la-“rivoluzione-sostenibile”-secondo-una-generazione-di-artisti-under-30
Spread the love

Digitalizzare i ricordi. Diluire l’arte. Demistificare la narrazione e creare nuovi contenuti, nuovi ritmi, nuove visioni. È un percorso narrativo intenso, dettagliato e passionale, frutto evidente dei sentimenti post pandemia, quello messo in scena dagli artisti under trenta ad Artissima 2021 in occasione del progetto JaguArt -The Italian Talent Road Show*, nato nel 2019 per promuovere e supportare i giovani talenti delle arti visive sul territorio italiano. All’Oval di Torino, sotto l’ala di Jaguar (che in fiera presenta i-Pace, il primo luxury Suv 100% elettrico ad essere lanciato al mondo, customizzato ad hoc per l’occasione, con una livrea dedicata), sotto i riflettori ci sono 10 talenti che hanno voglia di raccontare e di raccontarsi, uniti dalla volontà di promuovere il cambiamento di pensiero, non solo legato al mondo della mobilità automotive, ma esteso a 360 gradi verso scelte etiche e sostenibili per un futuro migliore. 

Parola d’ordine: esplorare le emozioni. «E così, guardando il sole, penso alle parole che compongono i miei pensieri. Forse, un giorno, ne farò a meno», dice Luca Arboccò, che con la sua opera L’osservazione dei corpi celesti, riflette sul fatto che quanto di più microscopico ci sia dato di vedere a occhio nudo si manifesti proprio guardando il cielo. Stefano Giuri racconta la strana serata di due busti del secolo scorso, che trascorrono alcune ore all’autoscontro. Il sogno assordante di un destino alternativo: «Quiero una vida nueva, questa notte voglio uscire di galera». Se Camilla Riscassi in Temo sia un addio letteramente “distrugge” una serie di diapositive per aprire una duplice riflessione sulla ricerca poetica dell’identità, Camilla Gurgone trasforma i suoi “bigini da esame”, appunti di fisica, filosofia e letteratura in opere d’arte in ceramica, affascinata dal comportamento della mente umana e dal meccanismo del ragionamento comportamentale nei riguardi delle scelte e delle decisioni. 

Nella gallery trovate tutti i 10 lavori che rimarcano il ruolo rivoluzionario dell’arte nell’attivare riflessioni inattese, scandagliando meccanismi e processi assodati.

*Mecenatismo “on the road”: il progetto JaguArt the italian talent road show ad Artissima Internazionale d’Arte Contemporanea di Torino (di scena dal 5 al 7 novembre) è uno scouting itinerante che si snoda tra 10 città italiane (ha fatto tappa a Milano, Torino, Catania, Roma, Venezia, Firenze, Genova, Napoli, Bologna, Brescia), 10 artisti, 10 gallerie, 10 concessionarie Jaguar e 10 Accademie di Belle Arti unite da un unico tema: Sustainable Revolution. Il vincitore sarà svelato a conclusione della Fiera. 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *