csm,-salvi:-«il-sorteggio-e-contro-la-costituzione,-la-soluzione-non-e-facile»

Csm, Salvi: «Il sorteggio è contro la Costituzione, la soluzione non è facile»

Spread the love

Il pg di Cassazione stronca la proposta durante una lectio magistralis in un Liceo di Roma

«Non è facile trovare una soluzione, c’è chi vuole tornare indietro con i dirigenti nominati per anzianità, c’è chi dice sorteggiamo ma è contro la costituzione. Questi sono i nodi che dovremmo affrontare e non so come si risolveranno». Lo ha detto il Procuratore generale presso la Corte di Cassazione, Giovanni Salvi, al termine della sua Lectio Magistralis, che si è svolta in un liceo della Capitale a Tor Bella Monaca, rispondendo così alla domanda di uno studente sulla crisi della magistratura nata dalla vicenda delle correnti per la nomina di alcuni capi procura.

«Mi potrei limitare a dire “voglio cercare di capire cosa è successo e perché siamo arrivati a questo punto”, che per me è veramente triste – ha aggiunto -. Il carrierismo esiste nella magistratura e non è un male. Dobbiamo fare delle scelte, vogliamo dei dirigenti degli uffici giudiziari che siano bravi e siano professionisti e allora scegliamo Falcone o fare come avvenne a Palermo quando scelse Antonino Meli solo sulla base dell’anzianità? Nel contrasto Meli e Falcone si è seguita quest’ultima strada».

«Il secondo grande errore che è stato commesso in questi anni – ha aggiunto – è stato quello di contrastare il peso delle correnti attraverso i pesi elettorali. Si è spostato tutto da una collegialità a magistrati che concorrono singolarmente e devono avere l’appoggio delle segreterie delle correnti. Questo è un meccanismo infernale con carrierismo e il tentativo di selezionare in un ambiente, come quello dei magistrati, dove dovremmo essere tutti uguali. Tutto questo porta alle conseguenze di oggi».

Sfoglia il giornale di oggi

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *