io,-ispettore-ministeriale-per-l’esame-di-avvocato-dico:-non-sara-una-passeggiata…
Spread the love

Sono stato nominato Ispettore Ministeriale per gli esami di avvocato; in tutto, in Italia, siamo poco più di una ventina, uno per ogni Corte d’Appello. Nonostante che l’incarico sembri rimandare a personaggi gogoliani magari un po’ stupidi, ma molto pomposi, colleghi che lo avevano ricoperto in anni precedenti mi avevano detto che è un compito facile facile, al limite della pura formalità, tant’è che il Ministero.

Si tratta, mi avevano detto, di andare alla Corte cui sei destinato nei tre giorni degli scritti, badare che non ci siano violazioni proprio gravi (il classico telefonino sfuggito al controllo, da cui viene dettato il compito) ed in tal caso riferirle al Presidente della Commissione e, nei casi estremi, farli mettere a verbale dal cancelliere segretario.

Poi ci andrai di nuovo qualche volta, a sorpresa e a campione, nel corso degli orali, più che altro per valutare possibili irregolarità poste in essere dalla commissione. Niente di speciale, penso, si può fare, concludo e accetto.

Invece, con le nuove modalità dell’esame imposte dalla pandemia il compito non è più affatto facile e i punti critici che sin d’ora si intravedono sono parecchi e le linee guida emanate dalla Commissione Centrale presso il Ministero non aiutano un granché. Andiamo direttamente alla questione principale, senza girarci intorno.

Come sappiamo, gli scritti sono stati sostituiti da un “orale rafforzato” (non chiedetemi il senso di quel “rafforzato”) che si terrà da remoto e durerà un’ora per ogni candidato: mezz’ora per la ricerca e mezz’ora per la discussione con la commissione. Sarà il candidato a scegliere le materie: diritto e procedura civile oppure diritto e procedura penale oppure amministrativo. Mezz’ora per pensarci, fare la possibile ricerca ed organizzare un discorso non è davvero molto, considerata anche la condizione di estrema agitazione in cui verseranno i candidati.

Ma tant’è sarà così per tutti: tutti agitati e affannati più o meno in pari grado. Ma il punto non è questo. Il punto è che gli scritti avevano di buono che i candidati erano tutti quanti alla pari, almeno ai blocchi di partenza, e poi ognuno faceva valere quel che sapeva. Ma nel nuovo sistema ci saranno domande e “casi” magari molto semplici oppure veramente difficili, di magari involontaria ferocia. E’ ben vero che le linee guida ministeriali dettano regole per cercare di uniformare il livello dei casi da sottoporre, ma sono regole generali e generiche e, alla fine, saranno le commissioni a stendere domande e casi da sottoporre all’esaminando.

E le commissioni non sono una ogni Corte d’Appello, che già desterebbe qualche preoccupazione, ma si sono divise in sottocommissioni (a Roma e Milano 35; a Bologna, che dovrò monitorare io, 12 e così via) e non sarebbe stato possibile fare altrimenti visto che mille candidati (in tutto sono 26.000) implicano mille ore di esami e una commissione ne potrà fare tre o quattro al giorno, poi sarà fusa. Questa è la maggiore criticità, che rasenta la possibile ingiustizia: e già intravedo gli innumeri ricorsi al TAR dei bocciati.

Per noi ispettori c’è un problema: se notiamo una accentuata differenza di livello fra il caso posto ad un candidato e quello posto ad un altro, dobbiamo lamentarcene col Presidente della commissione e mettere la cosa a verbale? Io penso di sì, anche se non mi auguro ce ne sia bisogno.

E’ vero che situazioni molto critiche potranno essere raddrizzate tenendone conto in sede di valutazioni di ammissibilità all’orale, valutazione che segue immediatamente l’esame di ogni singolo candidato, ma in questo modo si va ad aggiungere disomogeneità a disomogeneità, anche se del tutto in buona fede. Per di più, mentre le linee guida espressamente prevedono che gli ispettori possano accedere in ogni momento agli esami, non è chiaro se avranno accesso  anche alla stanza virtuale della valutazione dell’esame. Insomma, quello che doveva essere un incarico facile  facile intravedo che sia diventato un compito molto più impegnativo e delicato. Certo, non solo per noi ispettori, ma anche per le commissioni e soprattutto anche per i candidati. Staremo a vedere. Ore ed ore ed ore attaccato al computer: non è un granché di prospettiva. Fine aprile 2021

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *