lanciano-il-frigo-dal-terzo-piano-e-festeggiano-tra-le-risate:-finisce-malissimo

Lanciano il frigo dal terzo piano e festeggiano tra le risate: finisce malissimo

Spread the love

Redazione
02 gennaio 2021 18:29

Ha deciso di andare lui stesso oggi al comando di Polizia locale di Taranto: l’autore del lancio dal balcone di uno stabile del quartiere Tramontone di un grosso frigorifero era diventato suo malgrado protagonista dei social.

L’uomo che lancia un frigo dal balcone a Capodanno

Il lancio risale alla notte di Capodanno, mentre tutt’intorno esplodevano i fuochi d’artificio poco dopo la mezzanotte, tra le risate dei protagonisti: le immagini erano stato molto commenate e condivise sui social. Ad annunciare che il protagonista si e’ presentato (“un risultato importante della Polizia locale”), è stato l’assessore comunale alla Polizia locale, Gianni Cataldino, affermando che una squadra di agenti ha compiuto stamattina alle 6 un sopralluogo nella zona trovando il frigorifero sull’asfalto. “Stiamo valutando anche altri video che girano sui social e con la Polizia Postale vogliamo perseguire anche i responsabili di altre azioni di inciviltà”.

Il video aveva fatto il giro del web: riprendeva tre uomini che sollevavano un frigorifero gettandolo dal balcone della propria abitazione situata al secondo o al terzo piano di uno stabile.

Il coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonelli aveva condiviso su Facebook le immagini del lancio del frigorifero, scrivendo: “Cara Polizia di Stato, Questura e Procura di Taranto ricevo questo video da Taranto. Pubblico solo questo perché ce n’è un altro, anzi altri, con un minore che spara con una pistola o una scacciacani. Questi comportamenti vanno sanzionati. Non si può tollerare che cittadini perbene debbano subire questi gesti pericolosi e violenti”. “Talmente ritengono tutto ciò – conclude Bonelli – legittimo in virtù della loro prepotenza, che si riprendono con i cellulari e postano i video. Ridono noncuranti di chi ci sia in basso in strada. Una vergogna”.

Si parla di

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *