il-piccolo-leo-non-ce-l’ha-fatta:-“adesso-e-l’angelo-anche-di-altri-bambini”

Il piccolo Leo non ce l’ha fatta: “Adesso è l’angelo anche di altri bambini”

Spread the love

Il piccolo Leo, malato di Sma purtroppo è deceduto proprio quando i suoi genitori erano riusciti ad ottenere l’accesso gratuito al farmaco da 2 milioni di euro che avrebbe potuto salvargli la vita.

Leo sma bambino morto
(Rainer Maiores – Pixabay)

Leo, il bambino di solo 1 anno malato di Sma, purtroppo non ce l’ha fatta. Il piccolo si è spento dopo una dura battaglia contro la rara malattia neuromuscolare infantile. A dare la notizia i suoi genitori tramite un post Facebook in cui hanno espresso il loro dolore ed attraverso cui hanno comunicato che acconsentiranno alla donazione degli organi.

Leggi anche —> Tragedia durante una perquisizione dei Carabinieri: giallo nel giallo

Ischia, il piccolo Leo non ce l’ha fatta: genitori acconsentono alla donazione degli organi

Ieri il nostro smagliante Leoncino è diventato il nostro angelo.

È stata una straordinaria avventura. Un’avventura…

Pubblicato da Uno SMAgliante LEOncino su Giovedì 11 marzo 2021

Leggi anche —> A 82 anni dona rene al figlio salvandolo: trapianto da record…

Adesso Leo è un angelo. Non solo il nostro, ma anche l’angelo di altri bambini“. Con queste parole i genitori del piccolo di un anno, malato di Sma, hanno comunicato attraverso un post Facebook che il loro bimbo non ce l’ha fatta. Attraverso tenere e dolci parole, la coppia ha voluto ricordare Leo come un grande combattente. Avrebbe lottato “come solo un vero Leone sa fare – hanno scritto- con una grandissima forza e una tenace vitalità che si sprigionavano dai suoi occhi azzurri e dal suo sorriso gioioso“.

Il padre e la madre del bimbo hanno, inoltre, reso noto di aver prestato il consenso alla donazione degli organi, affinchè Leo possa salvare altre vite. “Perché un bambino speciale lo è fino alla fine, e la nostra grande certezza sarà per sempre che Leo rappresenta la più grande forza che esiste al mondo: l’Amore” hanno chiosato.

La storia del bimbo nato ad Ischia lo scorso anno, ha avuto molta risonanza sui media a seguito di una strenua lotta portata avanti dalla sua famiglia. Nello specifico, la coppia di genitori di Leo si è battuta affinchè il figlio potesse accedere a cure gratuite per il trattamento della Sma. Ad oggi, infatti, l’unico farmaco sarebbe lo Zolgensma. Purtroppo, però, rientrerebbe anche nel novero dei medicinali più costosi del mondo. Il suo prezzo si aggira, infatti, intorno ai due milioni di euro.

In Italia, l’Aifa concede l’utilizzo gratuito dello Zolgensma solo ai piccoli di non oltre sei mesi o con un peso non superiore ai 13,5 chilogrammi. Questo, però, sino a ieri.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Inghilterra operatore sanitario arrestato omicidio
(mspark0 – Pixabay)

Stando a quanto riferisce TgCom24, infatti, l’Aifa avrebbe allargato l’utilizzo a costo zero del farmaco, disponendolo in favore dei piccoli con peso sino a 21 chilogrammi. Una decisione arrivata, purtroppo, 24 ore troppo tardi per il piccolo Leo.

GUARDA LE NOTIZIE DEL NOSTRO TG LIVE

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *