orrore-nella-fattoria-didattica-“il-giardino-dei-nonni”-di-maccarese:-uccisi-e-rubati-gli-animali-nella-notte
Spread the love

Fino a ieri nella fattoria didattica “Il Giardino dei Nonni” di Maccarese, in Lazio, vivevano felici galline, porcellini d’India, faraone, una capretta e altri animali. Stanotte, però, qualcuno ha fatto irruzione e ne ha uccisi e portati via quasi tutti. A denunciare il terribile episodio Riccardo Di Giuseppe, ex direttore dell’oasi WWF di Macchiagrande e gestore dell’azienda con sede in viale Tre Denari.

“Un’ora fa sono entrati nella mia fattoria, hanno ucciso e portato via quasi tutti gli animali. Tutte le galline, faraone, i porcellini D’india, Lola la capretta… Tagliato le reti… Sto veramente male” ha annunciato ieri su Facebook Di Giuseppe, con il cuore a pezzi.

Oltre a uccidere e portare via circa 30 animali, i ladri hanno rubato anche gli attrezzi per il giardinaggio. Sulla vicenda stanno indagando le forze dell’ordine di Fregene, ai quali questa mattina Riccardo Di Giuseppe ha sporto denuncia. 

Tanti i messaggi di solidarietà arrivati al gestore della fattoria didattica.

“Amici grazie di cuore per la vicinanza, l’affetto. Continuerò a raccontare le storie belle del giardino, e come i progetti prendono vita. Un forte abbraccio a tutti, domani si riparte.”  ha scritto ieri notte Di Giuseppe sul suo profilo Facebook.

Anche il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, è intervenuto sui social per esprimere la sua vicinanza al gestore della fattoria didattica di Maccarese e per esortarlo a non gettare la spugna:

“Uccidere animali innocenti è un crimine orrendo e imperdonabile, ancora più brutto se fatto poi alle spalle di una persona che da sempre si è spesa per la tutela e la valorizzazione del mondo naturale, da lui amato e conosciuto in modo approfondito.” – commenta Montino – “Riccardo non mollare, prosegui nella tua encomiabile opera di divulgazione scientifica e amore per gli animali, in particolare rivolto alle giovani generazioni.”

Fonte: Facebook

Leggi anche:

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *