come-illuminare-la-cucina-coniugando-stile-e-funzionalita
Spread the love

Esiste l’illuminazione perfetta per la cucina? Probabilmente sì, se si scelgono le lampade adatte alle proprie esigenze. Dalle più classiche a sospensione passando per quelle da parete o da tavolo, ecco una selezione di lampade per illuminare al meglio l’ambiente più vissuto della casa.

Iconica 

Saliscendi, Stilnovo

Gianni Antoniali

La lampada Saliscendi di Stilnovo è un grande classico dallo spirito contemporaneo. Sessantacinque anni dopo la progettazione dei due prototipi, purtroppo andati distrutti, Stilnovo sceglie di dare nuova vita a questa lampada, ridimensionata e reinterpretata per gli ambienti di oggi. L’azienda ha adattato il progetto della lampada alle nuove tecnologie LED, tenendo conto dell’evoluzione tecnologica e dei grandi cambiamenti di cui gli ambienti sono stati protagonisti nell’ultimo mezzo secolo.

Sinuosa

Smithfield Flos. Foto: Federico Torra

Smithfield Flos by Jasper Morrison è una lampada da sospensione raffinatissima, che esprime un senso di purezza sottolineato dalla linea classica della sagoma tondeggiante che si inserisce perfettamente negli ambienti sia moderni che tradizionali. Disponibile in più colori, rende la cucina veramente speciale.

Scenografica

Catellani&Smith, Piso Huertos a Maiorca

La scenica lampada a sospensione PostKrisi 49 di Catellani & Smith è adatta a sovrastare un tavolo rotondo, diventando protagonista indiscussa dello spazio. La semisfera in fiberglass, dipinta di bianco, rende questa lampada adatta a ogni tipo di arredamento, mentre il rivestimento in foglia color oro all’interno del diffusore, riscalda con la sua preziosità.

Dal fascino vintage

Stilnovo

Matteo

Oggi Stilnovo presenta un’ampia gamma di prodotti unici, capaci di coniugare storia, tecnologia, funzionalità ed estetica, e conferire eleganza a tutti i tipi di ambiente. Come Campana, che dal 1969 richiama lo stile pop ancora oggi attuale. La nuova sorgente a LED integrata nell’ampio paralume svasato illumina l’ambiente sottostante e, al contempo, crea una caratteristica corolla luminosa che scivola sulla superficie esterna della lampada.

Per creare l’atmosfera

Bontà di Artemide

Bontà è la nuova lampada portatile di Artemide che riflette sull’interazione su luce, cibo e convivialità. È possibile spostarla, in modo da farla interagire con gli elementi della tavola o della cucina. Un corpo in vetro bianco opalino texturizzato diffonde la luce per creare una morbida atmosfera, nel suo incavo superiore si inserisce una ciotola in vetro per accogliere cibi da condividere. Una ciotola più alta ed una più ampia, quasi un piatto, possono combinarsi o alternarsi alla sua sommità.

Grintosa e sostenibile

Annebet Philips per Seletti

CUT ’N PASTE di Seletti è stata immaginata dalla designer olandese Annebet Philips come un’ampia famiglia di oggetti – tra cui lampade -interamente realizzati in cartone riciclato e nastro adesivo. La collezione è in linea con il lavoro della designer nota per le sue forme audaci, gli elementi inaspettati e il deciso tono grafico. Concepiti come limited edition, i prodotti CUT ’N PASTE diventano grazie a Seletti un’edizione illimitata e accessibile a tutti gli appassionati di design, confermando la filosofia e l’approccio democratico della marca.

Un grande classico

Sonora, Oluce

La storia di Sonora di Oluce è la storia di una forma geometrica pura, perseguita da Magistretti per tutta la vita. Il percorso creativo seguito dall’architetto e designer nei suoi progetti è infatti un percorso assolutamente peculiare: costante compagna di strada è per lui la geometria, principio ispiratore, sempre e comunque, la semplificazione. Classe 1976, declinata in numerosi materiali e dimensioni, Sonora è una delle lampade più amate non solo dal pubblico ma anche da Magistretti stesso.

Sofisticata

Massimo Iosa Ghini per de Majo

Cannettata, sospensione disegnata da Massimo Iosa Ghini per de Majo è una lamapada caratterizzata dal design inconfondibile e esclusivo, che si caratterizza per la particolarità della superficie in cristallo: il telaio interno detiene il vetro toroidale, un unico pezzo prodotto tramite soffiatura con stampo a fermo per ottenere il caratteristico motivo a canne verticali, che illuminato restituisce una sofisticata rifrazione di riflessi e riverberi.

Gusto essenziale

Axolight

La lampada a sospensione Manto di Axolight, design Davide Besozzi, esprime la sua vera personalità nel movimento reciproco di semplici geometrie. Con sapere artigianale e natura dinamica sa mutare nella forma e variare l’effetto luminoso portato nello spazio, tra stupore e tecnologia.

Evocativa

Saturnia, Lzf

Il ciondolo Saturnia di Lzf ricorda il sistema di anelli planetari di Saturno. Disegnata da Oskar Cerezo, questa lampada è simile al modo in cui osserviamo le stelle nel cielo notturno e bilancia l’illuminazione indiretta e diretta con aplomb. La sua impiallacciatura circolare in legno diffonde una luce calda verso l’esterno, mentre il suo diffusore in plexiglas fornisce la luce diretta perfetta necessaria per i lavori orientati al lavoro e per gli ambienti sociali o di lavoro. 

Ispirazione natura

Tulip, HI-MACS

Il designer francese Pierre Cabrera amplia la famiglia di lampade Tulip di Hi-Macs, con un nuovo e straordinario modello a sospensione. Ispirata alla grazia e alla bellezza del fiore dal quale prende il nome, la lampada Tulip è disponibile in due differenti dimensioni, e nelle versioni con o senza rivestimento in pelle. Con questo nuovo modello, il designer ha trovato la perfetta armonia tra materiale e luce, creando, così, un’atmosfera intima e accogliente.

Delicata & soft

Fritz Hansen

Maluma  è la nuova lampada a sospensione di Fritz Hansen, disegnata dalla designer giapponese Fumie Shibata. In giapponese Maluma indica il concetto di soffice e rotondo, è realizzata in vetro satinato colorato soffiato a mano nei tre colori rosa delicato, prugna intenso e verde muschio.

Quasi un tessuto

Martinelli Luce

benvenuto saba

Sottili segni di luce concentrici. La rifrazione della luce di una invisibile corona di led sui segni grafici su diffusore in metacrillato trasparente, definisce il senso e la forma di Plissè di Martinelli Luce, design Emiliana Martinelli. Un’illuminazione classica, ma che non passa inosservata,  innovativa nella tradizione.

Ispirazione: anello nuziale 

Lodes

Lodes unisce le forze con l’architetto Vittorio Massimo per creare la collezione IVY. Minimalista e geometrica, IVY è costituita da un anello sospeso a un cavo – singolo o doppio nelle versioni IVY I e IVY V – che dà energia a un modulo a LED realizzato su misura. Il design si ispira anche agli anelli, in particolare le fedi nuziali, riproposti come il ciondolo di una collana. Questo motivo, che si traduce nella posizione dell’anello sul doppio cavo, pone l’accento su questo oggetto semplice ma prezioso, che fa della perfezione della forma il proprio valore.