covid-oggi-italia,-bollettino-protezione-civile-e-contagi-regioni-23-ottobre
Spread the love

Bollettino con i dati del Covid in Italia oggi, sabato 23 ottobre 2021, con numeri e news della Protezione Civile e del ministero della Salute – regione per regione – su contagi da coronavirus, ricoveri e morti. I numeri da Lombardia, Piemonte e Veneto, Toscana e Lazio, Campania, Puglia e Sicilia. Il bollettino delle grandi città come Roma, Milano e Napoli. Il punto sulla campagna vaccini in Italia.

Ecco i dati aggiornati, regione per regione:

Sono 203 i nuovi contagi da coronavirus in Puglia oggi, sabato 23 ottobre 2021, secondo i dati dell’ultimo bollettino Covid della Regione. Non si registrano morti. I nuovi casi sono stati individuati su 19.415 test. Spiccano i 70 contagi in provincia di Bari, 43 in provincia di Taranto e 41 in quella di Foggia. Le persone attualmente positive sono 2.219. I pazienti covid ricoverati in area non critica sono 129, in terapia intensiva invece 16 persone.

Sono 285 i contagi da coronavirus in Toscana oggi, 23 ottobre 2021, secondo i dati covid del bollettino della regione. Si registrano 5 morti. I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 274.903 (95,7% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 7.942 tamponi molecolari e 23.145 tamponi antigenici rapidi, di questi lo 0,9% è risultato positivo.

Sono invece 8.615 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 3,3% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 5.078, +0,3% rispetto a ieri. I ricoverati sono 241 (6 in più rispetto a ieri), di cui 21 in terapia intensiva (1 in meno).

Oggi si registrano 5 nuovi decessi: 2 uomini e 3 donne con un’età media di 84,6 anni. L’età media dei 285 nuovi positivi odierni è di 47 anni circa (16% ha meno di 20 anni, 17% tra 20 e 39 anni, 35% tra 40 e 59 anni, 23% tra 60 e 79 anni, 9% ha 80 anni o più). Complessivamente, 4.837 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (9 in più rispetto a ieri, più 0,2%).

Sono 150 i contagi da coronavirus in Friuli Venezia Giulia oggi, 23 ottobre 2021, secondo i dati covid del bollettino della regione. Registrati 4 morti. Nel dettaglio, su 4.838 tamponi molecolari sono stati rilevati 133 nuovi contagi con una percentuale di positività del 2,75%. Sono inoltre 17.464 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 17 casi (0,10%). Sono 8 le persone ricoverate in terapia intensiva mentre rimangono 50 i pazienti ospedalizzati in altri reparti, come comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.

I decessi complessivamente ammontano a 3.845: 841 a Trieste, 2.026 a Udine, 681 a Pordenone e 297 a Gorizia. I totalmente guariti sono 110.503, i clinicamente guariti 28 e 1.115 le persone in isolamento. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 115.549 persone (il totale dei casi positivi è stato ridotto di una unità a seguito della revisione di un test positivo): 24.050 a Trieste, 52.921 a Udine, 23.132 a Pordenone, 13.833 a Gorizia e 1.613 da fuori regione.

In Basilicata sono 10 i nuovi casi di contagio da Sars Cov-2 (tutti residenti), su un totale di 487 tamponi molecolari, e non si registrano decessi per Covid-19. Sono i dati del bollettino regionale della task force riferito alle ultime 24 ore. I lucani guariti o negativizzati sono 44. I ricoverati negli ospedali di Potenza e di Matera sono 23 di cui nessuno in terapia intensiva mentre gli attuali positivi residenti in Basilicata sono in tutto 860 (-34).

Per la vaccinazione, sono state effettuate 956 somministrazioni ieri. Finora 430.981 lucani hanno ricevuto la prima dose del vaccino (77,9 per cento del totale della popolazione residente), 390.147 hanno completato il ciclo vaccinale (70,5 per cento) e 3.739 sono le terze dosi, per un totale di 824.867 somministrazioni effettuate.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *