come-cambieranno-i-nostri-viaggi-dopo-la-pandemia-di-covid

Come cambieranno i nostri viaggi dopo la pandemia di Covid

Spread the love

Com’è cambiato il mondo dei viaggi e come viaggeremo d’ora in avanti, a causa della pandemia? “Lo shock senza precedenti che ha colpito il turismo è stato talmente forte che ci potrebbero volere fino a quattro anni per tornare ai livelli pre-Covid”, ha spiegato a SiViaggia Alessandra Priante, Director of Regional Department of Europe del World Tourism Organisation (UNWTO), a seguito di un convegno intitolato “What’s Next in Safety & Hospitality Experience”, organizzato da Sommet Education, gruppo leader mondiale nella formazione nel campo dell’hospitality management che comprende i prestigiosi istituti di Glion Institute of Higher Education, Les Roches e l’Ecole Ducasse. Sostenibilità e innovazione saranno al centro della futura politica del turismo”.

Com’è cambiata l’ospitalità nell’ultimo anno?

“L’ospitalità dello scorso anno ha dovuto adattarsi a uno shock senza precedenti che ha colpito ogni singolo stakeholder nella catena del valore del turismo. Nel 2020, gli arrivi di turisti internazionali sono diminuiti del 74% rispetto all’anno precedente, provocando perdite inimmaginabili e, naturalmente, posti di lavoro. Un ritorno ai livelli del 2019 in termini di arrivi internazionali potrebbe richiedere fino a quattro anni.

Nonostante le sfortunate circostanze che hanno portato alla chiusura di molte attività turistiche e persino alla vendita delle infrastrutture turistiche, crediamo che il turismo ripristinerà il suo potenziale di investimento e fornirà ancora una volta lavoro e mezzi di sussistenza a molti milioni di persone in tutto il mondo. Siamo fiduciosi che i mercati riconosceranno le opportunità generate dal recupero delle tendenze precedenti nel turismo internazionale e risponderanno con agilità a vantaggio reciproco delle comunità ospitanti, dei visitatori e di tutti gli altri stakeholder della catena turistica.

Il momento di agire è adesso. Non dobbiamo risparmiare sforzi per assicurarci che il 2021 sia davvero l’anno in cui riavvieremo il turismo a livello globale”.

Di cos’hanno bisogno gli ospiti per tornare a viaggiare in sicurezza?

“Gli ospiti hanno bisogno di fiducia, sentirsi a loro agio: nel processo, nella possibilità, nella sicurezza della loro salute, nel piacere concreto che genera l’esperienza.

Si prevede che la graduale introduzione di un vaccino aumenterà la fiducia dei consumatori e contribuirà ad allentare le restrizioni di viaggio.

Ma nel frattempo, la collaborazione e la cooperazione sono fondamentali per stabilire protocolli conformati che aumenteranno la prevedibilità delle procedure prima, durante e dopo il viaggio, che è un prerequisito per la disponibilità dei turisti, per non parlare del desiderio di viaggiare”.

Esistono delle misure comuni che l’Europa può prendere per rilanciare i viaggi?

“Il recente annuncio da parte della Commissione Europea dell’Unione Europea Digital Green Pass è un passo importante verso il ripristino della mobilità transfrontaliera. Ancora una volta, il coordinamento e la collaborazione si stanno rivelando assolutamente essenziali per affrontare la crisi. L’Ue e l’Europa nel suo insieme devono continuare a essere un esempio per altre regioni. Siamo in questa situazione insieme e ne usciremo solo insieme”.

Qual è l’aspetto positivo (se ne esiste uno) che abbiamo appreso dalla pandemia?

“Nonostante le immense difficoltà, il turismo ha dimostrato – ancora una volta – la sua capacità di adattarsi e resistere alle sfide più grandi. E crediamo nel potere unico del turismo di guidare la ripresa una volta che le circostanze consentiranno il riavvio delle attività turistiche.

Una cosa importante che abbiamo imparato in UNWTO è che il turismo apre porte e menti, guida il cambiamento. Credo che il turismo giocherà ancora una volta il suo ruolo fondamentale di colmare le distanze tra noi. Molto probabilmente alcuni aspetti del modo in cui viaggiamo cambieranno, ma una volta che riusciremo a ricostruire la fiducia dei viaggiatori e recuperare le tendenze del turismo pre-pandemico, l’essenza del turismo rimarrà la stessa: riunire le persone per condividere esperienze indimenticabili e costruire ricordi che durano una vita intera”.

Cosa prevede per i prossimi viaggi e per quelli futuri?

“Le nostre previsioni indicano che non riprenderemo gli stessi valori del 2019 prima della fine del 2023/2024, almeno in termini di arrivi turistici internazionali. Da mesi chiediamo dall’Organizzazione Mondiale del Turismo una discussione sulla riapertura coordinata, sicura e responsabile delle frontiere. L’abolizione delle restrizioni di viaggio è il primo passo per ripristinare una certa normalità nel settore del turismo.

Una volta raggiunto questo obiettivo, la ripresa deve basarsi sul porre la sostenibilità e l’innovazione al centro della futura politica del turismo. Il settore è stato duramente colpito da questa crisi e richiederà notevoli investimenti per riprendersi al punto da poter essere l’agente della ripresa per le economie più ampie”.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *