ipotiroidismo:-sintomi-nelle-donne.

Ipotiroidismo: sintomi nelle donne.

Spread the love

Oggi parliamo della malattia dell’Ipotiroidismo e dei suoi sintomi nelle donne. A cosa occorre fare attenzione?

L’ipotiroidismo si verifica quando il tuo corpo non produce abbastanza ormoni tiroidei. La tiroide è una piccola ghiandola a forma di farfalla che si trova nella parte anteriore del collo. Rilascia ormoni per aiutare il tuo corpo a regolare e utilizzare l’energia.

La tua tiroide è responsabile della fornitura di energia a quasi tutti gli organi del tuo corpo. Controlla funzioni come il battito del cuore e il funzionamento del sistema digestivo. Senza la giusta quantità di ormoni tiroidei, le funzioni naturali del tuo corpo iniziano a rallentare.

Chiamato anche tiroide ipoattiva, l’ipotiroidismo colpisce le donne più frequentemente degli uomini. Colpisce comunemente persone di età superiore ai 60 anni, ma può iniziare a qualsiasi età. Può essere scoperto attraverso un esame del sangue di routine o dopo l’inizio dei sintomi.

L’ipotiroidismo subclinico è il nome dato a una forma precoce e lieve della condizione.

Se ti è stato recentemente diagnosticato un ipotiroidismo, è importante sapere che il trattamento è considerato semplice, sicuro ed efficace.

La maggior parte dei trattamenti si basa sull’integrazione dei bassi livelli ormonali con ormoni artificiali. Questi ormoni sostituiranno ciò che il tuo corpo non produce da solo e aiuteranno a ripristinare le normali funzioni del tuo corpo.

Quanto è comune l’ipotiroidismo?

L’ipotiroidismo è una condizione abbastanza comune. Circa il 4,6% degli americani dai 12 anni in su soffre di ipotiroidismo. Complessivamente, circa 10 milioni di persone negli Stati Uniti convivono con la condizione.

La malattia diventa più comune con l’età. Le persone con più di 60 anni lo sperimentano più frequentemente.

Le donne hanno maggiori probabilità di avere una tiroide ipoattiva. Infatti, una donna su otto svilupperà ipotiroidismo.

Quali sono i segni e i sintomi dell’ipotiroidismo?

I segni e sintomi dell’ipotiroidismo variano da persona a persona. La gravità della condizione influisce anche su quali segni e sintomi compaiono e quando. I sintomi a volte sono anche difficili da identificare.

I primi sintomi possono includere aumento di peso e affaticamento. Entrambi diventano più comuni con l’avanzare dell’età, indipendentemente dalla salute della tiroide. Potresti non renderti conto che questi cambiamenti sono correlati alla tua tiroide finché non compaiono più sintomi.

I segni e sintomi più comuni dell’ipotiroidismo includono:

  • fatica;
  • aumento di peso;
  • viso gonfio e sensibile;
  • depressione;
  • stipsi;
  • sensazione di freddo;
  • diminuzione della sudorazione;
  • battito cardiaco rallentato;
  • colesterolo ematico elevato;
  • secchezza cutanea;
  • capelli secchi e diradati;
  • memoria alterata;
  • difficoltà di fertilità o cambiamenti mestruali;
  • debolezza muscolare;
  • rigidità e dolori muscolari;
  • dolore e rigidità alle articolazioni;
  • raucedine.

Per la maggior parte delle persone, i sintomi della condizione progrediscono gradualmente nel corso di molti anni. Poiché la tiroide rallenta sempre di più, i sintomi possono essere identificati più facilmente. Naturalmente, molti di questi sintomi diventano anche più comuni con l’età in generale.

Se sospetti che i tuoi sintomi siano il risultato di un problema alla tiroide, parla con il tuo medico. Possono ordinare un esame del sangue per determinare se hai l’ipotiroidismo.

Quali sono le cause dell’ipotiroidismo?

Di seguito sono descritte le cause comuni di ipotiroidismo.

Tiroidite di Hashimoto.

Il tuo sistema immunitario è progettato per proteggere le cellule del tuo corpo dall’invasione di batteri e virus. Quando batteri o virus sconosciuti entrano nel tuo corpo, il tuo sistema immunitario risponde inviando cellule combattenti per distruggere le cellule estranee.

A volte, il tuo corpo confonde le cellule normali e sane per invadere le cellule. Questa è chiamata risposta autoimmune. Se la risposta autoimmune non viene regolata o trattata, il tuo sistema immunitario può attaccare i tessuti sani. Ciò può causare seri problemi medici, comprese condizioni come l’ipotiroidismo.

La tiroidite di Hashimoto è una condizione autoimmune e la causa più comune di tiroide ipoattiva negli Stati Uniti. Questa malattia attacca la ghiandola tiroidea e provoca infiammazione tiroidea cronica. L’infiammazione può ridurre la funzione tiroidea.

Colpisce più comunemente le donne di mezza età, ma può verificarsi negli uomini e nei bambini. Questa condizione si verifica anche nelle famiglie. Se a un membro della famiglia è stata diagnosticata la malattia, il rischio di averla è maggiore.

Trattamento per l’ipertiroidismo.

Se la tua ghiandola tiroidea produce troppo ormone tiroideo, hai una condizione nota come ipertiroidismo. Il trattamento per questa condizione mira a ridurre e normalizzare la produzione di ormoni tiroidei.

A volte, il trattamento può far sì che i livelli dell’ormone tiroideo rimangano bassi in modo permanente. Ciò si verifica spesso dopo il trattamento con iodio radioattivo.

Rimozione chirurgica della tiroide.

Se l’intera ghiandola tiroidea viene rimossa a causa di problemi alla tiroide, svilupperai ipotiroidismo. L’uso di farmaci per la tiroide per il resto della tua vita è il trattamento principale.

Se viene rimossa solo una parte della ghiandola, la tiroide potrebbe essere ancora in grado di produrre da sola abbastanza ormoni. Gli esami del sangue aiuteranno a determinare la quantità di farmaci per la tiroide di cui avrai bisogno.

Radioterapia.

Se ti è stato diagnosticato un cancro alla testa o al collo, linfoma o leucemia, potresti essere stato sottoposto a radioterapia. Le radiazioni utilizzate per il trattamento di queste condizioni possono rallentare o arrestare la produzione dell’ormone tiroideo. Questo porterà quasi sempre all’ipotiroidismo.

Farmaci.

Diversi farmaci possono ridurre la produzione di ormoni tiroidei, portando all’ipotiroidismo. Questi includono quelli usati per trattare condizioni psicologiche, cancro o malattie cardiache, come:

  • litio;
  • mitotano (Lysodren), un farmaco contro il cancro surrenale;
  • interleuchina-2 (IL-2);
  • amiodarone (Pacerone), un farmaco antiaritmico.

Quali sono i fattori di rischio per l’ipotiroidismo?

I fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare ipotiroidismo includono:

  • essere donna;
  • avere almeno 60 anni;
  • avere una storia familiare di ipotiroidismo;
  • avere determinate condizioni autoimmuni, come la sindrome di Sjögren e il diabete di tipo 1.

Come viene diagnosticato l’ipotiroidismo?

Due strumenti principali vengono utilizzati per determinare se si dispone di ipotiroidismo, una valutazione medica e analisi del sangue.

Valutazione medica.

Il medico completerà un esame fisico approfondito e una storia medica. Verificheranno i segni fisici di ipotiroidismo, tra cui:

  • pelle secca;
  • riflessi rallentati;
  • gonfiore al collo;
  • frequenza cardiaca più lenta del solito.

Inoltre, il medico ti chiederà di segnalare eventuali sintomi che hai riscontrato, come affaticamento, depressione, stitichezza o sensazione di freddo costante.

Se hai una storia familiare nota di malattie della tiroide, informi il medico durante questo esame.

Prelievi ematici.

Gli esami del sangue sono l’unico modo per confermare in modo affidabile una diagnosi di ipotiroidismo.

Un test dell’ormone stimolante la tiroide (TSH) misura quanto TSH sta creando la tua ghiandola pituitaria:

Se la tua tiroide non produce abbastanza ormoni, la ghiandola pituitaria aumenterà il TSH per aumentare la produzione di ormoni tiroidei.

Se hai l’ipotiroidismo, i tuoi livelli di TSH saranno alti, poiché il tuo corpo sta cercando di stimolare una maggiore attività dell’ormone tiroideo.

Se soffri di ipertiroidismo, i tuoi livelli di TSH saranno bassi, poiché il tuo corpo sta cercando di fermare la produzione eccessiva di ormoni tiroidei.

Un test di livello della tiroxina (T4) è utile anche per diagnosticare l’ipotiroidismo. T4 è uno degli ormoni prodotti direttamente dalla tiroide. Usati insieme, i test T4 e TSH aiutano a valutare la funzione tiroidea.

In genere, se hai un basso livello di T4 insieme a un alto livello di TSH, hai l’ipotiroidismo. Tuttavia, esiste uno spettro di malattie della tiroide. Potrebbero essere necessari altri test di funzionalità tiroidea per diagnosticare correttamente la tua condizione.

Quali farmaci sono disponibili in commercio per trattare l’ipotiroidismo?

L’ipotiroidismo è una condizione permanente. Per molte persone, i farmaci riducono o alleviano i sintomi.

L’ipotiroidismo viene trattato al meglio utilizzando levotiroxina (Levoxyl, Synthroid). Questa versione sintetica dell’ormone T4 copia l’azione dell’ormone tiroideo normalmente prodotto dal tuo corpo.

Il farmaco è progettato per restituire livelli adeguati di ormone tiroideo al sangue. Una volta ripristinati i livelli ormonali, è probabile che i sintomi della condizione scompaiano o almeno diventino molto più gestibili.

Una volta iniziato il trattamento, ci vogliono diverse settimane prima che inizi a provare sollievo. Avrai bisogno di esami del sangue di follow-up per monitorare i tuoi progressi. Tu e il tuo medico lavorerete insieme per trovare una dose e un piano di trattamento che affrontino al meglio i vostri sintomi. Questo può richiedere del tempo.

Nella maggior parte dei casi, le persone con ipotiroidismo devono continuare a prendere questo farmaco per tutta la vita. Tuttavia, è improbabile che continuerai a prendere la stessa dose, soprattutto se hai la tiroidite di Hashimoto. Per assicurarsi che il farmaco funzioni ancora correttamente, il medico dovrebbe testare i livelli di TSH ogni anno.

Se i livelli ematici indicano che il medicinale non funziona come dovrebbe, il medico aggiusterà la dose fino a raggiungere un equilibrio.

Quali trattamenti alternativi possono aiutare l’ipotiroidismo?

Sono disponibili estratti animali che contengono ormone tiroideo. Questi estratti provengono dalle ghiandole tiroidee dei suini. Contengono sia T4 che triiodotironina (T3).

Se prendi levotiroxina, stai ricevendo solo T4. Tuttavia, questo è tutto ciò di cui hai bisogno perché il tuo corpo è in grado di produrre T3 dal T4 sintetico.

Questi estratti animali alternativi spesso contengono quantità incoerenti di ciascun ormone e gli studi non hanno dimostrato che siano migliori della levotiroxina. Per questi motivi, non sono raccomandati di routine.

È inoltre possibile acquistare estratti ghiandolari in alcuni negozi di alimenti naturali. Questi prodotti non sono monitorati o regolamentati dalla Food and Drug Administration (FDA). Per questo motivo, la loro potenza, legittimità e purezza non sono garantite.

Usa uno di questi prodotti a tuo rischio. Tuttavia, informi il medico se decide di provare questi prodotti in modo che possano adattare il trattamento di conseguenza. Scopri altri trattamenti alternativi, come il selenio e la vitamina B.

Quali sono le complicazioni dell’ipotiroidismo?

Le complicanze dell’ipotiroidismo includono:

  • gozzo;
  • lesioni ai nervi;
  • neuropatia periferica;
  • sindrome del tunnel carpale;
  • ridotta funzionalità renale, in caso di malattia grave;
  • mixedema, in caso di malattia grave;
  • apnea ostruttiva del sonno.

L’ipotiroidismo può anche provocare infertilità o complicazioni legate alla gravidanza come la preeclampsia. Scopri di più sulle complicazioni dell’ipotiroidismo.

Esistono raccomandazioni dietetiche speciali per le persone con ipotiroidismo?

Come regola generale, le persone con ipotiroidismo non hanno una dieta specifica da seguire. Tuttavia, ecco alcuni consigli da tenere a mente.

Pratica una dieta equilibrata.

La tua tiroide ha bisogno di quantità adeguate di iodio per funzionare completamente, ma non è necessario assumere un integratore di iodio perché ciò avvenga.

Una dieta equilibrata di cereali integrali, fagioli, proteine ​​magre e frutta e verdura colorata dovrebbe fornire abbastanza iodio. Scopri altri cibi ricchi di iodio.

Controlla il tuo consumo di soia.

La soia può ostacolare l’assorbimento degli ormoni tiroidei. Se bevi o mangi troppi prodotti a base di soia, potresti non essere in grado di assorbire adeguatamente i tuoi farmaci.

È particolarmente importante che gli operatori sanitari monitorino l’assunzione di soia dei bambini che necessitano di un trattamento per l’ipotiroidismo e bevano anche latte artificiale di soia.

La soia si trova in:

tofu
formaggio vegano e prodotti a base di carne
latte di soia
semi di soia
salsa di soia
Hai bisogno di dosi costanti del farmaco per raggiungere livelli uniformi di ormone tiroideo nel sangue. Evita di mangiare o bere cibi a base di soia per almeno 4 ore prima e dopo aver assunto il farmaco.

Uso controllato delle fibre.

Come la soia, le fibre possono interferire con l’assorbimento degli ormoni. Troppe fibre alimentari possono impedire al corpo di assumere gli ormoni di cui ha bisogno.

La fibra è vitale, quindi non evitarla del tutto. Invece, evita di prendere il medicinale entro diverse ore dal consumo di cibi ricchi di fibre.

Non assumere farmaci per la tiroide con altri integratori
Se prendi integratori o farmaci oltre ai farmaci per la tiroide, prova a prenderli in momenti diversi. Altri farmaci possono interferire con l’assorbimento, quindi è meglio assumere i farmaci per la tiroide a stomaco vuoto e senza altri farmaci o alimenti.

La diagnosi di ipotiroidismo non significa che dovrai seguire una dieta rigorosa, anche se potrebbero essere necessari alcuni aggiustamenti.

Quali sono alcuni suggerimenti per affrontare l’ipotiroidismo?

Anche se ti stai sottoponendo a un trattamento, potresti affrontare problemi o complicazioni di lunga durata a causa della condizione. Tuttavia, ci sono modi per ridurre l’effetto dell’ipotiroidismo sulla qualità della vita.

Controlla altre condizioni di salute.

Esiste un collegamento tra altre malattie autoimmuni e ipotiroidismo. L’ipotiroidismo spesso va di pari passo con altre condizioni, come:

  • celiachia;
  • diabete;
  • artrite reumatoide (RA);
  • lupus;
  • disturbi che interessano la ghiandola surrenale;
  • problemi ipofisari.

Sviluppa strategie per affrontare la fatica
Nonostante l’assunzione di farmaci, potresti comunque provare affaticamento di tanto in tanto.

Per aiutarti a combattere i bassi livelli di energia, è importante che:

  • migliorare la qualità del sonno notturno;
  • praticare una dieta ricca di frutta e verdura;
  • considerare l’uso di meccanismi per alleviare lo stress, come la meditazione e lo yoga.

Qual è la connessione tra ipotiroidismo e depressione?

Quando i livelli di ormoni tiroidei sono bassi, le funzioni naturali del tuo corpo rallentano e ritardano. Ciò causa una varietà di sintomi, tra cui affaticamento, aumento di peso e persino depressione. Uno studio del 2016 ha rilevato che il 60% delle persone con ipotiroidismo mostrava alcuni sintomi di depressione.

Alcune persone con ipotiroidismo possono solo avere problemi di umore. Questo può rendere difficile la diagnosi dell’ipotiroidismo. Invece di trattare solo il cervello, i medici dovrebbero anche considerare di testare e curare una tiroide ipoattiva.

La depressione e l’ipotiroidismo condividono diversi sintomi. Questi includono:

  • fatica;
  • aumento di peso;
  • umore depresso;
  • desiderio e soddisfazione ridotti;
  • difficoltà a concentrarsi;
  • difficoltà a dormire.

Le due condizioni hanno anche sintomi che possono distinguerle l’una dall’altra. Per l’ipotiroidismo, sono comuni problemi come pelle secca, costipazione, colesterolo alto e perdita di capelli. Solo per la depressione, queste condizioni non sarebbero prevedibili.

La depressione è spesso una diagnosi basata sui sintomi e sulla storia medica. La bassa funzionalità tiroidea viene diagnosticata con un esame fisico e analisi del sangue. Per vedere se esiste un legame tra la tua depressione e la tua funzione tiroidea, il medico può ordinare questi test per una diagnosi definitiva.

Se la tua depressione è causata solo dall’ipotiroidismo, la correzione dell’ipotiroidismo dovrebbe curare la depressione. In caso contrario, il medico può prescrivere farmaci per entrambe le condizioni.

Regoleranno lentamente le dosi fino a quando la depressione e l’ipotiroidismo non saranno sotto controllo.

Qual è la connessione tra ipotiroidismo e ansia?

Sebbene l’ipotiroidismo sia stato a lungo associato alla depressione, uno studio del 2016 indica che potrebbe essere associato anche all’ansia.

I ricercatori hanno valutato 100 persone di età compresa tra 18 e 45 anni con una storia nota di ipotiroidismo. Utilizzando un questionario sull’ansia, hanno scoperto che circa il 63% di loro soddisfaceva i criteri per una qualche forma di ansia.

La ricerca fino ad oggi è consistita in piccoli studi. Studi più ampi e mirati sull’ansia possono aiutare a determinare se esiste una vera connessione tra ipotiroidismo e ansia.

È importante che tu e il tuo medico discutiate di tutti i vostri sintomi durante la valutazione delle condizioni della tiroide.

Qual è l’effetto dell’ipotiroidismo sulla gravidanza?
Le donne che soffrono di ipotiroidismo e desiderano una gravidanza devono affrontare una serie particolare di sfide.

La bassa funzionalità tiroidea o l’ipotiroidismo incontrollato durante la gravidanza possono causare:

  • anemia;
  • aborto spontaneo;
  • preeclampsia;
  • natimortalità;
  • basso peso alla nascita;
  • problemi di sviluppo del cervello;
  • difetti di nascita.

Qual è la connessione tra ipotiroidismo e aumento di peso?

La tua tiroide è responsabile di molte delle funzioni quotidiane del tuo corpo, inclusi il metabolismo, la funzione degli organi e il controllo della temperatura. Quando il tuo corpo non produce abbastanza ormone tiroideo, tutte queste funzioni possono rallentare.

Se la tua ghiandola tiroidea non funziona correttamente, il tuo metabolismo basale potrebbe essere basso. Per questo motivo, una tiroide ipoattiva è comunemente associata all’aumento di peso. Più grave è la condizione, maggiore sarà probabilmente l’aumento di peso.

La quantità tipica di aumento di peso non è però molto elevata. La maggior parte delle persone guadagnerà da qualche parte tra 5 e 10 sterline.

Trattare adeguatamente la condizione può aiutarti a perdere il peso che hai guadagnato mentre i livelli della tiroide erano incontrollati. Tuttavia, tieni presente che non è sempre così. I sintomi della tiroide ipoattiva, compreso l’aumento di peso, si sviluppano per un lungo periodo di tempo.

Non è raro che le persone con bassi livelli di ormoni tiroidei non perdano peso dopo essere stati trattati per la condizione. Ciò non significa che la condizione non venga trattata adeguatamente. Invece, potrebbe indicare che il tuo aumento di peso è stato il risultato di scelte di vita piuttosto che di bassi livelli di ormoni.

Qual è la connessione tra ipotiroidismo e perdita di peso?

Una volta che sei stato trattato per questa condizione, potresti perdere qualsiasi peso che hai guadagnato. Questo perché una volta ripristinati i livelli della tiroide, la tua capacità di gestire il tuo peso torna alla normalità.

Se stai curando l’ipotiroidismo ma non vedi un cambiamento nel tuo peso, ciò non significa che la perdita di peso sia impossibile. Collabora con un medico, un dietista registrato o un personal trainer per sviluppare un programma mirato per un’alimentazione sana e una strategia di esercizio che possa aiutarti a perdere peso.

Quando è meglio rivolgersi al medico?

Il tuo corpo subisce naturalmente dei cambiamenti man mano che invecchi. Se noti una differenza significativa nel modo in cui ti senti o nel modo in cui risponde il tuo corpo, parla con il tuo medico per vedere se un problema alla tiroide potrebbe interessarti.

Leggi anche:

Ipotiroidismo: una sindrome patologica della Tiroide che determina uno squilibrio nell’organismo.

Ipertiroidismo. Patologia della Tiroide che può scatenare il Morbo di Graves.

Mixedema: infiltrazione cutanea dovuta all’Ipotiroidismo che porta ad edemi del viso e degli arti.

L’articolo Ipotiroidismo: sintomi nelle donne. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts