design-tessile,-a-san-francisco-una-casa-come-un-mosaico
Spread the love

Il designer di San Francisco Martin Young è noto per le sue residenze raffinate nella Bay Area che riflettono l’ambiente circostante e fondono abilmente arredi della metà del secolo e contemporanei con oggetti d’antiquariato. Sebbene Young sia un interior designer, affronta ogni progetto attraverso un punto di vista architettonico. «La distribuzione degli spazi, il layout, le proporzioni sono importanti quanto il colore, le finiture e il tessuto», afferma. Non a caso Young ha conseguito due lauree in architettura grazie alle quali ha lavorato nei più importanti studi di architettura come MVRDV e Herman Hertzberger. 

Nel soggiorno un daybed antico francese in noce; una lampada Delhine di Lumina e il tavolo basso Cyclone di Isamu Noguchi per Knoll. Il tappeto Terrazzo è disegnato da Martin Young Design per Mitchell Denburg. Alla parete una specchio antico di 1stdibs del XIX secolo in colonne corinzie.

«L’interno riguarda le forme e la geometria», spiega Young, un concetto chiaramente evidenziato in questa casa di San Francisco che si affaccia sulla baia e sul Golden Gate Bridge. Per questi progetto Young si è confrontato con dei clienti dall’animo creativo, «il cui desiderio era trovare delle soluzioni senza tempo, confortevoli oltre alla perfezione, coniugando elementi classici di epoche disparate. Abbiamo scelto pochi arredi, enfatizzando la qualità rispetto alla quantità», racconta il designer.

Nel soggiorno, infatti, una chaise del XVII secolo convive con un divano contemporaneo di BassamFellows e sedie danesi della metà del secolo della Galeria Bachmann. Ispirato dalla vista sulla baia cristallina, Young ha voluto evocare una sensazione indoor/outdoor tipico delle ville estive. Così, ha disegnato un grande tappeto che si rifà alla tecnica del terrazzo, intrecciato a mano da artigiani in Guatemala e prodotto da Mitchell Denburg Collections. «Il pezzo è stato colorato utilizzando 40 tonalità diverse; tessuto a mano con molteplici tecniche utilizzando lana, lino, cotone, iuta e rafia», racconta il designer che ha scelto come fil rouge di tutto il progetto di enfatizzare i tappeti e i rivestimenti tessili. «Per il tappeto ad acquerello, ci siamo ispirati al Bauhaus, il design tessile è stato esplorato attraverso la pittura e le diverse e più tecniche di tessitura. Abbiamo lavorato con una tavolozza di colori derivante da fibre vegetali di lana che sono state tessute a mano a Oaxaca in Messico. 50 kg di lana sono stati filati a mano da donne Chamula su fusi a goccia preispanici», continua Martin Young.

Al centro un tavolo antico in quercia; il tappeto antico Oushak turco dell’Antolia occidentale, di fine del XIX secolo.

A incorniciare ogni ambiente elementi chiave, scultorei e architettonici, «abbiamo acquistato arredi originali con delle imperfezioni, per sottolineare l’importanza del tempo. L’occhio attento dei nostri clienti per la qualità artigianale ci ha ispirato nella scelta de rivestimenti che diventano un’esperienza tattile di raffinatezza», continua Young. Tra questi un grande specchio antico nel soggiorno, incorniciato da colonne corinzie, proveniente da un maniero scozzese.

A completare il progetto la tavolozza di colori: arancio, giallo, lampone, crema dominano l’ingresso; il soggiorno si compone di un mix di blu, verdi, gialli e rosa; mentre nella sala da pranzo troviamo calde tonalità di grigio che si mescolano con ocra, indaco, verdi e rossi. «La scelta dei colori è stata fatta sulla base di combinazioni di colori che regalassero un’atmosfera felice, rispecchiando la personalità dei clienti», racconta il designer.  

Il Golden Gate Bridge e la vista sulla baia hanno rispecchiato la connessione della coppia con l’acqua e il loro amore per la vela e il surf. La casa, dice Martin Young «è come un laboratorio. Non volevo che sembrasse elegante e nuova, ma volevo che sembrasse contemporanea». Per il designer questo, come tutti i suoi progetti, «riguarda la collaborazione e la creazione di una narrazione particolare e unica». Come confermano i suoi spazi, Young è un narratore eloquente capace di raccontare delle storie attraverso il design.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *