La teoria che il virus sia emerso dalla natura? Sta cadendo a pezzi. Parola del Washington Post

Spread the love

Negli Stati Uniti lievitano le analisi che conducono a sostenere che che il virus sia emerso dal laboratorio di Wuhan. L’approfondimento del Washington Post

Anthony S. Fauci ha detto al Congresso la scorsa settimana che, nonostante il crescente sostegno al caso che la pandemia sia emersa dal laboratorio di Wuhan, continua a credere che provenga dalla natura. “Ho sempre detto che l’alta probabilità è che questo sia un evento naturale”, ha detto Fauci, “e continuo a sostenerlo”. Come molte cose che Fauci ha detto agli americani sulla pandemia, sembra sempre di più che potrebbe avere torto. Non solo non ci sono ancora prove a sostegno della teoria che il virus sia emerso dalla natura, ma ci sono sempre più indizi che non è così.

Nei 15 mesi dall’inizio della pandemia, nonostante una ricerca esaustiva, non è stato trovato nessun ospite intermedio – un animale che ha preso il virus dai pipistrelli e poi lo ha diffuso agli umani. Nicholas Wade – reporter scientifico per quasi 50 anni a Science, Nature e New York Times – sottolinea nel suo esaustivo rapporto per il Bulletin of Atomic Scientists che durante l’epidemia di SARS1, l’ospite intermedio (gatti zibetto allevati per il consumo umano) è stato identificato in soli quattro mesi – scrive il Washington Post.

È possibile che il virus sia passato dai pipistrelli all’uomo senza un ospite intermedio? Può darsi. Ma un coronavirus di pipistrello è noto per aver infettato direttamente l’uomo solo in un’occasione nota – nell’aprile 2012, quando sei persone che pulivano il guano di pipistrello da una miniera nella provincia cinese dello Yunnan si ammalarono. Tuttavia, non è plausibile che i pipistrelli abbiano infettato le persone a Wuhan. La città è a più di 900 miglia dalle grotte di pipistrelli dello Yunnan, e il raggio d’azione dei pipistrelli è di sole 30 miglia. Inoltre, le temperature a Wuhan nell’inverno del 2019, quando la pandemia ha colpito, avrebbero mandato i pipistrelli in letargo. Ma cosa succede se una persona infettata nello Yunnan ha portato il virus a Wuhan? Come spiega Wade, quell’individuo “deve aver viaggiato … senza infettare nessun altro. Nessuno della sua famiglia si è ammalato. Se la persona è saltata su un treno per Wuhan, nessun compagno di viaggio si è ammalato”. Anche questo scenario è altamente improbabile.

Inoltre, se la SARS2 saltasse direttamente dai pipistrelli alle persone, allora dovrebbe essere ancora brava a infettare i pipistrelli. Ma non è così. Gli studi dimostrano che “le specie di pipistrelli testate sono scarsamente infettate dalla SARS-CoV-2, ed è quindi improbabile che siano la fonte diretta dell’infezione umana”. Infatti, scrive Wade, non ci sono prove che il virus abbia mai infettato i pipistrelli. Nessuna popolazione originale di pipistrelli è stata trovata. Infatti, sottolinea, i ricercatori non hanno trovato alcuna prova che dimostri che qualsiasi creatura – animale o umana – sia mai stata esposta al virus prima dell’inverno 2019.

Poi c’è la struttura del virus stesso. I virus pandemici non diventano altamente trasmissibili o mortali in un solo salto. Come spiega Wade, “la proteina spike del coronavirus, adattata per attaccare le cellule di pipistrello, ha bisogno di ripetuti salti in un’altra specie, la maggior parte dei quali fallisce, prima di ottenere una mutazione fortunata.” Nel caso della SARS1, il virus è mutato prima di fare il salto dai pipistrelli agli zibetti, poi ha fatto altri sei cambiamenti documentati prima di diventare un patogeno lieve negli esseri umani, poi ha fatto altri 14 cambiamenti per diventare più adattato alle persone, e poi altri quattro prima di essere in grado di causare un’epidemia.

Ma, continua Wade, “quando si cercano le impronte di una transizione simile nella SARS2, ci aspetta una strana sorpresa. Il virus non è cambiato quasi per niente, almeno fino a poco tempo fa. Fin dalla sua prima apparizione, era ben adattato alle cellule umane”. Questo avrebbe perfettamente senso se fosse stato progettato in laboratorio per diventare trasmissibile all’uomo – ma non se fosse emerso dalla natura.

Non solo la SARS2 manca di queste mutazioni naturali, scrive Wade, ma include anche un’aggiunta sorprendente: un “sito di clivaggio di furin (un enzima proteolitico)” sulla sua proteina spike che le permette di invadere le cellule umane. Perché questo è sorprendente? Perché SARS2 è l’unico coronavirus noto legato alla SARS che ha un sito di furin; gli altri usano un meccanismo diverso per infettare gli esseri umani. È improbabile che la SARS2 abbia preso il suo sito furina naturalmente, ma Wade cita un documento accademico che sottolinea che “almeno 11 esperimenti di gain-of-function, aggiungendo un sito furin per rendere un virus più infettivo, sono pubblicati nella letteratura aperta, incluso [dal] Dr. Zhengli Shi, capo della ricerca sui coronavirus all’Istituto di virologia di Wuhan”. Proprio così, la “signora pipistrello” del laboratorio di Wuhan – quella che ha ricevuto finanziamenti tramite un appaltatore americano dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases di Fauci – ha sperimentato con siti furin per rendere i coronavirus più infettivi per l’uomo.

In conclusione? Come l’ex commissario della FDA Scott Gottlieb ha recentemente spiegato, le prove per una fuga dal laboratorio stanno montando, mentre le prove per l’origine naturale “si sono contratte”. A questo punto, dice, l’onere dovrebbe essere su Pechino per “fornire prove che possano scagionarli”, come campioni di virus, campioni di sangue dei lavoratori del laboratorio ricoverati con sintomi simili al covid nel novembre 2019, e accesso illimitato al laboratorio e al suo personale. Finché il Partito Comunista Cinese non riuscirà a fornire queste prove a discolpa e ostacolerà un’indagine internazionale imparziale, allora si dovrebbe supporre che il laboratorio di Wuhan sia stato la fonte della pandemia e che Pechino debba essere ritenuta responsabile.

(Estratto di un articolo tratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Related Posts