eta-dell’oro,-oppure-inizio-della-fine?-gli-anni-ottanta-in-italia-–-marco-gervasoni
Spread the love

8/03/2021 – Mentre l’opinione pubblica si trova spesso concorde nel definire altre decadi della storia del nostro paese, nel caso degli anni ottanta, non è così. Questo decennio spacca l’opinione pubblica italiana e gli studiosi.

C’è chi li ritiene gli anni d’oro dell’Italia, quelli in cui il nostro paese è arrivato ad essere quinta potenza mondiale, il boom dei consumi, il benessere diffuso. Altri li ritengono l’inizio della fine, con l’enorme debito pubblico, la decadenza del gusto, la volgarità e l’individualismo. Con lo storico Marco Gervasoni facciamo una ricognizione di quegli anni, per capire se davvero gli anni ottanta sono stati una decade irripetibile, oppure un periodo da dimenticare.

“Negli ultimi anni – spiega Gervasoni – il giudizio negativo sugli anni ottanta si è ridimensionato, tuttavia c’è ancora chi li considera l’origine di tutti i mali possibili ed immaginabili”.

Analizzeremo quindi la politica, il costume e l’economia di un decennio controverso.

AIUTACI A COMPENSARE GLI ABBONAMENTI RUBATI DA YOUTUBE

€45.350 of €100.000 raised

Youtube ha rubato alla TV dei cittadini migliaia di abbonamenti e ci ha tolto la possibilità di fare pubblicità. Vogliono soffocarci perché siamo “dannosi”. Omettono di dire che in realtà siamo “dannosi” solo per loro e per la loro brutale bramosia di controllo. Siamo invece aria fresca e pura per i cittadini.

Stiamo lavorando da mesi alla conversione delle entrate di Byoblu e di DavveroTV a formule che il potere non può controllare, ma abbiamo bisogno di comprare ancora un po’ di tempo. Siamo sul ring e non abbiamo finito di combattere.

Solo tu puoi suonare quel gong e permetterci di fare un altro round, perché il potere, che nulla ammette se non se stesso, non deve averla vinta: la tv dei cittadini deve continuare ad esistere. Devono capire che tutti i loro soldi non sono niente di fronte alla determinazione dei cittadini che si organizzano per fare da soli.

Siamo centinaia di migliaia. Forse milioni… Diamo una risposta secca. In cambio avrete qualcosa che neanche loro possono comprare: la libertà! Vi daremo programmi ancora migliori e ancora più coraggiosi. Noi non abbiamo paura di essere “controversi”.

Comprateci solo un altro po’ di tempo!

Claudio Messora

Complimenti per il prezioso lavoro che svolgete

Nel mio piccolo contribuisco volentieri a sostenere Byoblu, uno dei pochi spazi di libera informazione in Italia.

Non mollate.

Grazie

Auguriamoci di contribuire in questo modo alla sconfitta del regime sanitocratico…

Sempre avanti ragazzi! Complimenti per il Vs. prezioso canale!

Forza! Cerchiamo di fare aprire gli occhi a più persone possibili!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *