italia-tra-zone-gialle-e-arancioni:-gli-aggiornamenti-previsti-per-il-3-maggio
Spread the love

Alcune regioni di Italia si apprestano a cambiare nuovamente colore a partire dal 3 maggio, ecco infatti quali saranno gli aggiornamenti

Zona gialla, ristoranti aperti a cena
Covid, ristoranti (Getty Images)

Dal 26 aprile la maggior parte dell’Italia è tornata in zona gialla e molte attività hanno ripreso a lavorare. Bar e ristoranti sono tornati operativi e gli studenti sono tornati a scuola. Dal 3 maggio però potrebbero esserci ulteriori cambiamenti a seconda degli aggiornamenti del fine settimana. I contagi sono in diminuzione, ma bisogna fare attenzione: il Covid non se ne è andato.

LEGGI ANCHE>>>Covid-19, il bollettino del 28 aprile: 13.385 nuovi casi di contagio e 344 vittime

Italia gli ultimo aggiornamenti: qual è il verdetto?

italia aggiornamenti
(Getty Images)

LEGGI ANCHE>>>Covid, curarsi a casa: la nuova guida ufficiale dal Ministero della Salute

Domani 30 aprile verrà effettuato il consueto controllo da parte dell’Iss- ministero della salute e il monitoraggio potrebbe cambiare ancora una volta le carte in tavola. Le regioni che dovrebbero restare nella fascia gialla sono: Lombardia, Lazio, Toscana, Veneto, Piemonte, Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Umbria e le province autonome di Bolzano e di Trento. Quelle in zona arancione: Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta. E la Sardegna, che fino a poco tempo fa era l’unica bianca, oggi è la sola rossa. La Puglia potrebbe cambiare colore e diventare una zona più libera.

GLI AGGIORNAMENTI

Le regole pertanto restano invariate, solo a partire dal 15 maggio ci saranno ulteriori aggiornamenti come la riapertura di altre attività in zona gialla, per esempio piscine all’aperto e stabilimenti balneari e dal 1 giugno anche palestre, bar e ristoranti al chiuso. Dal 26 aprile nelle regioni gialle sono stati riaperti cinema e teatri che a seconda della grandezza non potranno ospitare più di cinquecento persone al chiuso e mille all’aperto.  Nelle zone ad alto rischio invece è consentito fare attività sportiva solo ed esclusivamente all’aperto ma con almeno due metri di distanza.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Covid curarsi casa ministero salute
Vaccino anti-Covid (Getty Images)

Intanto continua la campagna vaccinale, le prenotazioni sono state aperte anche alle fasce di età più basse ( anni 50-60) ma per il momento solo chi presenta patologie.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *