perrier-jouët-belle-epoque-2013

PERRIER-JOUËT BELLE EPOQUE 2013

Spread the love

Perrier-Jouët è una Maison profondamente influenzata dall’amore dei suoi fondatori per la natura e per l’arte. Fondata nel 1811 a Epernay, è conosciuta per i suoi champagne floreali e complessi, oltre che per una lunga tradizione di artigianalità ottenuta grazie al lavoro di soli otto Chef de Cave sin dalla sua fondazione.

La Cuvée Belle Epoque è una vera icona, Champagne elegante, creato con le uve dei migliori vigneti della Maison solo nelle annate perfette, una combinazione di grazia ed eleganza, delicatezza e vivacità, insieme a una bella struttura. La nuova Chef de Cave Séverine Frerson l’associa a un’orchidea bianca, il suo fiore preferito: “La Belle Epoque si distingue per la sua armonia” ci dice Séverine , “armonia nelle proporzioni che combinano Chardonnay e Pinot Noir in parti quasi uguali, ma anche armonia nel tempo. Questa è una cuvée maestosa che maturando mantiene il suo stile e la sua filosofia”.

La prima Cuvée Belle Epoque fu realizzata con l’annata 1964, riconoscibile per la sua bottiglia decorata con i famosi anemoni bianchi giapponesi creati per la Maison dal maestro dell’Art Nouveau Emile Gallé nel 1902.

L’annata 2013 fu caratterizzata da un inverno freddo e da una primavera fresca e asciutta che portarono le viti a fiorire nei primi giorni di luglio, più di due settimane dopo rispetto alla media. Dopo un’estate asciutta e soleggiata anche se colpita da diversi violenti temporali, settembre portò un clima favorevole fino alla vendemmia, iniziata il 30 settembre. Le uve raggiunsero piena maturità̀ con un buon equilibrio tra alcool e acidità̀, dando al vino finezza, carattere.

 

James’ Tasting

Perrier-Jouët Belle Epoque 2013

97/100

L’esempio perfetto dell’arte dell’assemblaggio nello stile Perrier-Jouët, con uve Pinot Noir (45%), da due cru, Verzy e Mailly-Champagne, nel nord della Montagna di Reims, utilizzate per sostenere ed esaltare la delicata struttura dello Chardonnay (50%) proveniente dai celebri villaggi Grand Cru della Côte des Blancs di Cramant e Avize, Chouilly, Le Mesnil-sur-Oger, e Vertus; il 5% di uve Meunier di Dizy interpreta l’equilibrio tra i due vitigni principali, dando luogo al caratteristico stile floreale della Maison. Il risultato è un’elegante cuvée con un affinamento di circa 6 anni sui lieviti e un dégorgement avvenuto nell’estate del 2020 con un dosaggio di 8 g/l. Ogni annata di Belle Epoque esprime le caratteristiche specifiche del proprio millesimo che si ritrovano in ogni bottiglia insieme alle note distintive dello stile di Perrier-Jouët, come la delicatezza, l’armonia e l’eleganza che si combinano per catturare i sensi.

All’olfatto bouquet floreale di tiglio, aromi di frutta bianca fresca, mela e pera, sentori agrumati di pompelmo, note speziate di zenzero, pepe rosa e nero, completato da deliziose note di miele. Al palato è complesso, con una bella freschezza, di grande precisione, dalla texture ricca e profonda con una bella vivacità, verticalità e tensione, stile Perrier-Jouët. Evidente la mineralità in varie sfaccettature dalla nota crayeuse, alla pietra focaia e alla grafite. Finale lungo con la presenza della nota iodata proveniente dallo Chardonnay, raccolto a maturità ottimale tra acidità e zucchero. Vintage, differente, delicato, si sente la mano femminile e l’annata fresca.

 

Distribuito in Italia da

antinori.it

L’articolo PERRIER-JOUËT BELLE EPOQUE 2013 proviene da James Magazine – High Things, tra Bellezza, Arte e Champagne. Autore: Manlio Giustiniani

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *