carceri:-capece-(sappe),-‘manca-coordinamento-fra-regioni-su-vaccini,-paura-su-astrazeneca’

Carceri: Capece (Sappe), ‘manca coordinamento fra regioni su vaccini, paura su AstraZeneca’

Spread the love
default_image

Roma, 3 apr. (Adnkronos) – “Mancanza di coordinamento e forti differenze fra le regioni sulle vaccinazioni di detenuti e personale penitenziario”. Vaccinazioni di massa in alcune carceri “come questa mattina a Foggia di tutti i detenuti, mentre la polizia penitenziaria resta al palo”. Ritrosia del personale delle carceri ad essere vaccinato con AstraZeneca, “il 20-30% non lo vuole. Ha paura degli effetti collaterali”. Estremi di mal-practice in regioni come “il Molise che contesto perché nonostante le sollecitazioni nostre e del Garante nazionale dei detenuti ancora non ha fatto nessuna vaccinazione”. E’ il quadro a macchia di leopardo dipinto all’Adnkronos da Donato Capece, segretario generale del Sappe, sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria.

Capace riferisce: “La prassi è vaccinare in genere prima i detenuti, poi gli agenti. Avrei preferito che le cose procedessero di pari passo dato che il personale potrebbe portare il contagio in carcere, vivendo all’esterno. Comunque, nonostante i ritardi e casi come quello di Carinola, in provincia di Caserta, il mese scorso, in cui a causa di un focolaio scoppiato in carcere sono morti tre agenti cinquantenni, tra il personale sono pochi i contagiati”.

“Noi abbiamo già scritto all’Amministrazione penitenziaria di provvedere con urgenza alla vaccinazione a tappeto nelle carceri e chiesto se possibile – conclude – di somministrare Pfizer a chi non vuole AstraZeneca. Infine, dobbiamo scuotere l’Amministrazione affinché le vaccinazioni vengano effettuate in carcere attraverso i medici Sias e non negli hub esterni”.

(di Roberta Lanzara)

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *