donera-i-suoi-guadagni-degli-show-autunno-2022-per-aiutare-i-profughi-ucraini-lo-ha-scritto-sul-suo-account-social.
Spread the love

Anche la moda dice no alla guerra. Dopo la sfilata muta di Giorgio Armani durante la fashion week di Milano in segno di rispetto per il popolo ucraino, ora scende in campo una star delle passerelle. Gigi Hadid donerà i suoi guadagni delle ultime settimane della moda per sostenere i bisognosi della guerra in Ucraina.

Milano Fashion Week. Gigi Hadid scalda i motori prima dello show di Tommy Hilfiger

Milano Fashion Week. Gigi Hadid scalda i motori prima dello show di Tommy Hilfiger

Gigi Hadid a sostegno dell’Ucraina

«Avere un programma prestabilito per il mese della moda significa che io e i miei colleghi presentiamo spesso nuove collezioni di moda durante periodi strazianti e traumatici della storia»: inizia così il post Instagram della modella con il quale annuncia la sua iniziativa. «Non abbiamo il controllo sulla maggior parte dei nostri orari di lavoro, ma vorremmo sfilare “per” qualcosa”. Seguendo le orme della mia amica Mica Arganaraz, mi impegno a donare i miei guadagni degli spettacoli dell’autunno 2022 per aiutare coloro che soffrono a causa della guerra in Ucraina, oltre a continuare a sostenere coloro che vivono la stessa situazione in Palestina». Ecco l’annuncio di Gigi Hadid.

Come la modella Mica Arganaraz

La modella ha sfilato nelle ultime settimane per Versace, Moschino, Vivienne Westwood e tanti altri brand. E ha deciso di donare i suoi guadagni alle vittime della guerra. Proprio come la collega, la modella brasiliana Mica Arganaraz, che aveva già annunciato la stessa iniziativa.

A pagare sono le vittime innocenti

Dalla parte dell’Ucraina ma senza dimenticare la Palestina. Gigi Hadid lo scrive in maniera chiara. «I nostri occhi e il nostro cuore devono essere aperti a tutte le ingiustizie umane. Possano tutti vedersi fratelli e sorelle, al di là della politica, al di là della razza, al di là della religione. Alla fine della giornata, a pagare sono vite innocenti non i leader. Giù le mani dall’Ucraina. Via le mani dalla Palestina. Pace. Pace. Pace». Non è un caso che la star delle passerelle abbia citato la Palestina. Suo padre, infatti è palestinese. E lei è stata vicina al popolo palestinese.

Ricevi news e aggiornamenti sulle ultime tendenze beauty direttamente nella tua posta

La moda contro la guerra

MFW 2022/2023

La modella alla sfilata Max Mara. (Photo by Andreas Rentz/Getty Images)

Quella di Gigi Hadid è l’ennesima dimostrazione di come la moda si stia mobilitando contro la guerra . Dalla sfilata muta di Armani alle tante donazioni per sostenere le vittime del conflitto russo-ucraino: da Gucci a Versace, da Valentino a Prada. Tutti uniti per dare aiuto e chiedere la pace.

iO Donna ©RIPRODUZIONE RISERVATA