chloe-porta-a-parigi-la-moda-sostenibile
Spread the love

Già da tempo le maggiori case di moda internazionali hanno abbracciato con entusiasmo il concetto di moda sostenibile.

Aiutare il pianeta senza rinunciare a creare abiti di lusso, che possano ispirare le scelte d’acquisto dei clienti più importanti del mondo, è ormai una missione per molte maison.

Tra queste spicca Chloè che ha scelto di puntare tutto sulla moda di lusso sostenibile: ha portato questa sua nuova filosofia sotto i riflettori della Parigi Fashion Week.

excellence magazine chloe

Chloè e la svolta sostenibile

L’amatissima casa di moda francese ha cambiato decisamente rotta.

La sostenibilità e la ricerca di equilibrio tra moda, lusso e rispetto per l’ambiente sono diventate le priorità da quando c’è stato un cambio al vertice.

Da Dicembre 2020 infatti, la nuova direttrice i Gabriela Hearst ha dato una grande svolta ai messaggi lanciati dalla casa di moda.

Se prima infatti, Chloè si è fatta strada con messaggi ed immagini molto legate ad una femminilità spensierata, colorata e leggera, con Gabriela Hearst si punta molto di più sulla moda etica.

excellence magazine chloe

La nuova collezione di lusso green Chloè

“Per un lusso consapevole e onesto”. Proprio così la maison ha descritto la sua nuova collezione.

Un insieme di creazioni forti e moderne, con una grande attenzione volta soprattutto alla provenienza e ai metodi di lavorazione delle materie prime.

Per la collezione primavera estate presentata alla Fashion Week di Parigi, Chloè ha scelto abiti all’uncinetto dai colori vivaci, accessori creati co conchiglie intrecciate a scampoli di tessuto avanzato e borse con manici intrecciati a mano.

Una nuova consapevolezza della possibilità che lusso, moda e rispetto per l’ambiente possano e debbano coesistere per una nuova dimensione di fashion.

Questo il messaggio, forte e deciso, lanciato dalle passerelle della Fashion Week di Parigi da Gabriela Hearst con la sua collezione per Chloè.

The post Chloè porta a Parigi la moda sostenibile appeared first on Excellence Magazine.