flogosi:-cause,-segni,-sintomi-e-trattamento-dell’infiammazione-acuta-e-cronica.

Flogosi: cause, segni, sintomi e trattamento dell’infiammazione acuta e cronica.

Spread the love

L’infiammazione (conosciuta anche come flogosi) si verifica in tutti gli esseri umani, consapevolmente o inconsapevolmente. Il nostro sistema immunitario la crea per proteggere il corpo da infezioni, lesioni o malattie.

Ci sono diverse patologie o insulti fisici/chimici da cui si può guarire anche senza infiammazione. A volte quando si è affetti da malattie autoimmuni, come alcuni tipi di artrite e malattie infiammatorie intestinali, il nostro sistema immunitario attacca le cellule sane. Proseguiamo per gradi.

L’infiammazione (flogosi) è classificata in due tipi principali:

  1. L’infiammazione acuta di solito si verifica per una breve (ma spesso grave) durata. Spesso si risolve in due settimane o meno. I sintomi compaiono rapidamente. Questo tipo ripristina il nostro corpo al suo stato iniziale pre-lesioni o pre-malattia.
  2. L’infiammazione cronica è una forma di infiammazione più bassa e generalmente meno grave. In genere dura più di sei settimane. E’ possibile verificare anche in assenza di lesioni e non sempre finisce quando la malattia o l’infortunio sono guariti.

L’infiammazione cronica viene collegata a disturbi autoimmuni o a stress prolungato. Questa viene a sua volta distinta in base ad un criterio spaziale in:

  • diffusa (cronica interstiziale);
  • circoscritta (cronica granulomatosa).

I 5 segni-sintomi della flogosi.

Clinicamente parlando i segni-sintomi cardine dell’infiammazione sono in questo ordine preciso:

  1. calore (calor);
  2. dolore (dolor);
  3. arrossamento (rubor);
  4. rigonfiamento (tumor);
  5. perdita di funzionalità (functio laesa).

A proposito di sintomi specifici.

I sintomi specifici che hai dipendono da dove si trova l’infiammazione nel tuo corpo e da cosa la causa.

L’infiammazione a lungo termine può portare a una serie di sintomi e influenzare il tuo corpo in molti modi.

I sintomi comuni dell’infiammazione cronica possono includere:

  • dolore fisico;
  • stanchezza costante e insonnia;
  • depressione;
  • ansia e altri disturbi dell’umore;
  • problemi gastrointestinali, come costipazione, diarrea e reflusso acido;
  • aumento di peso
  • infezioni frequenti.

Problematiche infiammatorie comuni.

I sintomi possono anche variare a seconda della condizione che ha una componente infiammatoria.

Ad esempio, in alcune condizioni autoimmuni, il tuo sistema immunitario colpisce la tua pelle, provocando eruzioni cutanee. In altri tipi, attacca ghiandole specifiche, che influenzano i livelli ormonali nel corpo.

Nell’artrite reumatoide, il tuo sistema immunitario attacca le articolazioni.

Potresti trovarti di fronte a:

  • dolore alle articolazioni, gonfiore, rigidità o perdita della funzione articolare;
  • fatica;
  • intorpidimento e formicolio;
  • raggio di movimento limitato.

Nella malattia infiammatoria intestinale, l’infiammazione si verifica nel tratto digestivo.

Alcuni sintomi comuni includono:

  • diarrea;
  • mal di stomaco, crampi o gonfiore;
  • perdita di peso e anemia;
  • ulcere sanguinanti.

Flogosi e Sclerosi Multipla.

Nella sclerosi multipla, il tuo corpo attacca la guaina mielinica. Questa è la copertura protettiva delle cellule nervose.

Potresti trovarti di fronte a:

  • intorpidimento e formicolio delle braccia, delle gambe o di un lato del viso;
  • problemi di equilibrio;
  • visione doppia, visione offuscata o perdita parziale della vista;
  • fatica;
  • problemi cognitivi, come la nebbia del cervello.

Cause di infiammazione.

Molti fattori possono portare all’infiammazione, come ad esempio:

  • condizioni croniche e acute;
  • alcuni farmaci;
  • l’esposizione a sostanze irritanti o materiali estranei che il tuo corpo non può eliminare facilmente.

Episodi ricorrenti di infiammazione acuta possono anche portare a una risposta infiammatoria cronica.

Flogosi ed Alimentazione.

Esistono anche alcuni tipi di alimenti che possono causare o peggiorare l’infiammazione nelle persone con disturbi autoimmuni.

Alimenti da usare con estrema attenzione:

  • zucchero;
  • carboidrati raffinati;
  • alcol;
  • carni lavorate;
  • grassi trans.

Diagnosi.

Non esiste un singolo test in grado di diagnosticare l’infiammazione o le condizioni che la causano. Invece, in base ai tuoi sintomi, il tuo medico potrebbe darti uno dei test seguenti per fare una diagnosi.

Analisi del sangue.

Ci sono alcuni cosiddetti marker che aiutano a diagnosticare l’infiammazione nel corpo. Tuttavia, questi marcatori non sono specifici, il che significa che livelli anormali possono mostrare che qualcosa non va, ma non ciò che è sbagliato.

Elettroforesi delle proteine ​​sieriche (SPE).

SPE è considerato il modo migliore per confermare l’infiammazione cronica. Misura alcune proteine ​​nella parte liquida del sangue per identificare eventuali problemi. Troppe o troppo poche di queste proteine ​​possono indicare infiammazioni e marker per altre condizioni.

Proteina C reattiva (PCR).

La CRP è prodotta naturalmente nel fegato in risposta all’infiammazione. Un alto livello di CRP nel sangue può verificarsi a causa di diverse condizioni infiammatorie.

Sebbene questo test sia molto sensibile all’infiammazione, non aiuta a distinguere tra infiammazione acuta e cronica, poiché la CRP sarà elevata durante entrambe. Livelli elevati combinati con determinati sintomi possono aiutare il medico a fare una diagnosi.

Tasso di eritrosedimentazione (ESR).

Il test ESR è talvolta chiamato test della velocità di sedimentazione. Questo test misura indirettamente l’infiammazione misurando la velocità con cui i globuli rossi affondano in una provetta di sangue. Più velocemente affondano, più è probabile che tu soffra di infiammazione.

Il test ESR viene eseguito raramente da solo, poiché non aiuta a individuare cause specifiche di infiammazione. Invece, può aiutare il medico a identificare che si sta verificando un’infiammazione. Può anche aiutarli a monitorare le tue condizioni.

Viscosità al plasma,

Questo test misura lo spessore del sangue. L’infiammazione o l’infezione possono ispessire il plasma.

Altri esami del sangue.

Se il medico ritiene che l’infiammazione sia dovuta a virus o batteri, può eseguire altri test specifici. In questo caso, il medico può discutere con te cosa aspettarsi.

Altri test diagnostici.

Se si hanno determinati sintomi, ad esempio diarrea cronica o intorpidimento su un lato del viso, il medico può richiedere un test di imaging per controllare alcune parti del corpo o del cervello. La risonanza magnetica e i raggi X sono comunemente usati.

Per diagnosticare condizioni infiammatorie gastrointestinali, il medico può eseguire una procedura per vedere all’interno di parti del tubo digerente.

I test di elezione:

  • colonscopia;
  • sigmoidoscopia;
  • endoscopia superiore.

Rimedi casalinghi contro la flogosi.

A volte, combattere l’infiammazione può essere semplice come cambiare la tua dieta. Evitando lo zucchero, i grassi trans e gli alimenti trasformati, puoi metterti sulla buona strada per sentirti meglio.

Esistono anche alimenti che possono effettivamente combattere l’infiammazione.

Tra questi ricordiamo:

  • bacche;
  • ciliegie;
  • pesce grasso, come il salmone o lo sgombro;
  • broccoli;
  • avocado;
  • tè verde;
  • funghi, come portobello e shiitake;
  • spezie, come curcuma, zenzero e chiodi di garofano
    pomodori.

Puoi ulteriormente aiutare a ridurre l’infiammazione procedendo come segue:

  • assumi degli integratori. Il tuo medico può aiutarti a decidere qual è il migliore e il più sicuro per te;
  • utilizza asciugamani caldi o freddi sulle aree infiammate per ridurre disagio o edema;
  • pratica esercizi fisici appropriati;
  • gestisci e riduci i tuoi livelli di stress;
  • smetti di fumare;
  • tratta e gestisci eventuali condizioni preesistenti.

Altre possibilità di trattamento per l’infiammazione.

Se la tua infiammazione è dovuta a una condizione autoimmune sottostante, le opzioni di trattamento varieranno.

Per i sintomi generali di infiammazione, il medico può raccomandare diverse opzioni:

FANS e aspirina.

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono solitamente la prima linea di difesa nel trattamento del dolore e dell’infiammazione a breve termine. La maggior parte può essere acquistata allo sportello.

I FANS comuni includono:

  • aspirina;
  • ibuprofene;
  • naprossene.

Esistono anche varietà da prescrizione, come il diclofenac, che il medico può prescrivere per il trattamento dell’infiammazione acuta o di determinate condizioni.

I FANS possono essere molto efficaci per l’infiammazione, ma ci sono alcune interazioni ed effetti collaterali che si verificano, specialmente con l’uso a lungo termine.

Assicurati di informare il tuo medico di altri farmaci che stai assumendo e se hai effetti collaterali durante l’assunzione di un FANS.

Corticosteroidi.

I corticosteroidi sono un tipo di steroide comunemente usato per trattare il gonfiore e l’infiammazione, nonché le reazioni allergiche.

I corticosteroidi vengono tipicamente come spray nasale o compresse orali.

Segui il tuo medico durante l’assunzione di corticosteroidi. L’uso a lungo termine può causare effetti collaterali e possono verificarsi determinate interazioni.

Analgesici topici e altre creme.

Gli analgesici topici sono tipicamente usati per il dolore acuto o cronico. Possono avere meno effetti collaterali rispetto a una controparte orale.

Creme e prodotti per uso topico possono contenere diversi farmaci. Alcuni sono solo su prescrizione, quindi è meglio chiedere consiglio al proprio medico. Questo è particolarmente vero se stai trattando un’infiammazione a lungo termine, come con l’artrite.

Alcuni topici contengono un FANS come diclofenac o ibuprofene. Questo può essere utile per le persone con infiammazione e dolore in una parte specifica del corpo.

Altre creme topiche possono contenere ingredienti naturali che hanno alcune prove di proprietà antinfiammatorie.

Assicurati di non utilizzare una crema topica che funzioni solo per il dolore, come la capsaicina.

Avvertenze.

L’infiammazione è una parte normale e naturale della risposta immunitaria del tuo corpo. Tuttavia, un’infiammazione cronica o a lungo termine può portare a effetti dannosi. Sembra essere associato più spesso a disturbi autoimmuni.

L’infiammazione acuta è una parte normale del processo di guarigione e può verificarsi quando si avverte mal di gola o anche un piccolo taglio sulla pelle. L’infiammazione acuta dovrebbe scomparire entro pochi giorni, a meno che non venga lasciata non trattata.

Se riscontri segni di infiammazione a lungo termine, fissa un appuntamento con il tuo medico. Possono eseguire alcuni test e rivedere i sintomi per vedere se è necessario un trattamento per eventuali condizioni sottostanti.

Leggi anche:

Epicondilite. Infiammazione dolorosa e invalidante che colpisce i condili ossei.

Sciatica: sintomi, cause, esercizi e cura dell’infiammazione del nervo sciatico.

Otite: cos’è, cause, segni e sintomi, trattamento e cura dell’infiammazione dell’orecchio.

Ricerca: infiammazione miocardio per il 78 % dei pazienti post Coronavirus.

L’articolo Flogosi: cause, segni, sintomi e trattamento dell’infiammazione acuta e cronica. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts