scabbia-norvegese-o-crostosa:-cause,-sintomi-e-trattamento.

Scabbia Norvegese o Crostosa: cause, sintomi e trattamento.

Spread the love

La scabbia costosa, o scabbia norvegese come era formalmente nota, è una iperinfestazione altamente contagiosa da Sarcoptes scabiei var hominis.

Questo tipo di scabbia è una presentazione della scabbia in pazienti immunocompromessi. Può anche derivare da una diagnosi errata come psoriasi o dermatite seborroica e dal trattamento di questi disturbi.

Si stima che gli individui con scabbia in crosta abbiano fino a 4.000 acari per grammo di pelle. I pazienti sono spesso infettati da oltre 1 milione di acari. Confronta questo con la maggior parte dei pazienti con scabbia, che sono infettati da circa 10-20 acari.

Chi ha la scabbia crostosa?

La scabbia viene trasmessa da un altro individuo infestato dagli acari della scabbia. La scabbia in crosta può insorgere nelle persone che non riescono a montare una normale risposta immunitaria agli acari.

A livello globale, la scabbia in crosta è più diffusa nelle remote comunità aborigene dell’Australia settentrionale.

I fattori di rischio per la scabbia in crosta includono:

  • Età avanzata;
  • Demenza;
  • Sindrome di Down;
  • Infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV);
  • Lebbra;
  • Linfoma;
  • Lupus eritematoso sistemico (LES)
  • Uso di corticosteroidi o immunosoppressori a lungo termine;
  • Ospitalità istituzionale – carceri e case di cura (scabbia istituzionale).

Cause.

Il motivo esatto per cui si manifesta la scabbia incrostata è sconosciuto. È associato a eosinofili, IgE e IgG elevati. Il derma è infiltrato di linfociti ed eosinofili. C’è un aumento del rapporto dei linfociti CD8 + rispetto al normale.

Caratteristiche.

La scabbia in crosta inizia come macchie rosse scarsamente definite che poi si sviluppano in placche squamose spesse tra le dita, sotto le unghie o diffusamente sopra i palmi delle mani e le piante dei piedi. Altre aree comuni includono gomiti e ginocchia. Gli acari possono anche accumularsi nei letti ungueali, causando la rottura delle unghie.

Il prurito nella scabbia in crosta può essere minimo o assente. Ciò può essere dovuto alla natura immunitaria compromessa dell’individuo. Quanto segue può contribuire alla riduzione dei graffi:

  • Limitazione fisica;
  • Disturbi neuropsichiatrici;
  • Deformità osteoarticolari;
  • Atrofia muscolare;
  • Perdita di sensibilità cutanea.

Complicanze.

Le complicazioni della scabbia in crosta includono:

  • Infestazione di numerosi contatti, inclusi familiari e membri del personale;
  • Infezione batterica secondaria

Diagnosi.

La scabbia viene prontamente diagnosticata clinicamente e confermata dall’identificazione di acari o uova all’esame dermatoscopico o microscopico delle tane. La microscopia confocale a riflettanza è stata utilizzata anche per esaminare tane, acari, uova e feci di acari. La biopsia cutanea è raramente necessaria e mostrerà la caratteristica patologia della scabbia.

Trattamento.

Un dermatologo o un medico specializzato in malattie infettive dovrebbe essere coinvolto nella cura del paziente e dei contatti. Il trattamento della scabbia crostosa deve essere effettuato in un ambiente ospedaliero o residenziale, con il paziente in una stanza privata. Il personale sanitario deve prendere precauzioni per il contatto e indossare dispositivi di protezione individuale completi, comprese le coperture per scarpe e capelli.

Il trattamento comprende ivermectina orale e insetticidi topici. Il seguente sistema di classificazione ideato presso il Royal Darwin Hospital può essere utilizzato per determinare la gestione.

A: Distribuzione

Polsi, spazi web, piedi o <10% della superficie corporea totale (TBSA) Sopra più avambracci, parte inferiore delle gambe, glutei, tronco (10-30% TBSA) Sopra più cuoio capelluto o> 30% TBSA

B. Formazione di croste / spargimento

Leggera formazione di croste (profondità della crosta <5 mm), minima perdita di pelle Croste moderate (5-10 mm), perdita di pelle moderata Perdita cutanea grave (> 10 mm) e abbondante

C. Episodi passati

Mai avuto prima
1-3 precedenti ricoveri per scabbia crostosa o depigmentazione di gomiti e ginocchia
≥ 4 ricoveri precedenti per scabbia crostosa o depigmentazione come sopra più gambe / schiena o ispessimento cutaneo residuo / ittiosi
D. Condizione della pelle

Nessun cracking o piodermite / impetigine
Pustole multiple e / o piaghe piangenti e / o screpolature superficiali della pelle
Pelle profonda che si screpola con sanguinamento, essudati purulenti diffusi
Grado 1: punteggio totale 4–6
Grado 2: punteggio totale 7–9
Grado 3: punteggio totale 10-12

La dose di ivermectina è di 200 μg / kg per adulti e bambini di peso superiore a 14 kg, arrotondata per eccesso ai 3 mg più vicini e assunta dopo un pasto ricco di grassi per favorire l’assorbimento.

Grado 1: 3 dosi – giorni 0, 1,7
Grado 2: 5 dosi – giorni 0, 1, 7, 8, 14
Grado 3: 7 dosi – giorni 0, 1, 7, 8, 14, 21, 28
Uno scabicida topico viene applicato ogni due giorni per la prima settimana e poi due volte a settimana fino alla guarigione.

Crema di permetrina 5% o emulsione di benzil benzoato 25% per pazienti> 6 mesi di età
Crotamitone 10% per bambini sotto i 6 mesi
A volte, olio di melaleuca al 5% in più o pomata allo zolfo
Le creme cheratolitiche vengono utilizzate su placche squamose a giorni alterni allo scabicida. Per prima cosa, ammorbidisci le croste in acqua tiepida. Quindi applica uno dei seguenti:

Acido salicilico dal 5% al ​​10% in crema di sorbolene
Acido lattico 5% più urea 10% in crema di sorbolene.

Il dermatologo curante o il medico specializzato in malattie infettive deve riesaminare attentamente il paziente per decidere quando interrompere il trattamento.

Un regime di combinazione per il trattamento della scabbia in crosta ideato dai Centri statunitensi per il controllo delle malattie (CDC) raccomanda:

5% di permetrina topica o 5% di benzoile benzoato topico applicato giornalmente per sette giorni, poi due volte a settimana fino alla guarigione

e

Ivermectina orale (200 mcg / kg / dose) somministrata nei giorni 1, 2, 8, 9 e 15 (aggiungere i giorni 22, 29 se l’infestazione è grave).

Trattamento dei familiari.

Anche i membri della famiglia dovrebbero essere sottoposti a screening per la scabbia crostosa e trattati di conseguenza. Indipendentemente dai risultati dell’esame, tutti i membri della famiglia devono essere trattati con uno scabicida topico e devono ripetere il trattamento in una settimana.

L’ambiente.

Gli acari possono sopravvivere fino a 72 ore lontano da un ospite umano. Le zone giorno devono essere pulite a fondo, poiché le placche incrostate vengono comunemente eliminate. Anche la biancheria e i materassi devono essere puliti.

Il lavaggio con acqua (con o senza detersivo per bucato) rimuove la maggior parte degli acari. La temperatura dell’acqua non ha alcun effetto sul numero di acari uccisi.
Se gli articoli non possono essere lavati, devono essere conservati sigillati in sacchetti di plastica per almeno 4 giorni.
La luce solare è anche efficace per uccidere gli acari.

Chi guarisce può reinfestarsi.

Il trattamento curerà la scabbia crostosa. Tuttavia, i pazienti con scabbia crostosa, a causa del loro stato immunitario e delle condizioni di vita, sono a rischio di reinfestazione. L’istruzione e il follow-up regolare sono essenziali.

La mortalità è significativamente più alta nei pazienti più anziani con scabbia crostosa rispetto ai pazienti che hanno la scabbia regolare. La mortalità correlata alla malattia è attribuita alla sepsi.

Leggi anche:

Scabbia: tutto quello che devi sapere su questa Patologia.

L’articolo Scabbia Norvegese o Crostosa: cause, sintomi e trattamento. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts