la-“sky-pool”-collega-due-edifici-a-piu-di-30-metri-da-terra:-a-londra-la-prima-piscina-“galleggiante”-al-mondo
Spread the love
Sveva Alagna

Sveva Alagna Giornalista di Today.it, sezione Innovazione 29 aprile 2021 16:30

Un’architettura con il cielo per tetto, che si estende da un condominio all’altro a più di 30 metri da terra, attraverso i 14 metri che separano i due lussuosi condomini del complesso residenziale Embassy Gardens: non è un ponte ma una piscina, sospesa sulle strade di Londra, nel sud-ovest della città, vicino all’ambasciata degli Stati Uniti e alla riva sud del Tamigi. La prima piscina “galleggiante” al mondo è lunga 25 metri e sarà inaugurata il 19 maggio – con l’esibizione della squadra di nuoto sincronizzato Aquabatix – quando i residenti e i loro ospiti potranno dare il via alle nuotate en plain air in barba a vertigini e temperature “fresche” della primavera londinese.

Un privilegio non da poco: del resto, ci vuole circa 1 milione di sterline per un appartamento con due camere da letto in Embassy, con tanto di centro benessere e vista sulle Houses of Parliament,  che si trova a Nine Elms, quartiere investito da un ambizioso progetto di recupero e di riqualificazione. A metà tra incubo e status symbol definitivo, com’è l’ha definita la Cnn, la Sky Pool è stata ideata dai creativi del piano di sviluppo immobiliare Embassy Garden di EcoWorld Ballymore e realizzata dagli architetti Arup Associates, costruttori anche della Sydney Opera House. 

Il presidente di Ballymore, Sean Mulryan, ha raccontato: “Quando è nata l’idea, non sapevamo se fosse concretizzabile e cinque anni fa non lo sarebbe stato. È solo grazie ai progressi tecnologici che siamo stati in grado”. La più grande piscina in acrilico autoportante al mondo ha il fondo completamente in vetro trasparente ed è stata messa a punto con il contributo di Eckersley O’Callaghan, società di ingegneria strutturale ma anche di designer specializzati in acquari: “in effetti è più simile a un acquario che a una piscina”, sottolinea Mulryan. Interamente fabbricata in Colorado, è stata poi sottoposta a numerosi test di resistenza prima di intraprendere il viaggio per il Regno Unito su strada e per mare. 

È stata quindi sollevata in posizione da una gru da 750 tonnellate: “Il sollevamento è stato un processo di precisione, poiché c’era una tolleranza di soli 30 centimetri nell’installazione della piscina nel suo telaio in acciaio”, continua Mulryan. “Sono stati poi posizionati i sistemi di filtrazione alle due estremità e installate cinque modalità di illuminazione così da aggiungere una sensazione di magia. I residenti potranno tuffarsi da una parte e scendere dall’altra, il che è certamente un modo affascinante, per salutare i tuoi vicini”.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La “Sky Pool” collega due edifici a più di 30 metri da terra: a Londra la prima piscina “galleggiante” al mondo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *