Spread the love

Le società di Serie A sono alle prese con “uno stato di crisi non più sopportabile”. Un danno da 1,2 miliardi per la pandemia. E per questo chiedono un incontro urgente con il premier Mario Draghi e con il ministro Giancarlo Giorgetti. I club auspicano inoltre la riapertura totale degli stadi sin dall’inizio del campionato.

“Le Società di Serie A, riunitesi oggi in Assemblea, lamentano uno stato di crisi non più sopportabile causato, in particolar modo, dalle perdite economiche subite per l’assenza degli spettatori negli stadi nelle ultime due stagioni sportive. Per far partire il prossimo campionato, e non disattendere il desiderio di 38 milioni di appassionati, i Club di A, all’unanimità, richiedono con la massima urgenza un incontro con il Presidente del Consiglio Mario Draghi, con il Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti e con il Sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali”, affermano i club

“Tale incontro si rende necessario per trovare, di concerto con il Governo, idonee soluzioni per il danno da 1 miliardo e 200 milioni di euro subito finora dai Club a causa della pandemia e stabilire, al contempo, le modalità per favorire il totale ritorno del pubblico sugli spalti sin dalla prima giornata della prossima stagione, in piena sicurezza per i tifosi e contemplando l’utilizzo del passaporto vaccinale”, conclude il comunicato stampa della Lega Serie A.

In molti paesi gli stadi hanno riaperto, seppur con diverse limitazioni. Cerchiamo di non arrivare ultimi anche questa volta.