ester,-infermiera:-“in-sicilia-siamo-all’inferno,-la-pandemia-da-coronavirus-e-spaventosa,-ma-nessuno-ci-aiuta”.
Spread the love

Oggi ospitiamo la lettera di denuncia di Ester, Infermiera trentenne della provincia di Trapani: “qui da noi i contagiati da Coronavirus hanno raggiunto cifre da capogiro, superiori a quelli di marzo-aprile; eppure nessuno interviene, nei reparti siamo lasciati soli; non ce la facciamo più”.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

mi chiamo Ester (nome di fantasia) e sono una Infermiera poco più che trentenne che lavora in un noto ospedale del Trapanese, nella Sicilia prossima a diventare Zona Rossa. Qui l’Emergenza Coronavirus è ai massimi livelli, eppure si fa finta di nulla e spesso noi Infermieri siamo abbandonati a noi stessi.

Siamo in balia di Medici, spesso alle prime armi, che non sanno che pesci pigliare e a continui ricoveri per Covid-19 che oramai stanno asfissiando l’intero sistema sanitario provinciale e regionale.

Da un paio di settimane non si capisce più nulla e ormai siamo in balia delle onde. Tutto è in alto mare, tutto sembra improvvisato, non vi è una vera regia dietro a questa Pandemia che in provincia di Trapani e in Sicilia sta mietendo infetti e decessi.

Le Terapie Intensive sono piene, i Pronto Soccorso sono intasati, non sappiamo più dove mettere i Pazienti. Oramai le malattie cosiddetto “normali” non vengono più trattate e chi entra in ospedale per una urgenza differente dal Covid-19 viene messo in secondo piano e, devo dirlo, trattato in maniera superficiale. Sembra quasi come se le altre malattie fossero improvvisamente tutte sparite, purtroppo non è così.

L’altro problema che ci affligge è il numero elevato di colleghi Infermieri, OSS, Ostetriche, Professioni Sanitarie e Medici che si sono infettati durante il lavoro. Alcuni di loro sono in rianimazione, altri a casa, altri ancora gestiti in pneumologia o in medicina d’urgenza.

Siamo sempre meno ad operare sugli Assistiti e siamo allo stremo. Non abbiamo riposi, ferie o permessi di qualsiasi tipo. Tutto è fermo, siamo precettati e costretti a lavorare anche quando non ce la facciamo più fisicamente e psicologicamente.

Molti di noi sono in burnout o oppressi da una situazione di stress che non si arresta.

Io mi chiedo: ma come è venuto in mente al Governo Nazionale e Regionale di liberare tutti a Natale? Ora ne paghiamo le conseguenze.

Pubblicate questa lettera, sperando nell’anonimato, e date voce a chi come me ormai è alla frutta e che sta pensando seriamente di cambiare lavoro al termine della Pandemia.

Grazie Direttore.

Ester, Infermiera

L’articolo Ester, Infermiera: “in Sicilia siamo all’Inferno, la Pandemia da Coronavirus è spaventosa, ma nessuno ci aiuta”. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.