“confronto-tra-conte-e-di-maio-per-la-leadership-del-m5s”:-la-scommessa-di-casalino

“Confronto tra Conte e Di Maio per la leadership del M5s”: la scommessa di Casalino

Spread the love

Redazione
15 febbraio 2021 20:42

“Sulla leadership dei 5 Stelle può esserci una discussione tra Conte o Di Maio ma non so cosa voglia fare Conte. Io vorrei ci fosse un intreccio, che abbia un ruolo nel Movimento, ma è presto per dire quale. Ma non so cosa farà lui”. Lo ha detto il portavoce dell’ex presidente del Consiglio Conte, Rocco Casalino, ospite a Otto e mezzo su La7, negando che in questi anni ci siano stati dissidi tra i due:

“Di Maio ha dimostrato enorme lealtà, il dualismo con Conte era alimentato, ancora non ho compreso a vantaggio di chi, sicuramente non del M5S o di Conte. Dualismo che non esiste, sono sempre stati di supporto l’uno per l’altro e andavano anche molto d’accordo”.

A giudizio di Casalino “Conte ha alcune peculiarità che lo rendono diverso da tutti i gli altri leader. Non credo che gli italiani lo dimenticheranno presto, ma penso che debba decidere presto cosa fare. Ma lui invece ha le sue strategie e credo che adesso torni a Firenze a insegnare”. La convinzione di Casalino è pero che “l’Italia abbia bisogno di una personalità come quella di Conte e mi auguro che quello che è stato fatto non sia smontato”.

Quanto ai dissidi interni al M5s, “è un momento molto difficile per i 5 Stelle. Ognuno di noi ha ricevuto tantissimo, adesso è il momento in cui tutti dobbiamo dare una mano. Mi appello alle coscienze di ognuno e dico di non andare via. Anche a Di Battista, che è un amico, chiedo di riflettere. Non è il momento di abbandonare ma quello di rimanere perché il movimento ha una prospettiva molto più lunga del governo Draghi”.

“Il presidente Draghi è una persona di alto profilo che deve affrontare una situazione non facile, e per il bene dell’Italia gli voglio fare gli auguri. Il governo è sostenuto da una maggioranza molto variegata, spero non troppo litigiosa, visto quello che negli ultimi giorni sta venendo un po’ fuori. Io gli consiglierei di parlare di più, perché il suo silenzio può essere un problema, facendo venire fuori un’immagine litigiosa del governo: ogni forza politica infatti cerca di smarcarsi dagli altri. Se Draghi comunicasse di più, toglierebbe spazio agli altri leader politici”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Confronto tra Conte e Di Maio per la leadership del M5s”: la scommessa di Casalino

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *