«i-russi-stanno-avendo-la-meglio,-solo-il-5%-del-lugansk-in-mani-ucraine»
Spread the love

L’ammissione arriva dall’Ucraina: «Le nostre forze si stanno ritirando in alcune aree»

I funzionari russi nominati nei governi delle regioni occupate sono certi che quest’ultime rimarranno russe

La città di Severodonetsk potrebbe essere la nuova Mariupol. La resistenza ucraina fatica a opporsi all’esercito russo, che ieri sera ha intensificato gli attacchi alla periferia del centro urbano.

Intanto l’offensiva è ripresa anche a Kharkiv, dove quattro civili sono morti sotto i bombardamenti. Secondo la vice-ministra della difesa ucraina, Ganna Malyar ci sarebbero segnali di una prossima escalation di attacchi da parte russa. «Mosca avrebbe spostato i missili Iskander a Brest, in Bielorussia, per colpire l’ovest dell’Ucraina».

«Luhansk al 95% in mano russa»

l funzionari ucraini hanno ammesso che la Russia sta avendo la meglio nei combattimenti nell’est del Paese. Il governatore della regione di Luhansk, Serhiy Haidai, ha dichiarato che solo il 5% dell’area è ora in mano ucraina – rispetto al 10% di poco più di una settimana fa – e che le forze ucraine si stanno ritirando in alcune aree. «L’esercito russo ha messo in campo tutte le sue forze per conquistare la regione di Luhansk», ha dichiarato in un video su Telegram, come riporta il Guardian. «Combattimenti estremamente feroci si stanno svolgendo alla periferia di Sievierodonetsk. Stanno semplicemente distruggendo la città, la bombardano ogni giorno, senza sosta».

«Kherson e Zhaporizhia rimarranno russe»

Il vice-premier del governo russo di Crimea, Georgy Muradov, ha dichiarato che il Mar d’Azov è «perduto per sempre per l’Ucraina». L’agenzia di stampa russa Ria ha inoltre citato un funzionario nominato dalla Russia nella regione occupata di Zaporizhzhia, secondo il quale le regioni di Zaporizhzhia e Kherson «non torneranno mai ad essere sotto il controllo di Kiev».

AFP

Un colpo di mortaio accanto ad una strada vicino a Lysychansk, nella regione del Donbas.