il-programma-millemiglia-continua:-cosa-sapere
Spread the love

È decollata ITA Airways, la nuova compagnia di bandiera italiana, e con essa anche un nuovo programma di fidelizzazione (di cui vi avevamo parlato qui). Tuttavia, il vecchio MilleMiglia di Alitalia continuerà a garantire benefit, possibilità di utilizzare i punti già ottenuti e, addirittura, i privilegi SkyPriority: perché e come funziona.

Perché il programma MilleMiglia non è cessato

Lo storico programma di fidelizzazione di Alitalia continua per i suoi oltre 6 milioni di iscritti, il tutto in attesa che venga pubblicato il bando per la vendita dell’asset. Il motivo è molto semplice: la commissione Ue aveva imposto al Governo Italiano di non far terminare il programma fedeltà dell’ex compagnia aerea (se volete conoscere la storia di Alitalia cliccate qui).

A precisarlo è stata una nota di Alitalia stessa in cui è stato sottolineato che dal 15 ottobre scorso – anche se il vettore ha cessato le sue operazioni – i soci possono continuare ad accumulare miglia, utilizzando i servizi offerti da 60 partner e quelle già presenti in portafoglio.

Come si accumulano i punti MilleMiglia

Potendo continuare ad accumulare miglia utilizzando i servizi offerti dagli attuali Partner Commerciali, si possono ottenere punti ogni volta che si noleggia un’auto, che si parcheggia il proprio mezzo vicino agli aeroporti o stazioni, si soggiorna in albergo, si utilizzano i taxi per i gli spostamenti quotidiani e si fa shopping .

Ma non solo, anche con l’offerta assicurativa del Programma MilleMiglia LIFE si possono accumulare miglia grazie ad un’ampia gamma di prodotti assicurativi, adatti a tutte le esigenze e pensati per proteggere in ogni momento.

Inoltre, utilizzando le carte di credito MilleMiglia si possono accumulare miglia ad ogni acquisto, sia peri viaggi che per le spese di tutti i giorni.

Sono stati anche rinnovati gli accordi con i Partner Aerei Air FranceKLM e con Middle East Airlines, compagnie facenti parte dell’Alleanza SkyTeam, che, con un network di oltre 200 destinazioni nel mondo, permettono di continuare ad accumulare miglia, anche qualificanti, su tutti i loro voli.

Grazie alle nuove collaborazioni per i soci del programma MilleMiglia è inoltre possibile acquistare su lastminute.com voli di oltre 400 compagnie aeree verso più di 200 paesi nel mondo, un milione e cinquecentomila strutture ricettive a livello globale, servizi di 150 catene alberghiere e infinite combinazioni di pacchetti volo+hotel per continuare a viaggiare accumulando miglia sul proprio conto.

Cosa succede per i soci dei club esclusivi

Per i soci dei club esclusivi – Ulisse, Freccia Alata e Freccia Alata Plus – continua ad essere disponibile il servizio clienti dedicato e restano confermati tutti i benefici e bonus riconosciuti dai partner commerciali, oltre ai servizi SkyPriority quando viaggiano con le compagnie aeree partner.

Perché le MilleMiglia non si possono utilizzare su ITA

Nonostante la soddisfazione dei consumatori relativamente alla prosecuzione del programma MilleMiglia, Furio Truzzi presidente di Assoutenti, ha dichiarato “riteniamo indispensabile prevedere la possibilità di utilizzare le miglia anche sui voli ITA, mentre resta ancora aperto il nodo rimborsi e voucher: ad oggi non vi è alcuna certezza sui tempi e sulle modalità per ottenere il rimborso di biglietti aerei e voucher Alitalia in mano agli utenti, e in tal senso crediamo che il Governo debba scendere in campo, fornendo indicazioni chiare e precise ai cittadini“.

Ma allo stesso tempo Assoutenti considera una buona notizia “la possibilità di usare le miglia, e continuare ad accumulare punti, attraverso i 60 partner del programma”, dopo aver lanciato l’allarme nei giorni scorsi “per i 6,1 milioni di iscritti al programma MilleMiglia che rischiavano di veder andare in fumo un totale di 45 miliardi di miglia accumulate“.

I numeri del programma MilleMiglia

MilleMiglia conta ben 6,2 milioni di iscritti che hanno accumulato alla fine del 2020 circa 45 miliardi di miglia. Nel dare l’ok a Italia Trasporto Aereo, la nuova compagnia di Stato, la Commissione europea ha stabilito che nell’ambito della discontinuità aziendale la newco non potesse ereditare il programma fedeltà di Alitalia (e infatti ne ha creato uno nuovo con il nome “Volare“).

Loyalty, la società interna ad Alitalia che detiene il programma MilleMiglia, negli ultimi anni ha chiuso sempre in attivo. Anche nel 2020, in piena pandemia, ha registrato un utile di esercizio di 4,07 milioni di euro e un patrimonio netto di 57,83 milioni stando ai bilanci. Nel 2019, prima del Covid, l’utile era di 18,97 milioni, mentre i ricavi sono passati da 51,1 a 17,48 milioni.

Cosa succede con i rimborsi

Il Governo, dopo aver avuto il via libera dalla Commissione, ha istituito (nel DL 30 giugno 2021, n. 99) un fondo da 100 milioni di euro per rimborsare i possessori dei titoli di volo Alitalia, dopo il passaggio alla nuova compagnia. Ne avranno diritto coloro che non hanno aderito alla proposta di Alitalia di sostituzione dei biglietti.

Le modalità per chiedere il rimborso al fondo saranno comunicate tramite provvedimento del ministero dello Sviluppo economico che dovrebbe essere pronto a breve.

Per i possessori di voucher non ancora rimborsati, Alitalia ha messo a disposizione un apposito form per farne richiesta. Anche in questo caso il rimborso è condizionato alle disposizioni che deve ancora comunicare il ministero per l’accesso al fondo. Speriamo di avere maggiori informazioni a breve.

Quando avverrà la vendita

Non molte chiarimenti sono ancora disponibili sul quando avverrà la vendita del programma MilleMiglia. Questo perché il bando non è ancora pronto e i tempi non si preannunciano brevi.

Soprattutto: a chi verrà venduta? Questo, sfortunatamente, è impossibile dirlo adesso. Ma gli acquirenti non dovrebbero scarseggiare. Stiamo parlando, infatti, dell’unica società del gruppo che era in utile. Un asset che fa gola a molti, dal momento che Alitalia Loyalty ha detiene i dati di sei milioni di consumatori e se è vero che la moneta del nuovo decennio sono proprio i dati, il valore è, certamente, alto.

Vi ricordiamo, tuttavia, di fare attenzione al tasso di conversione che potrebbe svantaggiare molti clienti a seconda delle compagnie prescelte. Non sempre vi è una diretta corrispondenza tra gli importi dei vari biglietti poiché Alitalia aveva un rapporto di cambio diverso rispetto ad altri vettori.

All’epoca era difficile prendere gratis biglietti per destinazioni molto richieste, perché c’erano pochi posti riservati su ogni volo con il risultato di una faticosa lotta contro il tempo per i viaggiatori meno scaltri o informati.

Vi invitiamo, quindi, a visionare il sito internet di riferimento al fine di rimanere sempre aggiornati e poter usufruire di tutti i servizi ancora disponibili.

miglia alitalia

Airbus A330 Alitalia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *