l’italia-dei-sogni-di-liselotte-watkins
Spread the love

«Non sembra affatto di stare in Svezia» dice Liselotte Watkins a proposito di Millesgården, la villa che fu dello scultore Carl Milles sull’isola di Lidingö, nell’arcipelago di Stoccolma. «Si ha l’impressione, piuttosto, di trovarsi a Roma, o a Napoli, e perciò, tornandoci dopo tanti anni mi è sembrato tutto così stranamente familiare». È qui che la mostra dell’artista svedese, Liselotte Watkins Italien, va in scena fino al 21 novembre e celebra il suo rapporto con l’Italia – dove lei vive ormai da 12 anni. Dopo Milano è a Roma che si è trasferita nel 2015, ma le preferisce oggi il suo rifugio toscano. «Le mie opere appaiono a loro agio in questo ambiente», prosegue commentando l’allestimento nella casa-museo, «e credo che il contesto possa aiutare il pubblico a leggere i lavori: in un certo senso è come se avessero sempre abitato qui!». 

Liselotte Watkins, L’Orto, 2020. Foto: Sofia Johansson 

Lilla Triton nel Parco delle Sculture di Millesgården

Esposte nelle sale e nella loggia affrescata da un paesaggio che raffigura il golfo di Napoli, le opere di Watkins dialogano con l’architettura, gli interni, le sculture classiche che Milles collezionava con l’dea di fare della sua dimora un scampolo d’Italia in terra scandinava. Costruita tra il 1906 e il 1908, la villa accoglie il visitatore tra zampilli d’acqua (lo scultore era un riconosciuto maestro delle fontane), angeli e naiadi che arredano un giardino struggente in questa stagione, quando il fogliame vira al giallo e al rosso prima di declinare nello still-life invernale. 

Le opere di Watkins, al contrario, sono rutilanti di vita e colori pastello. Dalle scene d’interni – intricati pattern fitti di dettagli – sporadicamente popolate da figure di ragazzini, ai dipinti monumentali e quasi cubisti delle “grandi bagnanti” in bikini, fino alle opere tridimensionali, come le anfore istoriate da figure geometriche o dalle drammatiche silhouette dei pini marittimi: tutto racconta un Paese, tuttavia, più immaginato che reale. «La mia Italia non credo esista veramente» riflette.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *