italia,-debito/pil-tornera-a-livelli-pre-crisi-entro-fine-decennio-–-franco
Spread the love

ROMA (Reuters) – Il processo in corso di rientro dal picco del debito pubblico generato in conseguenza della pandemia dovrebbe consentire di riportare il rapporto debito/Pil ai livelli precedenti la pandemia entro la fine del decennio.

Lo ha detto Daniele Franco, ministro dell’economia, nel corso del suo intervento alla Giornata Mondiale del Risparmio.

“Per i conti pubblici, l’andamento è più favorevole delle attese, il deficit è visto attorno al 9,4% del Pil per quest’anno. Un punto importante è l’andamento del debito pubblico”, ha detto.

Quest’anno l’incidenza del debito sul Pil dovrebbe essere inferiore a quella dell’anno scorso, ha detto il ministro, notando che “il picco determinato dalla recessione indotta dalla pandemia l’abbiamo superato l’anno scorso”.

Entro la fine del decennio, ha poi aggiunto Franco, “prevediamo di riportare il rapporto debito/Pil dove stava prima della crisi pandemica”.

Poco prima il governatore di Bankitalia Ignazio Visco aveva ricordato che il debito pubblico, in rapporto al Pil, “dopo essere cresciuto di quasi 30 punti percentuali tra il 2007 e il 2013, al 132%, si è poi stabilizzato intorno al 135% fino al 2019”. Il debito è poi salito al 156% del Pil nel 2020.

La crescita per i prossimi anni, dopo il 6% visto per quest’anno, è indicata al 4,7% per il 2022, 2,8% per il 2023 e 1,9% per il 2024. “Tassi pari ad almeno il 2% li troviamo soltanto nel 2001, quindi l’1,9% del 2024 è un tasso relativamente elevato guardando all’ultimo quarto di secolo”, ha detto il ministro.

(Stefano Bernabei, in redazione a Milano Claudia Cristoferi)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *