se-soffri-di-colesterolo-alto-ringrazia-i-frutti-(e-queste-ricette)-dell’autunno
Spread the love

Chi soffre di colesterolo alto deve bandire dalla tavola alcuni cibi e alimenti come la pasta all’uovo, il burro e tutti i piatti con grassi animali saturi, quindi anche insaccati. E ovviamente le fritture, a cui vanno preferiti metodi di cottura più light come la griglia, il vapore e il forno. Però noi abbiamo deciso di proporvi delle ricette adatte a chi ha il colesterolo alto, dedicate a chi non vuole rinunciare a deliziare il palato con qualcosa di speciale, sfruttando le proprietà di alcuni frutti dell’autunno che sono indicati proprio per chi soffre di colesterolo.

Torta di cachi

Torta di cachi
Foto Shutterstock | Eva Daren

I cachi hanno delle proprietà contro il colesterolo alto e con questa torta ai cachi troverete il giusto compromesso tra una ricetta light con un ridotto tasso di colesterolo e un dolce delizioso dal sapere tutto autunnale. Ovviamente non ci sono uova e burro, la torta si prepara con farina di farro e farina di castagne, dato che anche questi frutti d’autunno sono completamente privi di colesterolo ma davvero perfetti per fare i dolci.

Ricette anti colesterolo: il patè di funghi e noci

tartina con pate di funghi e noci
Foto Shutterstock | Joanna 12

Le noci, come altri tipi di frutta secca, sono naturalmente privi di colesterolo e se volete preparare un antipasto o uno snack light ecco che il patè di funghi e noci è una delle ricette anti colesterolo ideali per il menu d’autunno. Si prepara in poco tempo e con poche mosse, ma il risultato è ricco di gusto!

Tacchino al melograno e avocado

insalata con tacchino melograno e avocado
Foto Shutterstock | Elena Hramova

Il tacchino con melograno e avocado è una ricetta light che vi permette di portare in tavola un secondo piatto saporito che potete gustare sia caldo che tiepido, anche in forma di insalata ricca, aggiungendo della rucola e altre erbette. Questa ricetta contro il colesterolo è davvero perfetta da gustare in autunno senza troppe preoccupazioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *