nomad:-design-e-arte-in-scena-a-st.-moritz
Spread the love

Nomad St Moritz 2022

Nomad St. Moritz, Musegallery.

© Mattia Parodi, Piergiorgio Sorgetti, Federico Floriani

Nomad, la fiera nata nel 2016 e dedicata ai collezionisti di arte e design, torna tra i paesaggi innevati delle Alpi Svizzere. Una rassegna itinerante che si distingue per la sua esclusività, sia dal punto di vista degli espositori, che delle mete in cui accoglie i suoi ospiti. Tra le location scelte in passato troviamo infatti Villa La Vigie (Montecarlo), Palazzo Soranzo Van Axel (Venezia) e Palais Bulles (Théole-sur-Mer). I curatori Giorgio Pace e Nicolas Bellavance-Lecompte (AD 100/2022), hanno scelto ancora una volta la peculiare Chesa Planta, costruita nel 1595, la cui facciata venne disegnata nel 1807 dall’architetto Nikolas Hartmann Sen di St. Moritz nel tradizionale stile Sgraffito dell’Engadina, applicando strati di intonaco colorato sulla sua superficie. 

Oggi Chesa Planta è un centro culturale che ospita la più grande collezione di libri in lingua romancia del mondo. Una location dal grande fascino sia per i galleristi che per i visitatori: un susseguirsi di stanze decorate, camere da letto rivestite in legno e salotti con carta da parati di velluto e stufe in piastrelle di Delft. 35 espositori hanno proposto opere e oggetti del Novecento e contemporaneo. Qui, una piccola selezione del Best of Nomad 2022.