coronavirus,-negli-usa-un’ondata-in-33-stati
Spread the love

STATI UNITI

15.04.2021 – 21:40

Si tratta d’intensi focolai regionali. In alcune realtà, come il Michigan, la situazione è grave

WASHINGTON – È una nuova “ondata di primavera” d’infezioni di Covid-19 quella che sta colpendo a macchia di leopardo gli Stati Uniti: si tratta d’intensi focolai a livello di Stati e regioni.

E i dati non rassicurano: ben 38 Stati hanno registrato un aumento dei ricoveri per Covid nell’ultima settimana secondo gli ultimi dati del ministero della sanità Usa.

In alcune realtà, inoltre, come in Michigan, la situazione è gravissima: 10’000 nuovi contagi in sole 24 ore.

Altri 32 Stati hanno registrato un’impennata d’infezioni nelle ultime due settimane: tra questi si trovano varie aree del nord o nella regione mid-atlantica.

Al contrario – con l’eccezione di Florida e Georgia – la diffusione del virus al sud sta scemando: i nuovi casi sono diminuiti drasticamente grazie all’aumento delle temperature. L’effetto “estivo”, per cui la trasmissione del virus rallenta, si starebbe così confermando.