ripartono-dall’italia-i-voli-per-la-thailandia
Spread the love

Buone notizie sulle riaperture dei voli dall’Italia verso la Thailandia, una delle destinazioni turistiche più apprezzate dai viaggiatori di tutto il mondo: Thai Airways, la compagnia aerea di bandiera thailandese, ha infatti annunciato il ripristino di ben 36 rotte internazionali, Italia compresa, dal prossimo 31 ottobre.

Il governo thailandese dà quindi il via libera ai voli verso Europa, Asia e Australia e conferma la riapertura dei confini ai turisti dal 1 novembre.

Thai Arways manca da Milano ormai da due anni a causa della pandemia mentre in passato era presente allo scalo lombardo con voli giornalieri (esclusa la domenica).

Adesso, finalmente, la compagnia si prepara a tornare operativa a Malpensa dal 1 gennaio 2022 riprendendo i collegamenti con Bangkok, all’inizio con due frequenze alla settimana con un Airbus A350-900.

L’annuncio è stato dato da Non Kalinta, vice presidente esecutivo Thai per il commercio: la maggior parte delle rotte torneranno operative tra il 31 ottobre e il 26 marzo 2022.

Un segnale importante sia per l’aeroporto milanese sia per il ripristino del traffico aereo a lungo raggio, uno dei comparti che sono stati più colpiti dalla crisi globale.

Inoltre, dal 1 ottobre la Thailandia ha ridotto da 14 a 7 giorni (in aggiunta al giorno di arrivo) il periodo di quarantena per i viaggiatori vaccinati, quarantena che deve essere svolta presso gli hotel preposti (per i non vaccinati i giorni sono 10).

Il programma “Sandbox”, voluto dal Governo per riaprire gradualmente e in sicurezza la nazione ai turisti internazionali, prevede infatti che i viaggiatori in possesso di certificato di vaccinazione sostino 7 giorni nell’area di arrivo ed eseguano un test Covid-19 prima di spostarsi.

Stando alle regole attuali, è previsto anche un certificato di ingresso (COE) da richiedere con i seguenti documenti:

  • copia del passaporto in corso di validità
  • copia dell’avvenuto pagamento per soggiorni non inferiori a 14 notti presso uno o più hotel certificati SHA Plus e per i test RT-PCR. Per soggiorni inferiori a 14 notti è necessario presentare in aggiunta un biglietto aereo confermato dalla Thailandia
  • certificato di vaccinazione ottenuto almeno 14 giorni prima della data di partenza
  • copia di una polizza sanitaria (in lingua inglese) che copra, per tutta la durata del soggiorno in Thailandia, le eventuali spese sanitarie e di trattamento per il Covid-19

Necessario altresì uno screening prima della partenza e presentare il risultato negativo di un test RT-PCR eseguito non più di 72 ore prima della partenza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *