il-dramma-dei-soccorritori:-«non-tutti-possono-essere-salvati»
Spread the love

Fonte 20min / Monira Djurdjevic

Il dramma dei soccorritori: «Non tutti possono essere salvati»

Il racconto di Lena Wilczek, giornalista di 20 Minuten, dal cuore di questa immane tragedia

GAZIANTEP – Procede senza tregua il lavoro delle squadre di soccorso nei luoghi devastati dalle scosse di terremoto di lunedì in Siria e Turchia. Nelle prime ore di martedì un contingente svizzero, composto da decine di uomini e alcuni cani di ricerca, è atterrato ad Adana e si è messo in azione nelle ore successive ad Hatay. Insieme ai soccorritori c’è una giornalista di 20 Minuten, Lena Wilczek, che sta compiendo un reportage dal cuore di questa immane tragedia.

Lena, come vivi la situazione sul posto? 
«La situazione è molto confusa e caotica. Non c’è elettricità, le strade sono completamente congestionate e la benzina scarseggia. Ovunque guardi, tutto è in rovina. La gente è debole e affamata. Molti stanno in strada e accendono un fuoco per riscaldarsi».

Com’è andata la missione finora? 
«Puoi sentire voci e colpi dalle macerie, ancora e ancora. Le vittime chiedono aiuto. Molte persone sono già state localizzate. Una donna è stata salvata viva dalle macerie, un’altra donna è morta durante l’operazione. La squadra di soccorso sta davvero facendo del suo meglio e il suo operato è urgentemente necessario. Sfortunatamente, non tutti possono essere salvati».

Come stanno le persone? 
«I parenti chiedono disperatamente aiuto e le squadre di soccorso fanno fatica a tenere il passo. Non appena la squadra vuole iniziare a soccorrere qualcuno, più persone vengono e ci implorano di perlustrare la loro casa alla ricerca di vittime. Una giovane donna continuava a venire da noi e a chiedere aiuto. Quando i servizi di emergenza sono andati alle macerie, ha mostrato dove ha sentito la voce di suo fratello. Ha chiamato forte e chiaro ed è stato bravo ad attirare l’attenzione su di sé. Sfortunatamente, la casa rischiava talmente di crollare che i soccorritori non hanno potuto fare nulla».