la considerazione della fornitura di PEP. Altri fattori come una nota carica virale elevata nella fonte, un recente intervento di chirurgia dentale, faringite, traumi, ulcerazioni orali o gengive sanguinanti aumenterebbero il rischio probabile. Chiaramente se il paziente che richiede la PEP regolarmente ha rapporti orali ricettivi non protetti con individui sieropositivi noti, allora consigliarlo su questo comportamento sarebbe probabilmente più importante che fornire PEP.

In conclusione, il sesso orale non protetto comporta un rischio di trasmissione dell’HIV. Data la frequenza con cui viene praticato e dato che chi è a maggior rischio di contrarre l’HIV ha spesso rapporti anali o vaginali protetti, è possibile che possa portare al 6-8% di nuove infezioni da HIV. Sebbene l’uso di un preservativo ridurrà il rischio di trasmissione dell’HIV e di altre malattie sessualmente trasmissibili, dopo il sesso orale penetrativo, si deve riconoscere che molti sceglieranno di non seguire quel consiglio. Si dovrebbe tenere una discussione più ampia sulla valutazione del rischio in modo che gli individui possano fare scelte informate sul loro comportamento sessuale.


Autore: David A Hawkins – HIV/GU Medicine Directorate, Chelsea and Westminster Hospital, London SW10 9NH, UK

Traduzione a cura di Angelo Riky Del Vecchio, Direttore AssoCareNews.it


Bibliografia e fonti:

  1. Edwards S, Carne C. Oral sex and the transmission of viral STIs. Sex Transm Inf 1998;74:6–10.AbstractGoogle Scholar;
  2. Edwards S, Carne C. Oral sex and the transmission of non-viral STIs. Sex Transm Inf 1998;74:95–100.AbstractGoogle Scholar;
  3. Rothenberg RB, Scarlett M, del Rio C, et al. Oral transmission of HIV. AIDS 1998;12:2095–105.CrossRefPubMedWeb of ScienceGoogle Scholar;
  4. Robinson EK, Evans BG. Oral sex and HIV transmissions. AIDS 1999;13:737–8.CrossRefPubMedWeb of ScienceGoogle Scholar;
  5. Dillon B, Hecht FM, Swanson M, et al. Primary HIV infection associated with oral transmission: the Options Project UCSF. 7th Conference on Retroviruses and Opportunistic Infection, San Francisco, 2000 (abstract 473);
  6. Khan AW, Richards CM, Mandalia S, et al. Safer sex in HIV infected patients in London—practices and risks. Sex Transm Inf (in press);
  7. Grulich AE, Prestage G. Oral sex as a risk factor for HIV: a review of Australian data. HIV/AIDS and Related Diseases Social Research Conference, Sydney, May 2000;
  8. CDSC. Orogenital contact (oral sex) and transmission of HIV and other sexually transmitted infections. Commun Dis Rep CDR Wkly [serial online] 2001 [cited 5 July 2001]; 11(1).Google Scholar;
  9. Department of Health. Report of a Working Group of the UK Chief Medical Officers’ Expert Advisory Group on AIDS. Review of the evidence on the risk of HIV transmission associated with oral sex. June 2000;
  10. Cohen MS, Shugars DC, Fiscus SA. Limits on oral transmission of HIV-1. Lancet 2000; 356:272.CrossRefPubMedWeb of ScienceGoogle Scholar;
  11. Page-Shafer K, Veugelers PJ, Moss AR, et al. Sexual risk behaviour and risk factors for HIV-1 seroconversion in homosexual men participating in the Tricontinental Seroconverter Study, 1982–1994. Am J Epidemiol 1997;146:531–42.Abstract/FREE Full TextGoogle Scholar;
  12. National AIDS Manual. AIDS Treatment Update, 103. Factsheet no 55. NAM, July 2001;
  13. Samuel MC, Hessol N, Shiboski S, et al. Factors associated with human immunodeficiency virus seroconversion in homosexual men in three San Francisco cohort studies, 1984–1989. J Acquir Immune Defic Syndr 1993;6:303–12.Google Scholar;
  14. Vittinghoff E, Douglas J, Judson F, et al. Per-contact risk of human immunodeficiency virus transmission between male sexual partners. Am J Epidemiol 1999;150:306–11.Abstract/FREE Full TextGoogle Scholar;
  15. Hawkins DA. Postexposure to HIV prophylaxis. Curr Opin Infect Dis 2000;13:3–57.Google Scholar.

L’articolo Sesso orale non protetto: rischio HIV e altre patologie veneree. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts